Nostrofiglio

Salute donne

Infertilità, fattori cervicali

Di Cristina Ferrario Daniela Ovadia
infertilita_fattori_cervicali

02 Maggio 2013 | Aggiornato il 20 Aprile 2018
Alcune alterazioni morfologiche o funzionali del collo dell'utero possono impedire od ostacolare la risalita degli spermatozoi nell’utero.

Facebook Twitter Google Plus More

La cervice o collo dell'utero è lo stretto passaggio che dalla vagina conduce all’interno dell’utero.

 

I fattori legati alla cervice che riducono la fertilità possono comprendere:
- anomalie congenite, come agenesia (assenza) o restrizione cervicale;
- pregressi interventi chirurgici sulla stessa cervice;
- infezioni;
- produzione di muco cervicale di scarsa qualità.

 

Le anomalie del muco possono dipendere da un’inadeguata stimolazione a opera degli estrogeni: se il muco cervicale è prodotto solo in piccole quantità o è più denso del dovuto in un momento del ciclo in cui dovrebbe invece essere fluido e acquoso, il liquido seminale ha minori possibilità di oltrepassare la cervice e raggiungere l’ovulo nella tuba di Falloppio.

 

Raramente, il muco cervicale contiene anticorpi contro lo sperma che possono ridurre la fertilità interferendo sulla migrazione e sulla vitalità degli spermatozoi. Tali anticorpi possono anche essere il risultato di un’infezione.
 

Per una guida completa alla fertilità e al concepimento vai alla serie di articoli su Fertilità e concepimento, dalla fecondazione naturale alla procreazione assistita

Fonti per questo articolo: Consulenza del prof Carlo Flamigni, medico chirurgo, libero docente in Clinica ostetrica e ginecologica, membro del Comitato Nazionale di Bioetica; materiale informativo del Ministero della salute.