Voglio un figlio

Il sonno favorisce la fertilità

sonno-fertilita
19 Agosto 2014
Dormire almeno otto ore a notte in una stanza buia aiuta la fertilità. È quanto emerge da una ricerca condotta dall’Università del Texas, secondo la quale grazie al buio e al sonno l’organismo produce più melatonina, ormone che protegge le ovaie dallo stress ossidativo prodotto dai radicali liberi
 
Facebook Twitter More

State cercando di avere un bambino che però non ne vuole sapere di mettersi in viaggio? Potete provare andando a letto, meglio se in una stanza completamente buia. Ma solo per dormire.

 

Secondo una ricerca condotta dall’Università del Texas e pubblicata sulla rivista Fertility and Sterility, infatti, per dare una mano alla fertilità è bene dormire almeno otto ore di fila. (Leggi anche La fertilità si impara)

 

E anche il buio gioca un ruolo fondamentale: senza luci (né quelle naturali, né tantomeno quelle artificiali) l’organismo produce infatti più melatonina, ormone che regola il ciclo sonno-veglia ma ha anche l’importante compito di proteggere le ovaie dallo stress ossidativo prodotto dai radicali liberi, che ha un impatto negativo sulla fertilità.

 

E, spiega il professor Russel Reiter, che ha condotto la ricerca, “ogni volta che durante la notte si accende la luce, questo fatto rallenta la produzione di melatonina”. Facendo diminuire di conseguenza anche le chance di concepire. (Scopri tutto sui segnali della fertilità)

 

Cerco un figlio: tante donne si scambiano consigli nel forum