Aiuti alla famiglia

Puglia, incentivi per l'assunzione regolare di personale di cura a domicilio

Di Centro studi Sintesi
Lecce.jpg
18 Marzo 2014
La regione Puglia mette a disposizione alcuni incentivi per l’assunzione regolare di personale di cura a domicilio. Ecco le procedure per inoltrare la domanda.
Facebook Twitter Google Plus More

Progetto R.O.S.A.: che cos’è

Un progetto della Regione Puglia per stimolare l’emersione del lavoro irregolare nel settore dell’assistenza di cura alla persona a domicilio (badanti, baby sitter, etc.), tramite l’erogazione di incentivi economici ai datori di lavoro, ossia le famiglie, che assumono assistenti domiciliari qualificati.

Condizioni per avere diritto all’incentivo

Per aver diritto all’incentivo è necessario rispettare i seguenti requisiti:

  • Essere residenti nella Regione Puglia;

  • Assumere con contratto di lavoro domestico o avere già in corso un rapporto di lavoro con un assistente familiare iscritto in uno degli elenchi provinciali del Progetto R.O.S.A.

Requisiti Isee e altro

Il reddito Isee della famiglia non deve essere superiore a 30.000 euro.

Gli assistenti domiciliari possono essere scelti esclusivamente tra quelli iscritti nei registri provinciali tenuti presso i Centri per l’Impiego, dove sono suddivisi per competenze certificate e titolo di studio.

Quanto vale

L’incentivo copre in maniera totale o parziale i contributi previdenziali versati trimestralmente per l’assunzione dell’assistente, fino a un massimo di 2.500 euro annui per famiglia per un massimo di 2 anni. Di conseguenza l’incentivo massimo ammonta a 5.000 euro.

L’importo esatto è determinato in funzione dell’Isee del richiedente, come dalla seguente tabella:

REDDITO ISEE

PERCENTUALE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO

Fino a Euro 20.000

100% dei contributi previdenziali

Da Euro 20.001 a 25.000

70% dei contributi previdenziali

Da Euro 25.001 a 30.000

50% dei contributi previdenziali

Il contributo è cumulabile con l’Assegno di cura e l’Assistenza indiretta personalizzata.

Come richiederlo

Dopo l’assunzione dell’assistente, occorre fare domanda esclusivamente online sul sito

http://rosa.pugliasociale.regione.puglia.it

È possibile ricevere assistenza per la presentazione della domanda presso Patronati e Caf.

Successivamente la domanda si perfeziona con la dimostrazione dell’avvenuto versamento dei contributi previdenziali, da effettuarsi sul medesimo sito. È inoltre necessario inviare alla Provincia di residenza la documentazione richiesta.

Termine per presentare le domande

La procedura di erogazione è «a sportello» fino all’esaurimento delle risorse disponibili, non è pertanto previsto un termine.

Link per saperne di più e chiedere informazioni

http://www.pariopportunita.regione.puglia.it/progetto-rosa

Legge/provvedimento di riferimento

  • DGR n. 93/2008;

  • DGR n. 2083/2008;

  • DGR n. 1270/2009;

  • DGR n. 2366/2009;

  • DGR 2496/2009.

Leggi tutti gli approfondimenti della sezione bonus bebè 2014

TI potrebbe interessare anche:

Puglia, buoni per la retta ai servizi dell'infanzia e dell'adolescenza

DAL FORUM Bonus, agevolazioni e aiuti per le famiglie: Assistenza fiscale, agevolazioni fiscali, bonus, aiuti alle famiglie. Risponde Giuseppe Mastrototaro, responsabile del Centro Raccolta Caf Fenapi Bisceglie