Bonus bebè

Umbria, aiuti alle famiglie vulnerabili

Di Centro studi Sintesi
Perugia.jpg
25 Febbraio 2014
Un sostegno economico una tantum per le famiglie vulnerabili ed esposte a forme di disagio e al rischio di povertà.
Facebook Twitter More

Un sostegno economico una tantum per le famiglie vulnerabili ed esposte a forme di disagio e al rischio di povertà.

Condizioni per aver diritto al beneficio

Possono accedere al beneficio in presenza di determinate situazioni i nuclei familiari, residenti, domiciliati o comunque aventi stabile dimora in regione, dei seguenti tipi:

  • Famiglie con figli;

  • Famiglie con 4 o più componenti;

  • Madri o padri con figlio;

  • Famiglie unipersonali.

Le situazioni che danno diritto ad accedere al beneficio sono le seguenti (è sufficiente che se ne verifichi almeno una):

  • la nascita di un figlio (o l’affido o l’adozione);

  • la riduzione o la perdita del reddito da lavoro da parte della persona di riferimento del nucleo familiare;

  • l’inabilità temporanea al lavoro di lavoratore autonomo, qualora sia l’unico titolare del reddito in famiglia, per periodi eccedenti la copertura assicurativa o in assenza di garanzie assicurative individuali;

  • divorzio, separazione giudiziale, consensuale o di fatto;

  • l’insorgenza di una malattia grave o di una dipendenza;

  • la perdita o la difficoltà di accesso all’alloggio;

  • l’ingresso e la frequenza dei figli nel circuito dell’istruzione;

  • la presenza o l’insorgenza in famiglia di una condizione di non autosufficienza.

Requisiti Isee e altro

Il nucleo familiare deve possedere un Indicatore di situazione economica equivalente (ISEE) compreso tra 4.500 e 15.000 euro.

Quanto vale

L’entità dell’intervento dipende dalla fascia ISEE della famiglia:

  • Da 300 a 800 euro totali con ISEE ricompreso tra 4.500 e 9.500 euro.

  • Da 300 a 500 euro totali con ISEE ricompreso tra 9.501 e 15.000 euro.

In particolari circostanze l’entità dell’intervento può arrivare fino ad un massimo di 1.000 euro.

L’aiuto, erogato in un’unica soluzione, può riguardare in una misura unica uno o più d’uno dei seguenti interventi, a libera scelta della famiglia:

  • erogazione economica a fronte di spese sostenute per i beni e servizi essenziali della persona e della famiglia;

  • agevolazioni per le utenze domestiche:

  • agevolazioni, tramite convenzioni con produttori e distributori, per:

    • costi sostenuti per la fruizione di servizi di aiuto alla persona, quali minori e anziani autosufficienti;

    • costi per l’ingresso o la frequenza nel circuito dell’istruzione primaria, secondaria ed universitaria dei figli;

  • contributi per l’accesso all’alloggio in locazione;

  • agevolazioni per spese mediche e sanitarie e costi sostenuti per alimenti e presidi prima infanzia;

  • l’accesso al prestito sociale d’onore;

  • il sostegno economico per l’attuazione di percorsi di inserimento e reinserimento nel mondo del lavoro.

Come richiederlo

L’avviso è in vigore fino al 31 dicembre 2014. Le domande possono essere presentate dopo la pubblicazione dello stesso sul sito dei rispettivi comuni di residenza. Per la presentazione delle domande sono stabilite scadenze programmate a partire dal 28 febbraio 2014; le successive con scadenza bimestrale.

Le domande vanno presentate (a mano, per posta o per posta elettronica certificata) presso il Comune di residenza, compilando il modulo reperibile presso gli uffici o scaricabile dai siti dei comuni o della Regione.

Link per saperne di più e chiedere informazioni

http://www.politichesociali.regione.umbria.it/Mediacenter/FE/CategoriaMedia.aspx?idc=190&explicit=SI

Telefono: 075 504 5312075 504 5312

Mail: msfavaroni@regione.umbria.it , socioinfanzia@regione.umbria.it

Legge/provvedimento di riferimento

  • LR 16 febbraio 2010, n.13 (art. 7)