Aiuti 2013

Bonus bebè per mamme lavoratrici: domande dal 1° luglio

salvadanaio_maialino
28 Giugno 2013
Dalle ore 11 del 1° luglio 2013 fino al 10 luglio 2013 sarà possibile, per le madri lavoratrici, presentare la domanda di accesso al contributo economico per il servizio di baby-sitting oppure per l'asilo nido pubblico o privato accreditato
Facebook Twitter More

Dalle ore 11 del 1° luglio 2013 fino al 10 luglio 2013 sarà possibile, per le madri lavoratrici, presentare la domanda di accesso al contributo economico per il servizio di baby-sitting oppure per l'asilo nido pubblico o privato accreditato. Ne dà notizia un comunicato ufficiale dell'Inps.

La domanda dovrà essere presentata all’Inps per via telematica, accedendo al portale tramite PIN o attraverso il supporto dei patronati.

Le condizioni e i requisiti per accedere al beneficio sono specificati nel Bando per l’assegnazione dei contributi per l’acquisto dei servizi per l’infanzia di cui all’art. 4, comma 24, lettera b) della legge 28 giugno 2012, n. 92. Ecco una sintesi.

In che cosa consistono i contributi

Si tratta di un contributo economico che si potrà utilizzare per il servizio di babysitting oppure per pagare la retta dell’asilo nido, pubblico o privato accreditato.

I contributi pari a 300 euro al mese possono essere erogati per un periodo massimo di sei mesi e possono essere richiesti se la mamma lavoratrice non usufruisce del periodo di maternità facoltativa (che adesso viene denominato congedo parentale).

Deve essere presentata una domanda per ogni figlio. Nel caso di gemelli, dunque, deve essere presentata una domanda per ogni bambino.

Chi può presentare la domanda

Possono presentare la domanda:

  • le madri, anche adottive o affidatarie, lavoratrici (dipendenti o iscritte alla gestione separata) che siano ancora negli undici mesi successivi al termine del periodo di congedo di maternità obbligatorio;

  • le lavoratrici (dipendenti o iscritte alla gestione separata) beneficiarie del diritto al congedo di maternità obbligatorio per le quali la data presunta del parto sia fissata entro quattro mesi dalla scadenza del bando.

Possono presentare la richiesta anche le lavoratrici che abbiano già usufruito in parte del congedo parentale per i mesi rimanenti.

Le lavoratrici part-time potranno accedere al contributo ma in misura inferiore, mentre le lavoratrici iscritte alla gestione separata possono usufruire del contributo per un periodo massimo di tre mesi.

Come si presenta la domanda

La domanda va presentata on line attraverso il sito dell’Inps. Ecco il percorso da seguire: Al servizio del cittadino – Autenticazione con PIN – Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito – Voucher o contributo per l’acquisto dei servizi per l’infanzia.

Il PIN con cui viene effettuata l’autenticazione al servizio deve essere di tipo “dispositivo”. Si precisa dunque che, ai fini della presentazione della domanda, il richiedente dovrà munirsi in tempo utile del PIN “dispositivo” (per le modalità di richiesta e rilascio del PIN “dispositivo” si rinvia alle disposizioni contenute nella circolare Inps n. 50 del 15/03/2011 e sul sito web dell’Istituto). Le lavoratrici che siano già in possesso di un PIN rilasciato dall’Inps, sono tenute preventivamente a verificare la natura e la validità dello stesso.

La presentazione delle domande sarà consentita dalle ore 11:00 del giorno 1 luglio 2013 fino al giorno 10 luglio 2013.

I benefici, previsti per il periodo 2013-2015, saranno concessi nei limiti delle risorse economiche stanziate dallo stato e sulla base di una graduatoria nazionale.

La graduatoria sarà definita tenendo conto dell’ISEE - Indicatore della Situazione Economica Equivalente (come da dichiarazione relativa al nucleo familiare della concorrente valida alla data di scadenza del presente bando) con ordine di priorità per i nuclei familiari con ISEE di valore inferiore e, a parità di ISEE, secondo l’ordine di presentazione della domanda.

COME SI FORMA LA GRADUATORIA

La graduatoria sarà pubblicata dall’INPS entro 15 giorni dal termine ultimo di presentazione delle domande sul sito www.inps.it al seguente percorso: Home>Avvisi e Concorsi>Avvisi.

L’elaborazione della dichiarazione ISEE relativa al nucleo familiare della concorrente è obbligatoria per determinare il posizionamento in graduatoria della medesima. Essa, prima di trasmettere la domanda, dovrà pertanto far elaborare detta dichiarazione ISEE affinché, durante l’istruttoria della pratica, il sistema automatico dell’Istituto ne rilevi i valori corrispondenti.

La dichiarazione ISEE può esser presentata all’INPS esclusivamente in via telematica, collegandosi al sito Internet www.inps.it, nella sezione “Servizi On-Line” (v. circolare INPS n. 2 del 12/01/2011 e circolare INPS n. 130 del 10/10/2011) ed inserendo i dati necessari per l’elaborazione direttamente nella procedura e nelle banche dati dell’Istituto; la lavoratrice ha comunque la possibilità di richiedere all’Istituto informazioni e consulenza in merito .

In alternativa la lavoratrice può rivolgersi ad un CAF convenzionato, che provvederà alla predisposizione e trasmissione all’INPS della dichiarazione ISEE. Si ricorda che la trasmissione delle dichiarazioni ISEE da parte del CAF all’Istituto non avviene in tempo reale ma in differita e secondo tempistiche definite dal singolo CAF. Si consiglia quindi, prima della presentazione della domanda, di verificare l’avvenuta trasmissione della dichiarazione da parte del CAF.

Nel caso si sia già proceduto all’elaborazione della dichiarazione ISEE ed esista nelle banche dati dell’INPS una dichiarazione valida alla data di scadenza del bando, non sarà necessario richiederne una nuova. Durante l’istruttoria della pratica, qualora il sistema non rilevi un valido ISEE, la domanda sarà respinta.

Come sarà pagato il contributo

Il contributo per l’asilo nido sarà erogato direttamente alla struttura, mentre per il servizio babysitting sarà pagato sotto forma di buoni lavoro (voucher). I buoni lavoro saranno ritirati pressop la sede provinciale dell’Inps.

Prima dell’inizio della prestazione lavorativa del servizio di baby sitting la madre è tenuta ad effettuare la comunicazione preventiva di inizio prestazione, indicando oltre al proprio codice fiscale, il codice fiscale del prestatore, il luogo di svolgimento della prestazione e le date presunte di inizio e di fine dell’attività lavorativa, attraverso i seguenti canali:

  • il contact center Inps/Inail (tel. 803.164, gratuito da telefono fisso, oppure, da cellulare il n. 06164164, con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);

  • il numero di fax gratuito INAIL 800.657657, utilizzando il modulo presente sul sito dell’INAIL;

  • il sito www.inail.it /Sezione 'Punto cliente’,

  • la sede INPS

Hai ancora dei dubbi? Chiedi sul forum al nostro avvocato Nicola Perrotti. Risponde alle vostre domande sui bonus bebè 2013: i dubbi sulle condizioni, i requisiti, come si presenta la domanda.

Clicca qui e scrivi la tua domanda sui bonus.>>

Se vuoi confrontarti con altre mamme, scrivi nell'apposito spazio del forum Bonus neo mamme lavoratrici

Leggi anche gli altri articoli della sezione Bonus bebè 2013