Cerco un figlio

Cerchi un figlio? Dormi al buio e rispetta i tuoi ritmi circadiani

Di Luisa Perego
sessobuio.600
24 agosto 2015
Sei alla ricerca di un bambino? Dormi al buio e la sera evita troppa luce, tablet e cellulari. La fertilità femminile, soprattutto quando non si è più molto giovani, potrebbe essere legata all'orologio biologico dei ritmi circadiani. E le perturbazioni luminose rischiano di compromettere l'esito finale. 

Sei alla ricerca di un figlio? Una stanza da letto troppo illuminata di notte potrebbe rendere difficile il concepimento. O almeno questo è quello che scrivono diversi ricercatori in una ricerca pubblicata il 20 agosto sul giornale online Cell Reports.

 

Sembrerebbe infatti che la fertilità femminile sia legata a un buon funzionamento dell'orologio biologico regolato dei ritmi circadiani. Se questi si sballano, potrebbero rendere difficile il concepimento, in particolare se non si è più giovanissime. E questo ritmo verrebbe alterato appunto in presenza di "perturbazioni luminose".

 

Che cosa è il ritmo circadiano? E' un ciclo che si compie all'incirca ogni 24 ore, con cui si ripetono regolarmente certi processi fisiologici. Per esempio l'alternanza di fasi tra il sonno e la veglia. Molti processi del corpo seguono questo ritmo.
 

Che cosa fare quindi? Chiudere le persiane bene prima di andare a dormire, la sera evitare stanze troppo luminose e non usare tablet e cellulari, come anche lo schermo luminoso del computer. Cercare di essere più regolari ed evitare turni di lavoro che compromettono il sonno.

 

La ricerca pubblicata da Cell Reports è stata condotta da scienziati giapponesi e americani su topi di sesso femminile. Gli studiosi hanno sballato i ritmi circadiani dei roditori femmina e hanno constatato che la loro probabilità di rimanere incinta si era abbattuta di molto. Un effetto che riguardava in particolare i roditori di mezza età e comunque reversibile, eliminando i fattori che disturbano i ritmi circadiani (per esempio i pasti irregolari e ambienti troppo illuminati).

 

Lo studio riguarda i roditori, ma "preservare la precisione dell'orologio biologico - impostato sulla luce del sole e non su quella artificiale - può essere un elemento chiave anche per la fertilità delle donne", assicura Gene Block, dell'Università della California. "Nella società moderna la popolazione femminile è esposta a troppe interferenze ambientali che potrebbero giocare un ruolo nelle difficoltà di concepimento". Un problema che riguarda una coppia su sette e che spesso non trova una motivazione.

 

Darren Griffin, della Kent University e specialista del sonno, commenta la ricerca al Dailymail: "Gli uomini certo sono sono topi, e nelle donne una corretta alternanza luce-buio può rappresentare eventualmente solo una faccia del problema". Ma nonostante questo non bisogna sottovalutare il messaggio che la fertilità è collegata allo "stato di benessere generale. E questo non va sottovalutato".

 

Takasu et al./Cell Reports 2015
Interpretazione di come viene perturbato settimanalmente dalla luce e dal buio il ciclo estrale di una femmina di topo di mezza età

Fonte: Cell Reports, Eurekalert.org, Dailymail

 

Dal forum: cerco un figlio

 

Guarda anche il video: fertilità, consigli per rimanere incinta