Maternità surrogata

Utero in affitto, il congedo maternità non è obbligatorio

utero
25 Marzo 2014
Uno Stato può negare il congedo di maternità a una donna che ha avuto un figlio tramite utero in affitto senza incorrere in una violazione delle normative dell'Unione europea.
Facebook Twitter More

L'Unione europea non impone a uno Stato membro di riconoscere a una donna che ha avuto un figlio da una madre surrogata il congedo di maternità retribuito.

Il caso è nato quando due donne, una britannica e una irlandese, diventate madri affittando un utero, hanno fatto ricorso dopo che si sono viste rifiutare un congedo maternità. La motivazione del rifiuto è che non erano mai state incinta e che i bambini non erano adottati.

I giudici si sono rivolti alla Corte di giustizia dell'Unione europea per sapere se il rifiuto del congedo sia contrario alla direttiva sulle lavoratrici gestanti o se costituisca una discriminazione in base al sesso o all'handicap.

Leggi anche: LONDRA BOOM DI NATI DA UTERO IN AFFITTO

e LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA IN ITALIA

Secondo la Corte di Lussemburgo non c'è discriminazione fondata sul sesso, in quanto neppure un padre committente ha diritto a beneficiare di un tale congedo e il diniego non è particolarmente contrario ai lavoratori di sesso femminile rispetto a quelli di sesso maschile.

Ma non vi è neppure discriminazione basata sull'handicap, perché, sebbene l'incapacità di procreare possa causare a una donna grande sofferenza, la nozione di "handicap" ai sensi della direttiva Ue presuppone che la limitazione di cui soffre la persona ostacoli la sua piena ed effettiva partecipazione alla vita professionale, sulla base dell'uguaglianza con gli altri lavoratori.

Leggi e discuti con altri genitori di fecondazione assistita nel nostro FORUM