Nostrofiglio

Rei

Reddito di inclusione: sono state presentate quasi 76.000 domande

soldiportafoglio

19 Febbraio 2018
Dal 1° dicembre al 2 gennaio sono state presentate 75.885 le domande per il Rei, reddito di inclusione. Lo comunica l'Inps in una nota

Facebook Twitter Google Plus More

Una misura per contrastare la povertà e l'esclusione sociale. Il Rei, reddito di inclusione, è regolato dal decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147 ed è attivo dal 1° gennaio 2018. Dal 1° dicembre 2017 è però possibile fare richiesta per ottenere il sussidio. In questo lasso di tempo 1 dicembre - 2 gennaio sono state presentate 75.885 domande. Lo comunica l'Inps in una nota.

 

Il Rei, Reddito di inclusione è una misura introdotta dal Governo per contrastare la povertà di nuclei familiari con almeno un figlio a carico e in condizioni economiche svantaggiate.

 

In che cosa consiste il Rei?

Il Rei è composto da due parti:

  • un assegno mensile, erogato con carta prepagata da Poste Italiane SpA (la carta Rei) che dipende dalla dimensione del nucleo familiare e versato per al massimo 18 mensilità e rinnovatile per ulteriori 12 mesi, a condizione che siano passati almeno sei mesi dalla data di cessazione del godimento della prestazione
  • un progetto di reinserimento sociale e lavorativo

A chi si rivolge il Rei

La misura è attiva dal 1° gennaio 2018 e potranno beneficiarne, dopo averne fatto apposita domanda, i nuclei familiari che, al momento della presentazione della richiesta e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, siano in possesso di specifici requisiti relativi la residenza ed il soggiorno, la composizione del nucleo familiare, nonché di ulteriori requisiti concernenti la condizione economica del nucleo familiare del richiedente.

 

1) Requisiti di residenza e di soggiorno

E' rivolto a cittadini dell’Unione o suoi familiari che sia titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadini di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o apolide in possesso di analogo permesso o titolare di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria). Altro requisito, essere residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento di presentazione della domanda.

 

2) Requisiti familiari

Al momento della domanda il richiedente deve avere una delle seguenti condizioni:

A -presenza di un componente di età minore di anni 18;

B - presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore, ovvero di un suo tutore;

C - presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (in questo caso la documentazione medica attestante lo stato di gravidanza e data presunta del parto deve essere rilasciata da una struttura pubblica e allegata alla richiesta di beneficio, che può essere presentata non prima di quattro mesi della data presunta del parto);

D - presenza di almeno un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni, che si trovi in stato di disoccupazione per licenziamento.

[Con le risorse aggiuntive previste nella legge di bilancio 2018, dal 1° luglio 2018 il REI diventa universale: vengono cioè meno i requisiti familiari e restano solo i requisiti economici.]

3) Requisiti economici

Possono fare richiesta i nuclei devono avere tutti questi requisiti:

  • con Isee inferiore ai 6.000 euro,
  • Isre non superiore a 3.000 euro,
  • aventi un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro e un valore del patrimonio mobiliare, non superiore a 6.000 euro, soglia che può salire di 2.000 euro per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000.

4) Altri requisiti

E' inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:

  • non percepista già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego o altri ammortizzatori sociali
  • non possieda autoveicoli o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi quelli per cui è prevista un'agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità)
  • non possieda navi e imbarcazioni da diporto

Leggi anche: