Nostrofiglio

fecondazione in vitro

Fecondazione in vitro: via libera inglese a embrioni con 3 genitori

p6480029-sperm_fertilizing_egg-spl

04 Febbraio 2015
La Camera dei Comuni della Gran Bretagna ha votato a favore dell'introduzione di una tecnica che prevede la creazione di embrioni col Dna di tre 'genitori'

Facebook Twitter Google Plus More

La Camera dei Comuni britannica ha votato a favore dell'introduzione di una tecnica di fecondazione in vitro che prevede la creazione di embrioni col Dna di tre 'genitori'.

 

Con 382 voti favorevoli e 128 contrari, il Regno Unito diventa così il primo Paese a livello mondiale di questa procedura che permette alle donne portatrici di malattie mitocondriali gravi la possibilità di avere bambini senza trasmettere loro queste patologie devastanti, fra cui la distrofia muscolare.

 

Nonostante le polemiche di gruppi religiosi, associazioni pro life e alcuni scienziati, ha prevalso la posizione del governo di Londra, che poteva contare sull'appoggio di gran parte della comunità scientifica. E' così passato l'emendamento allo 'Human Fertilisation and Embryology Act', che permette per la prima volta la "donazione mitocondriale".

 

"Per molte famiglie questa è la luce alla fine di un tunnel buio", ha detto Jane Ellison, sottosegretaria alla Sanità che ha rassicurato sul fatto che la tecnica rispetterà una serie di elevati standard. Sebbene sia stata data libertà di voto ai deputati, il premier conservatore David Cameron aveva dichiarato il suo sostegno all'introduzione della procedura. Nella sua scelta, scrivono i media, ha probabilmente influito la sua esperienza personale: il figlio Ivan è morto nel 2009, all'età di sei anni, per una rara forma di epilessia. 

 

Voci critiche si sono levate sia nella politica sia nella chiesa. Per la deputata tory Fiona Bruce, non si conoscono le implicazioni della donazione mitocondriale, "che verranno trasmesse di generazione in generazione". Per altri invece ci si trova davanti a un principio di "mutazione genetica" applicata agli esseri umani. La chiesa inglese e quella cattolica ha detto che la tecnica è ancora poco sicura e contraria all'etica.

 

Soddisfazione è stata invece espressa da Doug Turnbull, che guida il team di ricercatori alla Newcastle University ed è considerato come il 'pionere' di questa tecnica. Ora è attesa come scontata la ratifica del provvedimento da parte della Camera dei Lord e in seguito sarà la Human Fertilisation and Embryology Authority (HFEA) a concedere le licenze per il trattamento.

 

Secondo le previsioni dei media britannici, il primo bambino con tre genitori potrebbe nascere già l'anno prossimo. Si calcola che ne potranno trarne beneficio 2500 donne e che verranno alla luce con questa tecnica circa 125 bimbi l'anno.