Aiuti alla famiglia

Carta acquisti sperimentale

Di Centro studi Sintesi
IS098R4Q9
28 Febbraio 2014
La carta acquisti sperimentale è una carta prepagata ricaricabile che può essere concessa a famiglie in situazione di disagio economico con almeno un figlio minorenne. Per ora è disponibile soltanto in 12 comuni: Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia, Verona.
Facebook Twitter More

E' una carta prepagata ricaricabile introdotta come forma di sostegno al reddito delle famiglie in situazione di disagio economico con almeno un figlio minore. Si utilizza come una qualsiasi carta prepagata nei negozi indicati dai comuni che la emettono e la si può usare per acquistare qualsiasi tipo di beni e servizi.

Al momento, nonostante le disposizioni della Legge di Stabilità che la estende a tutto il territorio nazionale, la Carta è disponibile solo in 12 comuni: Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia, Verona.

PER ALTRI AIUTI ALLA FAMIGLIA, VAI NELLA SEZIONE BONUS BEBE' 2014

Quali sono le condizioni per aver diritto alla carta acquisti sperimentale

La carta è rivolta alle seguenti categorie:

  • Cittadini italiani o comunitari;

  • Familiari di cittadini italiani o comunitari, anche senza la cittadinanza di uno Stato membro, purché titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

  • Cittadini stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

  • Rifugiati politici o titolari di protezione sussidiaria.

Condizione indispensabile è la presenza nel nucleo familiare di almeno un figlio minorenne.

Per aver diritto alla Carta sono previsti i seguenti requisiti economici e lavorativi:

Requisiti economici

  1. ISEE, relativo all’anno reddito 2012, inferiore o uguale a 3.000 euro;

  2. Patrimonio mobiliare, come definito ai fini ISEE, inferiore a 8.000 euro;

  3. Valore dell’indicatore della situazione patrimoniale, come definito ai fini ISEE, inferiore a 8.000 euro;

  4. Valore ai fini ICI della abitazione di residenza inferiore a 30.000 euro (per i nuclei familiari residenti in abitazione di proprietà);

  5. Non godere di trattamenti, oppure godere, nell'anno di competenza del beneficio, di trattamenti, forniti a qualsiasi titolo, di importo complessivo per il nucleo familiare inferiore a 600 euro mensili;

  6. Non essere in possesso di autoveicoli immatricolati nei 12 mesi antecedenti la richiesta, ovvero in possesso di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc, nonché motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei tre anni antecedenti.

Requisiti lavorativi (2 e 3 alternativi)

  1. Assenza di lavoro per i componenti in età attiva del nucleo al momento della richiesta del beneficio;

  2. E almeno un componente del nucleo per il quale, nei 36 mesi precedenti la richiesta del beneficio, sia avvenuta:

  • nel caso di lavoratore dipendente, la cessazione del rapporto di lavoro;

  • nel caso di lavoratore autonomo, la cessazione dell’attività;

  • nel caso di lavoratore precedentemente impiegati con tipologie contrattuali flessibili, possa essere dimostrata l’occupazione nelle medesime forme per almeno 180 giorni.

3. Almeno un componente del nucleo in condizione di lavoratore dipendente ovvero impiegato con tipologie contrattuali flessibili. In questo caso, il valore complessivo per il nucleo familiare dei redditi da lavoro effettivamente percepiti nei sei mesi antecedenti la richiesta non deve superare 4.000 euro.

Salvo quanto elencato, è facoltà dei comuni partecipanti alla sperimentazione prevedere ulteriori requisiti per l’accesso alla Carta acquisti sperimentale.

Requisiti Isee e altro

A parità di altre condizioni, sarà assegnata precedenza per l’assegnazione del beneficio ai nuclei che presentano le seguenti caratteristiche:

  • Disagio abitativo, accertato dai competenti servizi del Comune;

  • Nucleo familiare costituito esclusivamente da genitore solo e figli minorenni;

  • Nucleo familiare con tre o più figli minorenni ovvero con due figli e in attesa del terzo figlio;

  • Nucleo familiare con uno o più figli minorenni con disabilita;

Quale ulteriore criterio di precedenza, sempre a parità di altre condizioni, saranno favoriti i nuclei:

  • Con il più alto numero di figli;

  • Con la più bassa età del figlio più piccolo.

La Carta acquisti sperimentale non è cumulabile con la Carta acquisti ordinaria.

Alcuni dei beneficiari saranno scelti casualmente per partecipare ad un progetto personalizzato mirante al superamento della condizione di povertà. L’adesione al progetto in caso di selezione è obbligatoria, pena l’esclusione dalla sperimentazione.

Quanto vale la carta acquisti sperimentale

Sulla Carta vengono accreditati mensilmente, in base al numero di componenti il nucleo famigliare, i seguenti importi:

2 membri

231 €

3 membri

281 €

4 membri

331 €

5 membri o più

404 €

Come richiedere la carta acquisti sperimentale

La domanda deve essere presentata presso il comune di residenza secondo le modalità indicate.

Termine per presentare le domande

Il termine è stabilito dai singoli comuni.

Link per saperne di più e chiedere informazioni

http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=8772

Numero attivato per chiedere informazioni 803.164

Legge/provvedimento di riferimento

  • DL n.5 del 2012 (art. 60), convertito, con modificazioni, dalla legge n. 35 del 2012 (art. 3, commi 3 e 4);

  • DL n. 76 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 99 del 2013;

  • DL n. 112 del 2008 (art.81, comma 29 e seguenti) convertito, con modificazioni, dalla legge n. 133 nel 2008;

  • Legge 27 dicembre 2013, n. 147.

LEGGI SE INVECE HAI DIRITTO ALLA CARTA ACQUISTI ORDINARIA