Nostrofiglio

Cerco un figlio

20 motivi per restare incinta oggi

mamma_con_neonato

19 Luglio 2013
Secondo la rivista Fit Pregnancy, ci sono almeno 20 ragioni, alcune ironiche e alcune serie, per cui questo è il momento storico ideale per mettere al mondo un pargolo. Perché, nonostante la crisi economica e tutti i problemi politici e sociali, la nostra società è più attenta di ieri ai bisogni e alle necessità delle mamme

Facebook Twitter Google Plus More

Vorresti già coccolarlo tra le braccia. Sogni la cicogna tutte le notti. Ne sei convinta: questo sarebbe proprio il momento giusto per avere un bambino. Ma poi pensi: c’è la crisi, facciamo fatica ad arrivare a fine mese, il lavoro fisso non c’è e avere un mutuo è diventato più difficile di centrare un 6 al Superenalotto. E non ne sei più tanto convinta.

Per la rivista americana Fit Pregnancy però il periodo storico che stiamo vivendo è il più adatto per mettere al mondo un pargolo. Perché nonostante tutti i problemi politici, sociali ed economici che ci sono crollati addosso, la nostra società è più attenta che mai ai bisogni e alle necessità delle mamme. Tra ironia e humor ecco dunque i 20 motivi (alcuni valgono più per gli Stati Uniti che per l’Italia) per cui è il periodo giusto per restare incinta.

1 I papà finalmente si occupano del pargolo

Finalmente anche i papà sono genitori a tempo pieno: cambiano pannolini, portano a spasso il pupo, stanno a casa in congedo parentale. E si occupano del pargolo in modo che solo due generazioni fa sarebbe stato impensabile (e per molti quasi offensivo).

FAI IL TEST CHE PAPA' SEI

2 Ai media piacciono le donne in dolce attesa

Ai media piacciono le donne incinte. E i paparazzi sono costantemente all’erta per informarci su quale star è in attesa e quale gira in tacco 12 al terzo trimestre di gravidanza. E grazie a film come “Cosa aspettarsi quando si aspetta”, “Juno” e “Molto incinta”, si scopre un nuovo mondo.

VAI ALLA SEZIONE MAMME VIP

3 La mamma può scegliere tutto

La scelta non è più ridotta al nome da dare la bambino, lasciando tutto il resto nelle mani dei medici: ora una donna può decidere dove far nascere il proprio figlio, assistita da chi e con quale metodo, può chiedere l’epidurale oppure rifiutarla, può optare o meno per il parto naturale e anche per metodi alternativi quali, per esempio, il parto in acqua.

4 Non c’è un solo stile di essere madre

Che tu scelga di essere mamma tigre o mamma oca, non c’è più un unico stile per crescere un figlio. E se il primo tentativo non dà gli esiti sperati, si può sempre cambiare: la scelta è molto ampia.

FAI IL TEST CHE MAMMA SEI?

5 La scelta del nome non è più un problema

La scelta del nome non è più un problema. Se sei indecisa, ci sono libri, opuscoli, Internet, Facebook, Twitter e chi più ne ha più ne metta per trovarne uno adatto. Addirittura, un’app per iPhone (Kick to Pick) consente al nascituro di scegliere da sé registrando i calci che ti dà alla pancia.

SCOPRI IL SIGNIFICATO DEI NOMI NELLA BANCADATI DI NOSTROFIGLIO.IT

6 L’acido folico previene malformazioni

Ora c’è l’acido folico, la cui assunzione previene malformazioni al cervello e alla colonna vertebrale, secondo alcuni studi, riduce la possibilità di insorgenza dell’autismo e dimezza la possibilità di un parto pre-termine. Leggi l'articolo sull'acido folico

7 Un blogger su tre è una mamma

Quando si diventa mamme, si riscoprono vecchie passioni come quella della scrittura e 'miracolosamente' si trova anche il tempo per coltivarle. Leggi tutte le storie delle mamme su mammenellarete

