Home Concepimento

Giornata Mondiale della Menopausa: perché è importante parlarne

di Ines Delio - 18.10.2023 - Scrivici

giornata-mondiale-della-menopausa
Fonte: Shutterstock
Istituita per abbattere tabù e pregiudizi, la Giornata Mondiale della Menopausa è un'occasione per sensibilizzare sul cambiamento e la prevenzione

In questo articolo

Giornata Mondiale della Menopausa

Il 18 ottobre ricade la Giornata Mondiale della Menopausa, istituita per sensibilizzare l'opinione pubblica, abbattere tabù e pregiudizi ancora legati a questa fase della vita di ogni donna e incoraggiare le persone a parlarne più apertamente, sostenendo le opzioni per migliorare la salute e il benessere di chi la vive. Tante le iniziative promosse in tutta Italia per rendere più consapevoli le donne sui cambiamenti che accompagnano la menopausa e sulle strategie comportamentali, diagnostiche e terapeutiche che consentono non solo di migliorare i disturbi a breve termine, ma anche di prevenire o ridurre le complicanze a medio-lungo termine, come le malattie cardiovascolari e l'osteoporosi.

Cos'è la menopausa

Come ricorda il Ministero della Salute, la menopausa non è una malattia ma un momento fisiologico della vita della donna, che coincide con il termine della sua fertilità. Si verifica, in pratica, quando le ovaie smettono di produrre gli ormoni riproduttivi e non rilasciano più gli ovociti. Generalmente, si entra in menopausa tra i 45 ed 55 anni di età, ma non sono rare menopause precoci e tardive. Nello specifico, si parla di:

Stando a quanto spiega Laura Buggio, esperta di menopausa e specialista della Ginecologia del Policlinico di Milano, alcuni fattori sono associati all'inizio precoce della menopausa, tra cui il fumo, un basso indice di massa corporea (BMI), la nulliparità (non avere cioè avuto figli) e un basso livello di istruzione.

I sintomi della menopausa

Durante la perimenopausa, ossia nel periodo di transizione che precede la menopausa vera e propria, i sintomi possono essere assenti, modesti, moderati o gravi, e possono durare da sei mesi a circa dieci anni, a volte di più. Tra i più comuni:

  • irregolarità mestruale
  • vampate di calore, che nteressano dal 75 all'85% delle donne e di solito compaiono prima dell'interruzione dei cicli, e urano in media circa 7,5 anni, ma anche più di 10
  • sudorazioni notturne
  • insonnia
  • sbalzi d'umore
  • peggioramento delle emicranie mestruali

Nella post-menopausa, invece, sintomi tipici sono:

  • atrofia vulvovaginale e urogenitale
  • secchezza vaginale
  • dolore durante il rapporto sessuale
  • infezioni delle vie urinarie

Le conseguenze più importanti del calo degli estrogeni in menopausa sono l'aumento del rischio cardiovascolare e le patologie osteoarticolari, in particolare l'aumento dell'incidenza dell'osteoporosi.

Da non sottovalutare, inoltre, l'aumento del peso corporeo, che si verifica in misura variabile in tutte le donne in menopausa e rappresenta un problema in più del 50% delle over 50.

Perché è importante parlare di menopausa

La Giornata Mondiale della Menopausa offre l'occasione di sensibilizzare le donne su un processo naturale che può avere un impatto significativo sulla loro vita personale e professionale e del quale per molto tempo si sono vergognate. Una ricerca ha rivelato che il 59% delle donne nel Regno Unito afferma che la menopausa ha avuto un impatto negativo sul lavoro e che quasi un milione di donne ha dovuto abbandonare del tutto il proprio impiego. Al giorno d'oggi è inaccettabile che ciò avvenga perché l'effetto dei sintomi della menopausa o la mancanza di supporto sembrano insormontabili.

Il semplice fatto di parlare della menopausa è il miglior punto di partenza. Se si avvertono dei sintomi, parlarne con qualcuno con cui ci si sente a proprio agio può essere il primo passo per sentirsi meglio, supportate e comprese. Discuterne è importante per non sentirsi sole, affrontare i cambiamenti fisici e mentali che accompagnano la menopausa, ma anche per prendersi cura di sé e prevenire i fattori di rischio che possono influenzare la salute futura. Per molte donne, infatti, un'appropriata terapia ormonale, pianificata e monitorata con cura, può aumentare la vita media e migliorare la qualità di vita degli anni postmenopausali in modo significativo.

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli