Bonus famiglia

Fondo "Nasko" archiviato: il nuovo bonus bebè Regione Lombardia vale 1.800 euro

Di Luisa Perego Nicolò de Rosa
bonus-famiglia.600
20 aprile 2016
Archiviato il fondo "Nasko", rivolte per le madri in difficoltà che rinunciavano all'interruzione di gravidanza. La Giunta Maroni ha invece approvato un bonus più ampio per le famiglie con bebè che rientreranno nei parametri d'aiuto. Prevederà un contributo di 150 euro mensili, partendo da sei mesi prima della nascita del figlio fino ai sei mesi di vita, per un importo massimo di 1.800 euro. 

Lunedì 18 aprile la Giunta Maroni a governo della Regione Lombardia, nel pacchetto di delibero riguardanti il Reddito di Autonomia, ha archiviato definitivamente il fondo Nasko. Tale fondo, nato nel periodo in cui era governatore Roberto Formigoni e rifinanziato anche in questa legislatura, aiutava economicamente le donne in difficoltà economiche che rinunciavano ad abortire.

 

 

Arriva un nuovo bonus bebè dedicato alle famiglie residenti in Lombardia.

 

In che cosa consiste e i requisiti per accedere

 

Il nuovo bonus bebè (che in questo caso si chiama bonus famiglia) previsto entrerà in vigore a maggio 2016 e prevederà un contributo di 150 euro mensili, partendo da sei mesi prima della nascita del figlio fino ai sei mesi di vita, per un importo massimo di 1.800 euro.

 

Requisiti? Residenza (di almeno uno dei due coniugi se in coppia) in Lombardia da minimo 5 anni e indicatore Isee sotto i 20mila euro.

 

Il contributo sarà valido anche per chi adotta, in risposta alle polemiche di quale settimana fa riguardo la mancata assistenza ai nuclei famigliari in difficoltà che adottano, con l’assegno di 150 euro mensili erogato al momento dell’ingresso in famiglia fino a un massimo di 900 euro.

 

 

Come richiedere il bonus?

 

E' possibile richiedere il bonus famiglia della Regione Lombardia attraverso i servizi sociali del Comune di riferimento e i Centri di Aiuto alla Vita (CAV).

 

 

Sono previste altre agevolazioni per le famiglie che risiedono in Lombardia: l'esenzione super ticket e gli asili nido gratis

 

.

 

 

1 - Esenzione super ticket: che cosa è e quali sono i requisiti

 

Sempre PER LE FAMIGLIE “Esenzione super ticket” sulle prestazioni sanitarie di specialistica ambulatoriale

 

I requisiti per accedere sono un reddito familiare annuo lordo fino a 18.000 euro. Avviato da ottobre 2015 prosegue per tutto il 2016.

 

Modalità di accesso: autocertificazione del reddito, per sé e per i familiari a carico, presso l'ATS di competenza territoriale che rilascerà l'attestazione di esenzione (codice di esenzione E15).

 

 

2 - Nidi gratis: che cosa è e quali sono i requisiti

 

Questa agevolazione consiste nell'azzeramento della retta pagata dalla famiglia per i nidi pubblici o per i posti in nidi privati convenzionati con il pubblico, ad integrazione dell'abbattimento già riconosciuto dai Comuni.

 

Requisiti per accedere: è rivolto a famiglie con minori da 3 a 36 mesi, indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20.000 euro e residenza in Lombardia per entrambi i genitori di cui almeno uno residente da 5 anni continuativi. I genitori devono lavorare o fruire di percorsi di politica attiva del lavoro.

 

Modalità di accesso: da maggio 2016, attraverso il Comune di riferimento.

 

Il bonus bebè e i nidi gratis saranno soggetti a specifici decreti attuativi.

 

Per maggiori info: Regione Lombardia