Spermatozoi

Infertilità addio? Scoperto l'enzima che potenzia gli spermatozoi

Di Niccolò De Rosa
spermatozoo-enzima
22 Marzo 2016
Una ricerca dell'Università della California ha individuato l'enzima che velocizza il movimento degli spermatozoi, spingendoli verso l'ovulo. Se confermata, tale scoperta potrebbe avere molteplici applicazioni, sia nella lotta all'infertilità, sia ad uso contraccettivo.
Facebook Twitter More

Potrebbe essere lo scacco matto all'infertilità il risultato di uno studio condotto dall'Università della California e coordinato dalla dottoressa Melissa R. Miller: le ricerche effettuate avrebbero infatti individuato il "motore" chimico che accelera il movimento degli spermatozoi, facilitandone il viaggio verso l'ovulo.

 

Il segreto? Un enzima che risponde a un ormone: il progesterone

La chiave risiederebbe in un enzima che, rispondendo ad un ormone, il progesterone, permetterebbe alla coda dello spermatozoo una maggiore mobilità.

 

All'interno dell'apparato maschile, gli spermatozoi hanno infatti un raggio di azione limitato, che non permetterebbe loro di fecondare; ecco che entra in gioco allora l'ormone progesterone, il quale si lega con l'enzima ABHD2, presente sui migliaia di recettori della membrana esterna dello spermatozoo, attivandolo.

 

La reazione chimica innesca dunque un cambiamento fisiologico nello spermatozoo, che riesce a muovere la coda come una frusta, dandosi così la propulsione necessaria all'avanzata verso l'ovulo nonché la forza sufficiente a rompere la membrana che lo protegge.

 

A cosa serve? Per contrastare l'infertilità o come anticoncezionale

Gli eventuali sviluppi di una simile scoperta potrebbero portare al potenziamento di questo enzima "acceleratore" per contrastare le problematiche legate all'infertilità e alla scarsa mobilità degli spermatozoi o, al contrario, questi risultati potrebbero aiutare alla messa a punto di anticoncezionali sempre più efficaci che renderebbero impossibile il concepimento semplicemente "disattivando" l'enzima in questione.

 

FONTE: Università della California, Sciencemag.org