Aiuti alla famiglia

Umbria, bonus bebè per il 2012

20 Febbraio 2012
Guarda se hai diritto a bonus, aiuti, finanziamenti.
Facebook Twitter More

Contributi alle famiglie vulnerabili

Sul versante agevolazioni, sarà aperto fino a luglio 2012, il Contratto di sostegno per le famiglie vulnerabili (la prima annualità) che consiste in un contributo economico variabile per situazione di temporanea difficoltà nel ciclo di vita della famiglia. Per richiedere l'intervento, occorre avere un reddito ISEE tra 7.500 e 23.000 euro,

La domanda va presentata compilando il modulo disponibile presso gli Uffici di Cittadinanza di riferimento scaricabile dai siti internet dei Comuni e della Regione (http://www.assessoratowelfare.regione.umbria.it/Mediacenter/FE/media/interventi-famiglie-vulnerabili.html).

Prestito d'onore

Ancora attivo anche il prestito d’onore (gestito fa Gepafin) che prevede un prestito fino a 5.000 euro con interessi a carico della Regione alle famiglie con qualche “emergenza” economica (nascita/adozione di un figlio; istruzione primaria, secondaria e universitaria dei figli; traslochi e contratti di affitto). Per l'accesso è necessario la residenza in Umbria e un reddito ISEE non superiore a 17mila euro e non inferiore a 5mila euro.

Per usufruirne, occorre inoltrare domanda agli uffici di cittadinanza dell'area competente. Per maggiori informazioni, si può chiamare la Direzione Regionale Salute, Coesione Sociale e Società della Conoscenza al numero 075 504 5312 (fax 075 504 5569).

Progetto tagesmutter

La Regione Umbria (http://www.regione.umbria.it) continua la strada già intrapresa lo scorso anno, confermando un buon numero di progetti e sperimentazioni a favore delle famiglie. Una nuova esperienza che piano piano sta prendendo forma è quella delle Tagesmutter, un'operatrice qualificata che a casa sua tiene piccoli gruppi di bimbi.

Al momento sono state selezionate su tutto il territorio regionale 40 donne che hanno già iniziato la formazione propedeutica per l’eventuale avviso dell’attività. Questa formula dei nidi familiari - ci informano dall'Assessorato del Welfare - è particolarmente adatta a una realtà geografica, disseminata di piccoli Comuni come quella dell'Umbria.

Family help per il sostegno educativo

In materia di strumenti innovativi, la Regione ha anche istituito il registro regionale per i Family Help figure disponibili a offrire servizi di cura e sostegno educativo a famiglie o madri sole. In questa fase, ancora iniziale, è previsto, a breve, un percorso formativo regionale per i candidati futuri Family Help sugli aspetti principali delle cura ai minori e di adulti in difficoltà. Una volta conclusi i passi per l'avvio del progetto, i Comuni potranno fare riferimento all'elenco regionale.