Aiuti alla famiglia

Carta acquisti ordinaria per il 2014

Di Centro studi Sintesi
mamma-con-neonato
28 Febbraio 2014
La carta acquisti ordinaria è concessa ai bambini di età inferiore ai tre anni e alle persone con più di 65 anni. La carta acquisti vale 40 euro al mese e può essere utilizzata per la spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas
Facebook Twitter Google Plus More

Si tratta di una carta prepagata ricaricabile che si può usare per la spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas. E' utilizzabile in tutti gli esercizi abilitati al circuito Mastercard.

PER ALTRI AIUTI ALLA FAMIGLIA, VAI NELLA SEZIONE BONUS BEBE' 2014

Chi ha diritto alla carta acquisti ordinaria

Ne hanno diritto i cittadini italiani con meno di tre anni e più di 65 anni, residenti in Italia.

La Legge di Stabilità 2014 ha esteso la titolarità del diritto anche ai cittadini di Stati membri dell’Unione europea ovvero familiari di cittadini italiani o di Stati membri dell’Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Al momento attuale non sono però ancora stati definiti i criteri per l’accesso alla Carta per gli stranieri.

Requisiti Isee e altro

I cittadini di età inferiore ai tre anni devono:

 

  • avere un ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente), in corso di validità, inferiore a 6.781,76 €;

  • non essere, da solo o insieme agli esercenti la potestà genitoriale:

    • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;

    • intestatario/i di più di una utenza elettrica non domestica;

    • intestatario/i di più di due utenze del gas;

    • proprietario/i di più di due autoveicoli;

    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;

    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo o di categoria catastale C7;

     

  • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 €.

 

I cittadini di età non inferiore ai 65 anni devono:

 

  • avere trattamenti pensionistici o assistenziali che, cumulati ai relativi redditi propri, sono di importo inferiore a 6.781,76 € all'anno o di importo inferiore a 9.042.34 € all'anno, se di età pari o superiore a 70 anni;

  • avere un ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente), in corso di validità, inferiore a 6.781,76 €;

  • non essere, da solo o insieme al coniuge:

    • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;

    • intestatario/i di utenze elettriche non domestiche;

    • intestatario/i di più di una utenza del gas;

    • proprietario/i di più di un autoveicolo;

    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;

    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo o di categoria catastale C7;

    • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 €;

     

  • non fruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena.

 

Quanto vale la carta acquisti ordinaria

La carta acquisti vale 40 euro al mese e viene ricaricata ogni due mesi con 80 euro.

Come richiederle la carta acquisti ordinaria

Consegnando il modulo compilato (scaricabile al seguente indirizzo http://www.mef.gov.it/carta_acquisti/ o disponibile presso gli uffici postali) e gli allegati ivi indicati presso un ufficio postale.

Termine per presentare le domande

Non è previsto un termine.

Link per saperne di più e chiedere informazioni http://www.mef.gov.it/carta_acquisti/

Numero verde 800.666.888

Legge/provvedimento di riferimento

 

  • DL n. 112 del 2008 (art.81, comma 29 e seguenti) convertito, con modificazioni, dalla legge n. 133 nel 2008;

  • Decreto interdipartimentale 16 settembre 2008, coordinato con il decreto interdipartimentale 7 novembre 2008 e con il decreto interdipartimentale 27 febbraio 2009;

  • Legge 27 dicembre 2013, n. 147.