Aiuti famiglia

Bonus mobili e elettrodomestici, come ottenerli

coppia-fa-acquisti-on-line
30 Settembre 2013
La detrazione al 50% è prevista per chi acquista mobili o elettrodomestici nell'ambito di ristrutturazioni di immobili. Le spese devono essere sostenute dal 26 giugno al 31 dicembre
Facebook Twitter Google Plus More

L’Agenzia delle entrate ha pubblicato una mini guida che spiega come ottenere le agevolazioni per l’acquisto di mobili o grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione Irpef è pari al 50% della spesa.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA MINI GUIDA SUGLI INCENTIVI

Il bonus mobili è previsto per chi ristruttura casa

E’ indispensabile realizzare una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali. Occorre, inoltre, che le spese per questi interventi di recupero edilizio siano sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013.

Vi rientrano i mobili di casa e grandi elettrodomestici A+ (A per i forni)

Rientrano nell’agevolazione gli acquisti relativi a mobili come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione.

Non vi rientrano porte, pavimenti, tende e altri complementi d'arredo.

Per quanto riguarda gli elettrodomestici (A+ o almeno A per i forni), vi rientrano frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Le spese sostenute devono essere indicate nel 730 o Unico

La detrazione per l’acquisto dei beni si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico persone fisiche).

La novità: via libera ai pagamenti con carta di credito o debito

E’ consentito effettuare il pagamento anche mediante carte di credito o carte di debito, oltre che tramite bonifico. Non è consentito effettuare il pagamento mediante assegni bancari,contanti o altri mezzi di pagamento.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA MINI GUIDA SUGLI INCENTIVI

Ti potrebbero interessare altri articoli su aiuti alla famiglia:

Bonus bebè, prestiti agevolati alle famiglie

Bonus bebè, come chiedere la carta acquisti

Assegno di maternità dei comuni o dello stato