8 Che stile il passeggino!

Il passeggino non è più un ingombrante catafalco, ma un elegante accessorio di design per qualsiasi mamma di città. Leggi tutto sull'attrezzatura del bambino

9 La morte in culla è un evento raro

Grazie alle campagne informative, le morti in culla (Sids, Sudden Infant Death Syndrome) sono in deciso calo. Leggi le posizioni della nanna

10 La medicina ha fatto passi da gigante per chi ha problemi di fertilità

I problemi di fertilità sono alti: una coppia su otto ha difficoltà a concepire. Ma la buona notizia è che la medicina e la tecnologia offrono sempre maggiori possibilità e risorse per risolvere il problema.

LEGGI LO SPECIALE SUL CONCEPIMENTO E LA FERTILITA'

11 Con l’ecografia quante ansie in meno

Se una volta bisognava attendere il parto per conoscere il proprio bambino, e in tempi più recenti si poteva vedere in anteprima un’immagine bidimensionale sfocata, oggi con l’ecografia 3D la curiosità di vedere il proprio piccolo prima del termine dei 9 mesi si può soddisfare. E grazie al progresso dei test prenatali, si può anche sapere (e intervenire) in anticipo su eventuali problemi.

SCOPRI TUTTO SULLE ECOGRAFIE

12 Più aiuto per la depressione post partum

La depressione post-partum non è più un oscuro segreto da tenersi dentro: si può trovare aiuto e sostegno per superare il problema.

13 Internet apre il mondo delle informazioni (ma occhio alle bufale)

Quando si ha bisogno di informazioni non ci sono più soltanto la mamma, la nonna e la zia a cui chiedere. Oggi, con Internet, il mondo è a portata di click. Attente però: frequentate solo siti con un nome e una certa autorevolezza.

14 Messe al bando molte sostanze chimiche

Molte delle tossine che in passato mettevano a rischio la salute dei bambini e che venivano utilizzate proprio nei prodotti a loro dedicati sono state messe al bando: piombo, mercurio, Pcb, ftalati, parabeni, formaldeide e bisfenolo A non sono più un problema.

15 Finalmente la società riconosce le esigenze delle donne lavoratrici

Quali diritti ha la mamma lavoratrice in Italia? Leggi lo speciale Maternità e lavoro

16 Creare un “diario” con i progressi del tuo bambino non è mai stato così semplice.

Basta essere iscritte a un social network come Facebook o Twitter. E le più esigenti possono aprire un blog. Per postare foto e video del bambino, l'ideale è la webtv di nostrofiglio.it

17 La moda è prémaman

Finalmente la moda è anche premaman: avere il pancione non significa più rinunciare allo stile. Scopri la sezione Moda prémaman

18 Il parto con meno dolore

Per attenuare il dolore del parto, ci sono sempre più metodi. Anche chi non vuole sentir parlare dell’epidurale, si stanno via via sempre più diffondendo parto in acqua, agopuntura, ipnoterapia. Tutto sul parto

19 L’allattamento al seno non è più tabù

L’allattamento al seno non è più un tabù ma, anzi, una pratica sempre più diffusa. E incentivata.

20 Lo sport? Sdoganato in gravidanza

Anche se sei in attesa, puoi continuare a fare sport: le vecchie imposizioni sono acqua passata. Certo, attività come equitazione, paracadutismo, pattinaggio, motociclismo, e in generale tutti gli sport in cui ci sia il rischio di andare a schiantarsi sono sconsigliati, però si può sempre fare jogging, spinning, zumba e qualsiasi altra attività non particolarmente pesante (dopo averne parlato con il proprio ginecologo).

SCOPRI TUTTO SULLO SPORT IN GRAVIDANZA

NEL FORUM PUOI LEGGERE PICCOLI SPUNTI PER DIVENTARE GRANDI MAMME