Salute

Infertilità, come si cura

Di Cristina Ferrario Daniela Ovadia
neonato-fertilita.180x120
22 maggio 2012
A meno che l'infertilità non si dovuta a cause anatomiche (come una chiusura delle tube o una malformazione uterina) oppure a patologie come l'endometriosi, che richiedono un approccio a se stante, prima di rivolgersi a tecniche di procreazione medicalmente assistita, inizialmente la cura consistono in una terapia farmacologica.

L'approccio farmacologico

Prima di rivolgersi a tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA), si ricorre in genere a una terapia farmacologica, a meno che l'infertilità non si dovuta a cause anatomiche (come una chiusura delle tube o una malformazione uterina) oppure a patologie come l'endometriosi, che richiedono un approccio a se stante. I farmaci sono utili soprattutto se si sospetta che sia la donna ad avere difficoltà a concepire.

 

Sono utilizzati per stimolare lo sviluppo e il rilascio di un ovulo (un'approccio chiamatoi innduzione dell’ovulazione). A questo scopo si somministrano sostanze come il clomifene o le gonadotropine (come l’FSH o l’ormone di rilascio delle gonadotropine): altri farmaci hanno invece un ruolo di “normalizzatori” delle concentrazioni di ormoni in circolo (per esempio, la bromocriptina che riduce la prolattina). Alcune terapie per la fertilità sono impiegate anche negli uomini, per stimolare la produzione di spermatozoi. Leggi tutto sulla trattamento con i farmaci

 

Le tecniche di procreazione assistita

Le tecniche di procreazione assistita (PMA, chiamate anche ART, dall'inglese assisted reproductive technologies) sono utilizzate nei casi in cui le sole terapie ormonali non raggiungano lo scopo. Sono, dunque, trattamenti di seconda linea.

 

In ogni caso, le ART sono spesso molto coinvolgenti sul piano emotivo e richiedono a loro volta l’uso di farmaci per la fertilità, per stimolare adeguatamente l’ovaio a produrre ovuli multipli (una tecnica chiamata stimolazione ovarica controllata); le cellule uovo sono quindi prelevate con un ago attraverso la parete addominale. La procedura avviene sotto controllo ecografico. Leggi tutto sulle tecniche di procreazione assistita

 

Consulenza del prof Carlo Flamigni, medico chirurgo, libero docente in Clinica ostetrica e ginecologica, membro del Comitato Nazionale di Bioetica.

 

Leggi tutta la guida Fertilità e concepimento, dalla fecondazione naturale alle tecniche di riproduzione assistita

Per scambio informazioni, consigli, condivisione entra nella sezione del Forum Concepimento