Home Concepimento Rimanere incinta

Uovo chiaro, cieco o gravidanza anembrionica: che cos'è e cosa comporta

di Sara Sirtori - 12.10.2020 - Scrivici

aborto-precoce
Fonte: Shutterstock
Quando la camera gestazionale risulta essere vuota, si parla di gravidanza anembrionica.

Gravidanza anembrionica: cosa implica

Anche quando l'ovulo e lo spermatozoo si incontrano e si fondono correttamente, non è detto che si instauri una gravidanza: anche nel caso in cui nell'utero si impianti l'ovulo fecondato, succede talvolta che non si sviluppi alcun embrione e si verifichi un aborto spontaneo.

In questo articolo

Che cos'è una gravidanza anembrionica?

Una gravidanza anembrionica (nota anche come uovo chiaro o cieco) è una condizione clinica in cui, come conseguenza dell'impianto in utero di un ovulo fecondato, non si sviluppa né un embrione, né il suo sacco vitellino. Se si verifica questa condizione, potresti non scoprirlo fino alla fine del primo trimestre e probabilmente si verificherà un aborto spontaneo.

Cosa succede se ho una gravidanza anembrionica?

Anche se la gravidanza non andrà a buon fine, otterrai comunque un risultato positivo su un test di gravidanza, perché la placenta inizia a svilupparsi e inizia a secernere gonadotropina corionica umana (hCG), l'ormone che questi test cercano. All'inizio, potresti anche avere alcuni sintomi comuni della gravidanza, come affaticamento, nausea e dolori al seno. Successivamente, quando i livelli ormonali iniziano a scendere, questi sintomi si attenueranno e probabilmente avrai spotting o sanguinamento.

All'inizio potresti notare delle macchie bruno-rossastre. Successivamente potresti avere crampi o sanguinamento mentre i tuoi livelli ormonali si ritirano. Se hai crampi o sanguinamento, o il tuo utero non cresce come dovrebbe, o se il tuo medico non riesce a sentire il battito cardiaco del bambino con un doppler entro 12 settimane circa, avrai un'ecografia di controllo. Se si tratta di un caso di gravidanza anembrionica, l'ecografia mostrerà un sacco gestazionale vuoto.

Gravidanza anembrionica e aborto spontaneo

È probabile che abortirai, ovvero per espellere il sacco gestazionale e il tessuto accumulato, entro la fine del primo trimestre, anche se potrebbe accadere prima. Il processo di aborto spontaneo può richiedere settimane, tuttavia, e una volta scoperto che non hai in grembo un bambino, potresti scoprire che è troppo difficile da sopportare sia emotivamente sia fisicamente aspettare un aborto spontaneo.

In tal caso, potresti utilizzare farmaci per accelerare il processo di aborto spontaneo. Oppure si può decidere di sottoporsi a una procedura: un curettage dell'utero per aspirazione per asportare residui placentari dopo un aborto. Ci sarà bisogno di rimuovere il tessuto se hai problemi che rendono pericoloso aspettare un aborto spontaneo, come sanguinamento significativo o segni di infezione.

Quando posso provare a concepire di nuovo?

Alcuni medici consigliano di aspettare per concepire fino a quando non hai avuto il ciclo, che probabilmente accadrà da quattro a sei settimane dopo l'aborto o la rimozione del tessuto.

Uno studio scozzese su oltre 30.000 donne ha concluso che le donne che rimangono incinte entro sei mesi da un aborto spontaneo hanno effettivamente le migliori probabilità di avere una gravidanza sana. Quelle donne hanno avuto meno aborti o gravidanze extrauterine rispetto alle donne che sono rimaste incinte da sei a 12 mesi dopo il loro aborto spontaneo.

Tuttavia, sebbene tu possa essere fisicamente pronta a rimanere di nuovo incinta, potresti non sentirti pronto emotivamente. Ogni donna affronta il dolore della perdita precoce di una gravidanza a modo suo, e alcune donne trovano che ci vogliono mesi prima che vogliano provare di nuovo a concepire.

Avere una gravidanza anembrionale una volta significa che è probabile che abortisca di nuovo?

No. Sebbene sia probabile che tu sia preoccupata per la possibilità di un altro aborto spontaneo, gli esperti di fertilità non considerano una singola interruzione precoce di gravidanza un segno che c'è qualcosa che non va in te o nel tuo partner. La maggior parte dei medici aspetterà che una donna abbia avuto due o tre aborti consecutivi per prescrivere speciali esami del sangue e genetici per cercare di scoprire cosa non va.

Fonte per questo articolo:

BabyCenter: Early pregnancy failure (blighted ovum) 

Domande e risposte

Cos'è una gravidanza anembrionica?

Una gravidanza anembrionica è una condizione clinica in cui, come conseguenza dell'impianto in utero di un ovulo fecondato, non si sviluppa né un embrione, né il suo sacco vitellino.

Incinta dopo un aborto: ci si può provare subito?

Non vi è alcun rischio rispetto al fatto di rimanere incinta dopo un aborto spontaneo. Se rimarrai incinta di nuovo rapidamente, significa che tutto sta andando bene e che l'aborto spontaneo è stato solo un evento occasionale.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli