Scuola

Student Act: nel 2017 un incentivo per gli studenti universitari più meritevoli

Di Niccolò De Rosa
laurea
17 Ottobre 2016
Varati dal Governo nuovi provvedimenti per aiutare gli studenti universitri meno facoltosi ma dall'alto rendimento scolastico
Facebook Twitter More

Cinquanta milioni in più per il diritto allo studio e nuovi bonus per spronare gli studenti più meritevoli appartenenti a certe fasce di reddito: il Governo attua una nuova manovra per invertire la tendenza di una Nazione nella quale ci si laurea ancora troppo poco (solo un ragazzo su quattro consegue un diploma universitario nell'ultimo rapporto Eurostat, ponendoci agli ultimi posti tra i paesi del vecchio Continente).

 

Tra i provvedimenti più attesi dalle matricole spicca lo Student Act, una specie di no tax area nella quale potranno rientrare studenti con voti alti e reddito famigliare medio basso per accedere alla borsa di studio di un valore compreso tra i 10 e i 15.000 euro.

I parametri riportati dal Sole 24 Ore parlerebbero di un reddito ISEE piuttosto basso, sicuramente non superiore ai 15.000 euro.

 

Le entrate che verrebbero dunque a mancare per gli Atenei, sarebbero risarcite dai fondi governativi stanziati nel merito della manovra:

«Valorizzeremo i migliori dipartimenti universitari con fondi aggiuntivi che saranno in gran parte destinati all’assunzione di ricercatori - dice il Ministro dell'Istruzione Giannini al Sole 24 Ore - Daremo più fondi agli Enti di ricerca e una “dote” aggiuntiva ai ricercatori universitari da spendere per le loro attività»

 

Rinnovato infine il "bonus cultura" da 500 euro per i diciottenni, che potrà essere speso per cinema, concerti, eventi culturali, libri e musei.

 

 

FONTE: SOLE 24 ORE