Nostrofiglio

Bonus

Carta famiglia 2018: che cosa è e come funziona

maialino

31 Gennaio 2018
Un bonus per tutte le famiglie con più di tre bimbi e con un ISEE sotto i 30mila euro. Ecco come funziona la nuova Carta famiglia, i requisiti per ottenerla e come fare la richiesta.

Facebook Twitter Google Plus More

Un bonus per le famiglie numerose: una card sconti per nuclei familiari con almeno tre figli minori e un ISEE in corso di validità non superiore ai 30mila euro. A due anni dalla Legge di Stabilità 2016 che l'ha istituita, diventa finalmente operativa la Carta famiglia. Il decreto attuativo 20/09/2017 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 6 del 9 gennaio scorso. [Attenzione: questa Carta non è da confondere con la carta acquisti o social card]

 

A chi è rivolta la Carta famiglia?

Destinatari della Carta sono

  • i componenti dei nuclei familiari (cittadini italiani o cittadini stranieri regolarmente residenti sul territorio italiano),
  • con almeno tre componenti minorenni,
  • con ISEE non superiore ad euro 30.000.

 

Come presentare la richiesta?

La richiesta della Carta è presentata da uno dei genitori dei componenti minorenni appartenenti al nucleo familiare, che diventa titolare della stessa e responsabile del suo utilizzo.

Nel caso di minori in affidamento familiare, la richiesta può essere presentata dagli affidatari per il periodo di permanenza dei minori in famiglia. Ai soli fini del rilascio della Carta, i minorenni in affidamento familiare vengono sempre conteggiati nel computo dei minorenni presenti nel nucleo familiare.

La tessera, previa richiesta, viene emessa dai singoli Comuni, che attestano lo stato della famiglia al momento del rilascio. La Carta non è cedibile e ha durata biennale dal momento del rilascio. 

 

Come funziona la Carta famiglia?

Uno dei genitori fa richiesta al Comune di residenza dichiarato nell'ISEE, presentando la Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini ISEE in corso di validità.

 

Diventa così titolare della Carta e ne è responsabile dell'utilizzo.

Per ottenere gli sconti occorre esibirla nei negozi, strutture pubbliche e private convenzionati, insieme a un documento di riconoscimento.

La Carta viene rilasciata in formato di tesserino cartaceo e ove previsto, previo pagamento dei costi di emissione.

 

Quali sono i benefici?

La Carta consente l'accesso a sconti sull'acquisto di beni o servizi, condizioni agevolate o riduzioni alimentari. Come si legge sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, "gli sconti, le condizioni agevolate o le riduzioni tariffarie possono riguardare i beni alimentari (Prodotti alimentari, Bevande analcoliche), i beni non alimentari (Prodotti per la pulizia della casa, Prodotti per l'igiene personale, Articoli di cartoleria e di cancelleria, Libri e sussidi didattici, Medicinali, prodotti farmaceutici e sanitari, Strumenti e apparecchiature sanitari, Abbigliamento e calzature), i servizi (Fornitura di acqua, energia elettrica, gas e altri combustibili per il riscaldamento, Raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani, Servizi di trasporto, Servizi ricreativi e culturali, musei, spettacoli e manifestazioni sportive Palestre e centri sportivi, Servizi turistici, alberghi e altri servizi di alloggio, impianti turistici e del tempo libero, Servizi di ristorazione, Servizi socioeducativi e di sostegno alla genitorialità Istruzione e formazione professionale)".

Può servire anche a creare uno o più gruppi di acquisto famigliare o per fruire di biglietti famiglia o abbonamenti famiglia per servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici o di altro tipo.

 

Negli esercizi con bollino "Amico di famiglia" sarà possibile trovare sconti o agevolazioni pari o superiori al 5% rispetto al normale prezzo di listino, mentre in quelli con bollino "Sostenitore della famiglia" la riduzione sarà pari o superiore al 20%.

 

L'iter della Carta

Una puntualizzazione del Ministero del Lavoro a Donna Moderna, riguardo la Carta: “Siamo all’opera per attivare entro la fine del mese di gennaio una piattaforma online, attraverso la quale i comuni che decideranno di aderire all’iniziativa potranno compilare (e scaricare, pronto per la stampa) il tesserino per il rilascio ai nuclei familiari richiedenti e comunicare le convenzioni attivate con gli esercenti privati attivate o la scontistica offerta sui servizi pubblici sul loro territorio". Aggiunge inoltre: “Per la natura stessa dello strumento sarà necessario un periodo di tempo, auspicabilmente breve, per il rodaggio delle procedure e per l’attivazione dei benefici in tutte le regioni e i comuni aderenti".

 

Leggi la brochure

Scarica la locandina

Tutte le info sul sito del Ministero del Lavoro

Scopri tutto anche su bonus bebè 2018, bonus mamma domani 2018, carta acquisti 2018, bonus nido 2018, REI, reddito di inclusione