Nostrofiglio

LA PROPOSTA DI LEGGE

Congedo mestruale: che cos'è e chi potrà usarlo

Di Alice Dutto
congedomestruale

21 Marzo 2017
È in discussione la proposta di legge che prevede un massimo di tre giorni di riposo retribuiti al mese per le donne che soffrono di dismenorrea, e cioè di un ciclo doloroso. Ecco come funzionerà il permesso e chi potrà beneficiarne

Facebook Twitter Google Plus More

Mestruazioni dolorose? Tra poco potrebbe esserci la possibilità di usufruire di uno speciale «congedo per le donne che soffrono di dismenorrea». La proposta di legge (qui il testo integrale), firmata dalle deputate del Partito Democratico Romina Mura, Daniela Sbrollini, Maria Iacono e Simonetta Rubinato, e presentata alla Camera lo scorso 27 aprile, è attualmente all'esame della Commissione lavoro. L'obiettivo è istituire questo particolare permesso, che prevede tre giorni al mese di riposo per le donne durante il ciclo mestruale, a stipendio pieno.


PER APPROFONDIRE: Ciclo mestruale, impariamo a conoscerlo
 

Come funzionerà
Una norma che dà voce a un problema reale: «In Italia, i dati sulla dismenorrea sono allarmanti – si legge nel testo di legge – dal 60% al 90% delle donne soffre durante il ciclo mestruale e questo causa tassi dal 13% al 51% di assenteismo a scuola e dal 5% al 15% di assenteismo nel lavoro». Questo congedo, continua la proposta, «non può essere equiparato alle altre cause di impossibilità della prestazione lavorativa e la relativa indennità che spetta alla donna lavoratrice non può essere computata economicamente, né a fini retributivi né contributivi, all'indennità per malattia».


Le donne potranno usufruire del congedo solo presentando al datore di lavoro una certificazione medica specialistica che bisognerà rinnovare ogni anno, entro il 31 dicembre e presentare entro il 30 gennaio successivo.

 

Ne beneficeranno solo le donne lavoratrici «con contratti di lavoro subordinato o parasubordinato, a tempo pieno o parziale, a tempo indeterminato o determinato ovvero a progetto».


I precedenti
L'Italia non è certo la prima a essersi posta la questione, anzi: in Giappone, fin dal 1947 alcune aziende hanno adottato il congedo («seirikyuuka»), mentre nel 1948 lo stesso diritto è stato introdotto in Indonesia. Anche alcune aziende, come Nike e la Coexist di Bristol, hanno autonomamente deciso di concedere il permesso alle loro dipendenti, senza necessità di una legge nazionale.


Nel nostro Paese, afferma l'Ansa, l'associazione “Monteleone Protezione civile” con sede a Briatico, nel Vibonese, ha adottato l'iniziativa lasciando le sue dipendenti nella più ampia autonomia: nel loro caso non serve nemmeno il certificato medico, ma basta una telefonata al datore di lavoro, senza mettersi in malattia, senza costi per lo Stato, né per l'Inps.

LEGGI ANCHE: Che cos'è l'endometriosi

L'idea è di Lelia Zangara, direttrice dell'organizzazione che si occupa di flussi migratori e assistenza ai migranti in occasione degli sbarchi, «La nostra associazione – ha detto all'agenzia di stampa – ha deciso di venire incontro e aiutare le nostre dipendenti donne che si trovano in difficoltà nei giorni mestruali. Sulla base dell'affiatamento e della fiducia totale che abbiamo nei confronti delle nostre dipendenti, basta loro una semplice telefonata per non venire a lavorare quando sono in difficoltà a causa del “ciclo”».