Home Concepimento Calendario ovulazione

Monitoraggio dell'ovulazione: in cosa consiste?

di Angela Bisceglia - 25.01.2022 - Scrivici

monitoraggio-dell-ovulazione
Fonte: shutterstock
Il monitoraggio dell'ovulazione consiste in una serie di ecografie a distanza di pochi giorni l’una dall’altra che consentono di individuare il giorno di massima fertilità della donna ed aumentare così le probabilità di concepimento

Monitoraggio dell'ovulazione

Il monitoraggio dell'ovulazione è utile in tutti i casi in cui si ha difficoltà a rimanere incinte, poiché consente non solo di sapere quali sono i giorni più fertili del mese, ma anche di instaurare eventuali terapie che migliorano la qualità ovocitaria, come ad esempio farmaci a base di antiossidanti e inositolo, oppure di stimolare l'ovulazione con farmaci a base di LH.

Come si fa il monitoraggio dell'ovulazione

Il monitoraggio si inizia qualche giorno prima di quando si pensa possa verificarsi l'ovulazione (ad esempio, se il giorno approssimativo dell'ovulazione è al 12° giorno, si comincia dal 9°) e consiste in una serie di ecografie transvaginali a distanza di pochi giorni l'una dall'altra, attraverso le quali si misurano due parametri: il diametro del follicolo più grande (cioè quello che sta portando a maturazione l'ovocita) e lo spessore dell'endometrio.

Come capire che si sta per ovulare

"L'ovulazione è imminente quando il follicolo raggiunge un diametro tra i 18 e i 22 millimetri (segno che è pronto per ovulare) e l'endometrio ha uno spessore di 8-12 millimetri" spiega la ginecologa Rossana Sarli. "In più si visualizza in ecografia uno strato scuro nel canale cervicale dell'utero, che rappresenta l'aumento di produzione del muco cervicale, che favorirà il nutrimento e la risalita degli spermatozoi dal collo uterino verso le tube.

Quando si raggiungono questi valori, si consiglia alla coppia di concentrare i rapporti nei 3-4 giorni successivi, quando è più elevata la possibilità di restare incinte. Senza però esagerare con rapporti troppo frequenti: uno ogni due giorni è l'ideale per non 'diluire' troppo la concentrazione di spermatozoi nello sperma.

Calcolo dell'ovulazione

In totale, l'ovulazione dura 24 ore, ma la donna è feconda anche nei 3-4 giorni prima: infatti, quando sta per avvicinarsi l'ovulazione, la cervice uterina produce un muco che favorisce la sopravvivenza degli spermatozoi.

Nella maggior parte delle donne, tra ovulazione e primo giorno di mestruazioni passano 14 giorni. E gli spermatozoi sopravvivono nel collo dell'utero per 3 giorni.

Se i nostri cicli sono regolari possiamo calcolare quando avrà luogo l'ovulazione: se, ad esempio, il ciclo è di 29 giorni, l'ovulazione avviene al 15esimo giorno (29-14= 15); se il ciclo è di 34 giorni, l'ovulazione avviene al 20esimo giorno (34-14= 20).

Calcolatore dell'ovulazione

Con il nostro calcolatore online è possibile scoprire quali sono i giorni fertili inserendo nel calendario on-line il primo giorno dell'ultima mestruazione e la durata del ciclo.

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli