Fecondazione assistita

Fivet, 10 testimonianze delle mamme

Di Sveva Galassi
fivet
07 Febbraio 2019
Quando un figlio proprio non vuole arrivare, alcune coppie possono decidere di intraprendere percorsi di fecondazione assistita. Abbiamo raccolto tutte le testimonianze delle mamme riguardo la Fivet. Eccole, caso per caso.
Facebook Twitter Google Plus More

Amore, matrimonio o convivenza e desiderio di avere un bimbo. A volte però c'è qualcosa che non va e quella gravidanza tanto cercato proprio non arriva.

Allora, per alcuni arriva la decisione di ricorrere a tecniche di procreazione assistite. Tra le tecniche a cui si ricorre, c'è la Fivet. Abbiamo raccolto le testimonianze delle persone che hanno deciso di raccontarci le loro esperienze con la Fivet (“fecondazione in vitro con trasferimento dell'embrione”).

 

La Fivet è una tecnica di riproduzione assistita che prevede l'unione in laboratorio di cellule uovo e spermatozoi e il successivo trasferimento degli embrioni eventualmente prodotti nell'utero della donna.

 

La fecondazione degli ovuli con gli spermatozoi può avvenire in modo tradizionale, cioè mettendo a contatto gli uni con gli altri in appositi contenitori, oppure tramite ICSI, iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo: in questo caso un singolo spermatozoo viene introdotto con una pipetta speciale nel citoplasma (la sostanza gelatinosa che circonda il nucleo della cellula) di una singola cellula uovo, per ottimizzare le possibilità di fecondazione.

 

Si stima che dal 1978 (anno in cui è venuta al mondo Louise Brown, la prima bimba nata da fecondazione in vitro) a oggi la tecnica abbia dato la vita a oltre sette milioni di bambini in tutto il mondo: per la sua “invenzione” e messa a punto il biologo inglese Robert Edwards ha vinto nel 2010 il premio Nobel per la medicina...

 

Per saperne di più: La fecondazione in vitro - Fivet

 

Di seguito le storie delle mamme sulla Fivet.

 

1. Fivet e coppia. La forza di ricominciare. Insieme.

 

Non riuscivo a rimanere incinta. Dopo un lungo percorso affrontato con mio marito tra medici e cliniche, scoprii di aspettare una bimba. La piccola nacque prematura dopo un difficile parto cesareo. Non mancarono altri problemi con mio marito subito dopo il parto. Per fortuna ora siamo una coppia felice e siamo genitori di due splendide bambine.

 

2. Mamma di due bimbi prematuri con la Fivet

 

Dopo il matrimonio non riuscivo a restare incinta naturalmente. Così scelsi di ricorrere alla Fivet. Non vi nascondo la paura e il senso di diversità che vissi in quel periodo della mia vita. Avevo solo 27 anni, ma anche una gran voglia di diventare mamma. La prima Fivet andò alla grande: il test fu subito positivo. Ero incinta di due gemelli. Dovetti partorire però con taglio cesareo alla ventinovesima settimana e non fu facile. Oggi i miei gemelli hanno undici anni e scoppiano di salute.

 

3. Un lungo iter di fecondazione assistita. Ma oggi stringo tra le braccia la mia Giorgia

 

Io e mio marito iniziammo il percorso di PMA. Prima icsi fallita, seconda icsi dopo pochi mesi (siamo nel 2013)... andata bene!!! Ma al quinto mese, dopo la morfologica, dovetti interrompere la gravidanza per un problema del bimbo. Aihmè, non vi dico lo shock, anche perché era tardi per il raschiamento e dovetti affrontare un vero e proprio parto. Ma non ci arrendemmo e ritentammo. Terza icsi fallita. Finiti i 3 tentativi mutuabilI, andammo ad un centro privato. Circa 7000 euro tra Fivet e spese varie, ma è andata bene. Oggi stringo tra le braccia la mia Giorgia di un anno e mezzo!

