Aiuti alla famiglia

Liguria, prestiti d'onore alle famiglie in difficoltà

Di Centro studi Sintesi
Liguria.jpg
28 Febbraio 2014
Il finanziamento che si può richiedere va dai 3mila ai 10mila euro, da restituirsi in 36 mesi. Gli interessi sono coperti dal contributo della regione
Facebook Twitter Google Plus More

Si tratta di un’iniziativa per l’erogazione di prestiti d’onore a tasso zero a cittadini e nuclei familiari residenti in Liguria che si trovino in situazioni di grave e temporanea difficoltà economica a seguito di eventi di carattere non ordinario. I prestiti saranno eventualmente garantiti da un apposito fondo di garanzia.

PER ALTRI AIUTI ALLA FAMIGLIA, VAI NELLA SEZIONE BONUS BEBE' 2014

Quali sono le condizioni per aver diritto al finanziamento:

I destinatari dei prestiti sono costituiti dalle seguenti categorie:

  • Famiglie monogenitoriali con figli minori;

  • Famiglie con aumento del carico familiare, derivante da parto gemellare o dall’adozione di un figlio;

  • Famiglie in fase di ricongiungimento limitatamente all'anticipo dell'affitto e all'acquisto del primo arredo;

  • Famiglie in cui un componente ha subito un grave deterioramento psicofisico o è stato colpito da un evento da cui è derivato un grave handicap fisico e/o psichico;

  • Famiglie in cui uno dei componenti, con stato di invalidità accertato, è in attesa della corresponsione dell’indennità di accompagnamento;

  • Donne che fanno un percorso di uscita dalla violenza;

  • Altri casi, meritevoli di attenzione (per esempio giovani coppie), con gravi problemi economici.

Per poter accedere al finanziamento, il richiedente, maggiorenne e residente in Liguria, deve possedere i seguenti requisiti:

  • Non aver percepito un reddito lordo complessivo e cumulativo di tutte le persone inserite nello stato di famiglia, superiore a 30.000 euro, al netto della diminuzione di 2.000 euro per ogni figlio a carico, e di 4.000 euro per ogni familiare a carico che si trovi nelle condizioni di cui all’art. 3 della legge 5 febbraio 1992 n° 104.

  • Avere una situazione finanziaria, in atto o potenziale tale da permettere una ragionevole capacità di rimborso;

  • Non aver una situazione debitoria con gli Istituti di Credito che evidenzi l’assoluta incapacità di rimborso del prestito

  • Non godere di altre agevolazioni della stessa natura erogate da soggetti pubblici e/o privati, fatte salve le agevolazioni di carattere fiscale, non aver avuto protesti, procedimenti per remissioni assegni a vuoto o altre gravi pendenze giudiziarie.

Quanto vale il prestito d'onore

L’agevolazione consiste nell’abbattimento totale degli interessi sui prestiti delle banche convenzionate da restituirsi entro un massimo di 36 mesi. Il prestito può variare da un minimo di 3.000 euro ad un massimo di 10.000.

Come richiedere il prestito d'onore

Inviando tramite raccomandata la domanda (scaricabile dal seguente indirizzo: http://www.regione.liguria.it/argomenti/sanita-e-politiche-sociali/infanzia-giovani-e-famiglia/prestito-donore-.html) presso la Regione Liguria. Dopo le verifiche, la Regione comunicherà al richiedente l’esito dell’istruttoria e comunicherà l’elenco delle banche convenzionate per l’erogazione dei prestiti. Le banche, esaminate le richieste, ne comunicheranno l’esito all’interessato e provvederanno ad erogare il prestito in un’unica soluzione.

Termine per presentare le domande

Non è previsto un termine.

Link per saperne di più e chiedere informazioni

http://www.regione.liguria.it/argomenti/sanita-e-politiche-sociali/infanzia-giovani-e-famiglia/prestito-donore-.html

Legge/provvedimento di riferimento

  • DGR 27 aprile 2004, n.378.

Leggi tutti gli approfondimenti della sezione bonus bebè 2014

Ti potrebbe interessare anche:

Liguria, sostegno ai lavoratori senza stipendio

DAL FORUM Bonus, agevolazioni e aiuti per le famiglie: Assistenza fiscale, agevolazioni fiscali, bonus, aiuti alle famiglie. Risponde Giuseppe Mastrototaro, responsabile del Centro Raccolta Caf Fenapi Bisceglie