ISEE

Famiglie: nuovo ISEE dal 1° gennaio 2015. Come si calcola

Di Centro studi Sintesi
nsa-bb0140294
25 Novembre 2014
Dal 1° gennaio 2015 entrerà in vigore un nuovo ISEE, indicatore della situazione economica equivalente. Chi vorrà chiedere una prestazione agevolata (asilo nido, mense scolastiche, diritto allo studio, assistenza,…) dovrà compilare la nuova DSU (Dichiarazione sostitutiva unica) o la DSU mini.
Facebook Twitter Google Plus More

Dal 1° gennaio 2015 entrerà in vigore un nuovo ISEE. Il nuovo indicatore della situazione economica equivalente sarà calcolato solo in parte con l'autodichiarazione dei soggetti interessati; i controlli diventeranno infatti più severi e la nozione di ‘reddito' sarà rivista, così come la modulistica. 

 

Chi vorrà chiedere una prestazione agevolata (asilo nido, mense scolastiche, diritto allo studio, assistenza,…) dovrà compilare la nuova DSU (Dichiarazione sostitutiva unica) o la DSU mini.

 

Nella maggior parte dei casi basterà la Dsu mini che non può essere usata in caso di presenza nel nucleo di persone disabilità, se i genitori non sono sposati né conviventi, se vengono richieste prestazioni legate al diritto allo studio universitario, se si è esonerati dalla presentazione dei redditi.

 

Se la dichiarazione si sdoppia, l'Isee si va in sei:

  • Isee ordinario;
  • Isee Università, per prestazioni al diritto allo studio universitario;
  • Isee Sociosanitario, per sconti su tariffe relative all’assistenza domiciliare;
  • Isee Sociosanitario-residenze, per prestazioni residenziali presso strutture sociosaniatrie assistenziali
  • Isee Minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi
  • Isee ‘corrente' che permette di aggiornare l'indicatore della situazione economica della famiglia in caso di variazioni del reddito. 

Le soglie di reddito per chiedere gli sconti IRPEF

 

Spese per baby sitter e badanti 

Non ci sono limiti di reddito per detrarre i 549,37 euro dal reddito comprensivo dei contributi previdenziali pagati per le baby sitter, colf e badanti.

 

Familiari a carico

Soglia: 80.000 mila euro. Si ottiene una detrazioni dall’Irpef, con valori  differenti  secondo il familiare a carico (coniuge, figli, altri  familiari). La detrazione si riduce con l’aumentare del reddito.

 

Spese per badanti

Soglia: 40.000 mila euro. Per le spese di assistenza se il reddito è inferiore a 40 mila euro è possibile avere una seconda detrazione. Si ottiene una detrazione dall’Irpef di un importo pari al 19% della spesa sostenuta, con un massimo di spesa detraibile di 2.100 euro

 

Spese per affitto dell’abitazione principale

Soglia: 30.987,41 euro. Si ottiene una detrazione dall’Irpef di 495,80 euro per i primi tre anni

Possibili altre detrazioni per affitto universitari e lavoratori dipendenti che trasferiscono la loro residenza nel comune di lavoro.

 

Limite per essere considerato a carico del contribuente dichiarante

Soglia: 2.840,51 euro. Limite di reddito complessivo del familiare per essere  considerato a carico del  contribuente dichiarante. Si ottiene Detrazioni dall’Irpef, con valori differenti secondo il familiare a carico (coniuge, figli, altri familiari), l’eventuale handicap dei familiari a carico, il reddito del contribuente dichiarante. Al salire del reddito si riduce la detrazione effettiva.