 

4. Il mio parto trigemellare. Ora sono una madre single, ma felice

 

Cercavo un figlio da tempo e mi rivolsi a un centro specializzato. Finalmente arrivò il responso: erano tre sacche (gravidanza triamniotica tricoriale). Con forza mi dissi: "Voluta la bicicletta, bene, pedala!". Fu una gravidanza stupenda, mai una nausea, niente di niente, fino al quinto mese ancora lavavo i balconi, poi esplosi con un panzone esagerato. Arrivò il giorno del parto: anestesia parziale e cesareo d'urgenza, non li vidi, li sentii solo piangere... e via! Ora sono una mamma felice quarantatreenne, anche se single, di tre gemelli.

 

5. Non riuscivo ad avere figli. Ma dopo la Fivet ho avuto tre splendidi bimbi

 

Non riuscivo a portare avanti una gravidanza. Grazie alla Fivet, oggi sono mamma di tre bellissimi bimbi e sono la più felice del mondo anche se ogni volta che sento storie di infertilità avverto anche io tutto quel dolore sulla mia pelle. Un consiglio però sento di darlo a chi sta attraversando quello che ho passato io. Affidatevi a professionisti seri, perché ci sono molti medici che si arricchiscono sul dolore di tante coppie. Ma soprattutto... non perdete la speranza!

 

6. Incinta alla prima Fivet

 

Dopo una serie di aborti spontanei, nel 2014 feci una Fivet a Lugano. Fu un periodo difficile e doloroso. Finalmente nel 2015 nacque mia figlia. Ho deciso di scrivere la storia mia e di mio marito perché entrambi vogliamo portare alle famiglie che sono nella nostra situazione il messaggio che "volere è potere". Mai dire mai nella vita: una soluzione si trova sempre.

 

7. Fecondazione assisita. Il racconto di una donna che ce l'ha fatta

 

Questa è la storia di due persone che si incontrano, si innamorano e decidono di avere un bambino. Dopo sei mesi di rapporti non protetti, però non succede nulla. Iniziano i primi accertamenti, le prime visite. Risultato: nessun problema né per lui né per lei. Ma il bimbo non arriva. Iniziano i tentativi di fecondazione assistita. Ma non è facile, non è per niente un percorso facile. Dal punto di vista fisico e psicologico. Una donna racconta su mammenellarete la sua lunga storia per diventare mamma, con tutta l'intensità di chi è passato in mezzo a una bufera anche personale e di coppia. Ma che non tornerebbe mai indietro.

 

8. Fivet e incinta, anche quando nessuno ci credeva

 

Il dottore mi disse che, visto che avevamo provato così tante volte, sarebbe stato consigliabile provare con un donatore insieme con il seme di mio marito. Io non ero del tutto convinta, ma mio marito era tranquillo. Mi disse: "A me non importa quale si attaccherà, sarà sempre mio figlio!!" Ma adesso che mio figlio è nato da 22 giorni posso dire che è tutto di mio marito ed è un maschietto!

 

9. Ho creduto per anni di essere sterile. Alla prima Fivet sono rimasta incinta

 

Ricordo ancora la voce del medico che si avvicinò al mio letto e mi disse: "Mi dispiace ma le ovaie sono troppo piccole, sono fibrose e atrofiche. Ti consiglio di rivolgerti all'estero poiché le possibilità di riuscita qui sono nulle! Mi dispiace!" Sprofondai nella tristezza. in seguito mi rivolsi a un altro ginecologo e al primo tentativo di Fivet scoprii che avevo prodotto tantissimi follicoli. Poco tempo dopo rimasi incinta. Non arrendetevi mai, credeteci sempre fino alla fine e cercate di inseguire con la persona che amate, questo sogno bellissimo! La felicità potrebbe essere dietro l'angolo e non lo sapete ancora!

 

10. Finalmente mamma dopo tre anni di cure per la fertilità

 

Dopo il matrimonio, nonostante i vari tentativi, non riuscivo a rimanere incinta. I chili nei frattempo grazie al dosaggio ormonale aumentavano, mentre il coraggio e la pazienza diminuivano. Trascorsero tre anni. Tre anni di siringhe sulla pancia e visite bisettimanali. Finalmente scoprii di essere in attesa di 9 settimane. Una gioia infinita. Ciò mi fece capire che quando stai per arrenderti è sempre troppo presto. Ora vivo per i miei figli.

 

TI PUO' INTERESSARE ANCHE: 10 cose da sapere sulla fecondazione assistita e tutto sulla Fivet