Home Concepimento

Leucorrea: cause, sintomi e rimedi

di Sara Sirtori - 23.10.2020 - Scrivici

leucorrea
Fonte: Shutterstock
La leucorrea è uno dei disturbi del tratto genitale femminile tra i più comuni. È caratterizzato, generalmente, da un eccesso di perdite bianche, non ematiche. Vediamo le cause, i sintomi e i rimedi della leucorrea.

La leucorrea è dovuta a uno scompenso ormonale degli estrogeni

E' definita leucorrea ed è un disturbo molto comune del tratto genitale femminile: è caratterizzato da perdite bianche, non ematiche.
La leucorrea non è una malattia, ma un sintomo: è dovuta essenzialmente a uno scompenso ormonale degli estrogeni.
E' una condizione comune in gravidanza, conosciuta come leucorrea gravidica, ma a volte può essere causata da un'infezione batterica o fungina della vagina o della cervice oppure può essere anche fisiologica, e cioè non dipendere da alcuna infezione.

In questo articolo

Quali sono i tipi di leucorrea?

Esistono due tipi di leucorrea:

  1. Leucorrea fisiologica
  2. Leucorrea infiammatoria

1. Leucorrea fisiologica

È comune in quasi tutte le donne ed è causata da un meccanismo di difesa del corpo per il ripristino dell'equilibrio ormonale. Viene definita "fisiologica" per il fatto che le perdite vaginali si verificano quando i livelli di estrogeni aumentano.

2. Leucorrea infiammatoria

Si verifica quando c'è gonfiore vaginale o congestione della mucosa in quella zona. Molto spesso le perdite sono di colore bianco o giallastro ed emettono un cattivo odore che indica un'infezione. Questo tipo di leucorrea include anche perdite vaginali causate da malattie sessualmente trasmissibili.

Quali sono i sintomi della leucorrea?

La leucorrea si manifesta con delle perdite vaginali più o meno vischiose, di colore biancastro.

La leucorrea è comune in gravidanza, durante l'ovulazione e quando la concentrazione degli estrogeni, ormoni femminili, risulta alterata, ossia in menopausa o quando si assume una pillola anticoncezionale. La leucorrea associata a un'infezione, invece, è sempre accompagnata da prurito e manifestazioni come irritazione, arrossamento e gonfiore vulvare, accompagnato da dolori al basso ventre.

I patogeni più comunemente responsabili dell'infezione sono: CandidaGardnerella, Trichomonas, Chlamydia e Micoplasmi.

Spesso una donna che soffre di leucorrea tavolta ha anche questi sintomi:

  • Sensazione di debolezza e letargia
  • Mal di testa
  • Dolori muscolari

In caso di aumento delle secrezioni biancastre unitamente a sintomi come debolezza e prurito, è necessario consultare il medico.

Quali sono le cause della leucorrea?

L'aumento delle secrezioni cervicali varia da donna a donna. Alcune donne hanno una produzione di muco tale da richiedere a volte l'uso di lavande vaginali, in particolare al momento dell'ovulazione (in questo caso di parla di leucorrea premestruale) quando l'attività ormonale aumenta in maniera esponenziale. Avviene generalmente a metà del ciclo ovulatorio ed è un segnale  dell'ovulazione.

Nel periodo della maturità sessuale, le secrezioni possono provenire dalla vulva, dalla vagina, dalla cervice o dal fondo uterino. Quando le perdite sono  associate a prurito intenso, la causa può essere un'infezione da Trichomonas, da Chlamydia o da Candida.

Si può verificare la leucorrea in menopausa: anche nel periodo post menopausa, infatti, si possono osservare perdite chiare. Di solito sono da mettere in correlazione con la carenza di estrogeni o a una vaginite senile. 

Vi è infine la leucorrea gravidica. Quando questo disturbo si presenta durante la gravidanza potrebbe provocare preoccupazione nella futura mamma. In realtà, è una condizione fisiologica che dipende dal fatto che, in questo periodo della vita, si verificano consistenti sbalzi ormonali.

Quali sono i rimedi per la leucorrea?

La prima cosa da fare per prevenire disturbi dell'apparato genitale è avere una corretta igiene intima. Inoltre, fai anche attenzione all'atto dell'evacuazione: non bisogna mai pulirsi dalla zona anale a quella vaginale, ma viceversa, per evitare la contaminazione dei batteri.

Per una leucorrea fisiologica, non sostenuta cioè da agenti batterici e/o micotici, esistono in commercio pomate, lavande o ovuli vaginali che aiutano ad alleviare il fastidio, anche se soprattutto le lavande vaginali vanno utilizzate solo per un breve periodo e sotto consiglio del ginecologo.

Altri rimedi naturali contro la leucorrea sono:

  • una tisana alla malva utilizzata come lavanda vaginale a uso interno è efficace come lenitivo ed antinfiammatorio
  • assumi quotidianamente una porzione da 125 g di yogurt naturale per favorire il corretto sviluppo della flora batterica vaginale
  • applica una crema ginecologica alla calendula: è un rimedio fitoterapico utile in caso di leucorrea perché agisce localmente come antipruriginoso e, inoltre, ha una provata azione antisettica

Ricordiamo che è sempre importante una corretta igiene personale e in ogni caso ricorda di consultare il tuo medico o il ginecologo prima di iniziare qualsiasi tipo di terapia.

Altre fonti per questo articolo:

Britannica: Leukorrhea 

Madhav University: Leucorrhea 

Mayo Clinic: Vaginal discharge

Domande e risposte

Cos'è la leucorrea e come si manifesta?

La leucorrea consiste nella fuoruscita di secrezioni biancastre più o meno abbondanti dalla vagina.

A cosa servono le secrezioni vaginali?  

Le secrezioni vaginali aiutano a pulire la zona vaginale, la loro presenza, quindi, è segno che il corpo si sta comportando bene.

Le perdite bianche vaginali possono essere il sintomo di una gravidanza?

Sì, le perdite bianche rappresentano una possibile prova di una gravidanza, ma non bastano a darci la sicurezza di essere incinta. Se hai dei dubbi effettua un test di gravidanza. 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli