Home Concepimento

Il ciclo dopo un raschiamento

di Angela Bisceglia - 11.11.2022 - Scrivici

ciclo-dopo-raschiameno
Fonte: shutterstock
In seguito ad una revisione uterina, le mestruazioni ritornano dopo circa un mese e mezzo. Lei informazioni sul ciclo dopo un raschiamento

Ciclo dopo un raschiamento

Quando torna il ciclo

Il primo flusso dopo aver effettuato lo svuotamento e la revisione uterina si presenta dopo circa un mese e mezzo: "Per esser più precisi, si verifica a 28-30 giorni di distanza da quando si azzerano i valori delle beta hCG, l'ormone della gravidanza che cessa del tutto la sua produzione dopo circa 15-20 giorni dal raschiamento" precisa Ferdinando Bombelli, Responsabile Sala Parto dell'U.O. di Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale San Raffaele di Milano. "In ogni caso, si tratta di una data approssimativa, perché può capitare di veder ricomparire il flusso alcuni giorni prima o dopo: è tutto normale e dipende dalla ripresa individuale dell'attività ovulatoria".

Che cosa è un raschiamento?

Il raschiamento, intervento chirurgico che prevede lo svuotamento della cavità uterina con l'asportazione del materiale in essa contenuto, è una procedura che normalmente viene effettuata in anestesia generale.

Un ciclo normale o un po’ più abbondante e prolungato

Nella maggior parte dei casi il flusso dopo un raschiamento è normale, per quantità e durata; in alcune donne potrebbe essere un po’ più abbondante ed un po’ più protratto del solito, poiché non c’è stata un’ovulazione ottimale nel periodo precedente, ma dopo le prime mestruazioni torna tutto come prima.

Quando iniziare a cercare una nuova gravidanza?

Dopo una revisione uterina, si consiglia tradizionalmente di aspettare almeno 2-3 cicli prima di cercare una nuova gravidanza, per avere una ripresa ottimale dell'attività ovarica, ma anche per darsi il tempo di rielaborare la perdita da un punto di vista psicologico.

Nessun problema però se la gravidanza dovesse capitare prima dei 2-3 mesi: "L'evidenza scientifica ci dice che non vi è alcun rischio aumentato di malformazioni" conclude il dott. Bombelli.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli