Salute

Provincia di Trento, assistenza odontoiatrica per minori e in gravidanza

Di Centro studi Sintesi
trento
05 Marzo 2014
Le cure dentistiche sono garantite ai soli iscritti al Servizio Sanitario Provinciale e residenti in Provincia di Trento da almeno tre anni al momento della richiesta di accesso
Facebook Twitter Google Plus More

Assistenza odontoiatrica a carico del Servizio Sanitario Provinciale con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo di adeguati progetti di prevenzione a livello scolare e prescolare e di favorire l’accesso all’assistenza odontoiatrica, conservativa, protesica e ortodontica delle persone a basso reddito.

Condizioni per aver diritto all’assistenza

  • I pazienti tra 0 a 18 anni hanno diritto a:

    • prevenzione primaria

    • cure secondarie: per tutti i minori da 0 a 14 anni; invece per i minori dai 15 ai 18 anni solo nei casi di indicatore I.C.E.F. inferiore a 0.2000

    • solo nei casi di indicatore I.C.E.F. inferiore a 0.2000 anche ortodonzia e assistenza protesica mobile e fissa

  • I minori disabili psichici e psicofisici hanno diritto a cure secondarie, assistenza protesica mobile e fissa e ortodonzia;

  • I nuclei familiari con indicatore I.C.E.F. inferiore a 0.2000 hanno diritto a cure secondarie e assistenza protesica mobile e fissa;

  • Le donne in gravidanza oltre il 3° mese (fino al parto) hanno diritto a prevenzione primaria e cure secondarie.

Le prestazioni sono garantite ai soli iscritti al Servizio Sanitario Provinciale e residenti in Provincia di Trento da almeno tre anni al momento della richiesta di accesso, ad eccezione di quelle di prevenzione primaria e delle urgenze odontoiatriche assicurate invece a tutta la popolazione presente sul territorio.

Sono previste alcune eccezioni al requisito della residenza in Provincia da tre anni:

  • Minore adottato o in affidamento residente al momento della richiesta, può accedere alle cure se i genitori hanno la residenza da almeno tre anni;

  • Minore straniero residente al momento della richiesta, può accedere alle cure se i genitori a cui si ricongiunge hanno la residenza da almeno tre anni.

Le prestazioni ammesse sono

  • La prevenzione primaria (promozione dell’igiene, fluoroprofilassi, controllo dell’alimentazione, screening, ecc.)

  • Le cure secondarie (estrazioni, trattamento carie, otturazioni, ecc.)

  • L’ortodonzia (apparecchi dentari fissi e mobili)

  • L’assistenza protesica mobile e fissa (dentiere)

  • L'urgenza odontoiatrica (incisione ascessi, emorragie, ecc.)

  • La chirurgia orale (estrazione denti del giudizio, asportazione cisti, ecc.).

L'accesso ai trattamenti ortodontici è sottoposto a valutazione di tipo clinico che discrimina rispetto alla necessità di cure.

Quanto vale

A seconda della tipologia di prestazione, dell’età e dell’ICEF la prestazione può essere erogata gratuitamente o con una compartecipazione alla spesa. Le diverse casistiche sono riportate al seguente indirizzo: http://www.apss.tn.it/public/ddw.aspx?n=48920&h=-2147444030

Come richiederlo

Le modalità d’accesso variano in base al tipo di struttura presso la quale ci si rivolge per le cure, a seconda che sia una struttura pubblica, privata convenzionata o non convenzionata. Le modalità da seguire sono riportate al seguente indirizzo:

http://www.apss.tn.it/public/ddw.aspx?n=48920&h=-2147444042

Link per saperne di più e chiedere informazioni

http://www.trentinosociale.it/index.php/Servizi-ai-cittadini/Guida-ai-servizi/per-tipo-di-servizio/Aiuti-economici/Assistenza-odontoiatrica

Legge/provvedimento di riferimento

  • LP 12 dicembre 2007, n. 22

Leggi tutti gli approfondimenti della sezione bonus bebè 2014

Ti potrebbero interessare anche:

Provincia di Trento, esenzione dal ticket chi ne ha diritto

Provincia di Trento, reddito di garanzia

Provincia di Trento, esenzione dal ticket sanitario

Trento, un aiuto economico se l'ex non paga

Provincia di Trento, assegno nucleo familiare

DAL FORUM Bonus, agevolazioni e aiuti per le famiglie: Assistenza fiscale, agevolazioni fiscali, bonus, aiuti alle famiglie. Risponde Giuseppe Mastrototaro, responsabile del Centro Raccolta Caf Fenapi Bisceglie