Aiuti alla famiglia

Basilicata, bonus bebè per il 2012

20 Febbraio 2012
Guarda se hai diritto a bonus, aiuti, finanziamenti.
Facebook Twitter More

Contributi alla bolletta della luce e del gas

Sul versante del sostegno alle famiglie, anche quest'anno è previsto un contributo regionale aggiuntivo sulla bolletta energetica ai nuclei famigliari che hanno un reddito Isee non superiore a 3.961 euro e la riduzione del 35% sulla bolletta del gas ad uso civile a quelli numerosi.

Contributi alle ragazze madri

Confermato con un bando per il 2012 l'intervento regionale per le ragazze madri (il bimbo deve essere riconosciuto da un solo genitore) che possono rivolgersi ai servizi sociali dei Comuni di residenza per beneficiare di un contributo economico per il figlio fino al compimento del diciottesimo anno di età.

Contributi per bambini autistici

Quest'anno sarà attivata una rosa di agevolazioni per chi è affetto da autismo e segue terapie innovative con le metodologie Doman, Vojta, Fay e Aba, i beneficiari sono soprattutto i bimbi nella fascia prescolare e scolare (la misura, comunque, si rivolge a tutti i soggetti indipendentemente dall'età). Per maggiori informazioni, si può chiamare l'Urp Formazione al numero 0971 668055.

Contributi software per la dislessia

L'iniziativa si aggiunge al contributo economico per l'acquisto di software informatici per i bambini dislessici, già disponibile nel 2011. Che rientra nella legge regionale (33/08) sulla dislessia e i possibili interventi, di cui la Basilicata è stata tra le prime in Italia a dotarsi. L'importo può arrivare fino all'80% della spesa sostenuta in base al reddito Isee della famiglia. Per verificare dettagli e modalità di accesso, occorre contattare il Comune di residenza.

Cura su misura

Per il 2012 sono in via di definizione una serie di servizi innovativi per la prima infanzia (alternativi al classico modello dell'asilo nido), destinati a offrire una risposta concreta alle mamme che lavorano (o desiderano rientrare nel mercato).

Il programma della Basilicata (http://www.basilicatanet.it/), battezzato “Cura su misura”, si inserisce nell'ambito della convenzione tra la Regione e il Dipartimento delle Pari Opportunità, e si rivolge a tutti i Comuni lucani sotto i 3.000 abitanti per sperimentare soluzioni per i più piccoli adatte al territorio. È quindi importante tenere d'occhio eventuali avvisi e bandi del Comune di residenza.

Potenza

Il Comune (http://www.comune.potenza.it) si occupa di erogare il contributo regionale alle ragazze madri (il bimbo deve essere riconosciuto da un solo genitore) - previsto anche per il 2012 - fino al compimento del diciottesimo anno di età del figlio.

Le richieste devono essere presentate entro un anno dalla nascita del bambino e l'importo trimestrale cambia in base al numero di figli: 615,10 € (per un figlio), 717,36 € (per due figli), 819,62 € (per tre figli). Per maggiori informazioni e per la domanda, occorre rivolgersi all'Ufficio Cortesia dei Servizi Sociali (tel. 0971 415542-41-14).

Prevista anche per il 2012 la Carta Giovani che si rivolge ai ragazzi tra i 16 e i 32 anni residenti in città (o coloro che frequentano l'Università in Basilicata). Non è un'agevolazione diretta per tutta la famiglia, ma è altrettanto interessante: dà diritto a sconti su musei, iniziative culturali, teatri e a prezzi speciali nei negozi convenzionati. Per averla, è sufficiente compilare un modulo presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (Piazza Matteotti), tel. 0971/415044 o 415049.