Home Concepimento Rimanere incinta

Ritardo ciclo con pillola, sono incinta?

di Alice Dutto - 14.07.2023 - Scrivici

prendo-la-pillola-ma-non-mi-e-venuto-il-ciclo
Fonte: shutterstock
Ritardo ciclo con pillola: perché non arriva il ciclo nella settimana di sospensione? Ciclo in ritardo con la pillola, perché accade? Le cause

In questo articolo

Ritardo ciclo con pillola

Può capitare che, nonostante si faccia uso della pillola, le mestruazioni tardino ad arrivare. Ritardo ciclo con pillola: una situazione rara, ma non impossibile che ha diverse cause. Le abbiamo approfondite insieme al dottor Alessandro Bulfoni, responsabile del reparto di Ostetricia e Ginecologia Humanitas San Pio X.

Perché non arriva il ciclo nella settimana di sospensione

A meno che non si faccia volontariamente uso di un contraccettivo orale a basso dosaggio, che può annullare il ciclo mestruale senza ripercussioni per la salute della donna, una situazione di questo tipo può verificarsi per diversi motivi. «La pillola, infatti, funziona nel 99% dei casi. Significa quindi che c'è una possibilità su 100 che non funzioni» spiega il medico.

Se non viene il ciclo nella pausa pillola, ecco quali sono le cause possibili:

  • L'inizio di una gravidanza
  • Una dimenticanza
  • Dosaggio troppo basso della pillola
  • Stress fisico ed emotivo
  • Un cambiamento nell'alimentazione
  • Squilibri ormonali

1. L'inizio di una gravidanza

Come dicevamo nell'1% dei casi si può restare incinta con la pillola. Ciò può accadere soprattutto in presenza di:

  • assunzione di altri farmaci, ad esempio gli antibiotici, che hanno inibito il corretto assorbimento a livello gastro-intestinale dell'anticoncezionale;
  • episodi di vomito o diarrea entro 5 ore dall'assunzione della pillola. Se nel mese la donna ha sofferto di gastroenterite, o ha avuto episodi di vomito o diarrea entro poco tempo dall'assunzione del farmaco, la sua assunzione è compromessa.

2. Una dimenticanza

«Un'altra causa che determina una gravidanza nonostante si stia assumendo la pillola è che la donna sia convinta di aver preso tutte le compresse, ma invece ne abbia saltata una o più di una».

3. Dosaggio troppo basso della pillola

«In alcuni casi, le mestruazioni non si presentano perché il dosaggio del farmaco è troppo basso e la donna è giovane. È una situazione che si verifica in special modo in caso di ovaie policistiche. Questo non vuol dire che la pillola sia inefficace come anticoncezionale.

Semplicemente, essendo troppo leggera, non riesce a far crescere l'endometrio e causare la mestruazione, che non è altro che lo sfaldamento del tessuto endometriale e la sua conseguente espulsione».

4. Stress fisico ed emotivo

L'ipotalamo è la parte del cervello che controlla gli ormoni coinvolti nel ciclo mestruale: quando funziona correttamente, rilascia sostanze chimiche che fanno sì che la ghiandola pituitaria stimoli altre parti del corpo produttrici di ormoni, comprese le ovaie, che rilasciano ormoni chiamati estrogeni e progesterone, che regolano le mestruazioni.

Quando il corpo è sotto stress, può rilasciare un ormone, chiamato cortisolo, che può aver effetti negativi proprio sull'ipotalamo. 

L'organismo produce cortisolo anche quando ci si impegna in attività fisica intensa ed eccessivamente stressante.

5. Cambiamenti nell'alimentazione

Se non stai consumando un numero adeguato di calorie o se la tua dieta è carente di alcuni nutrienti, ciò può influenzare gli ormoni che regolano il ciclo. Stesso discorso anche se si assumono troppe calorie o grassi e zuccheri o si è in sovrappeso.

6. Squilibri ormonali

Gli squilibri ormonali - come sindrome dell'ovaio policistico o disturbi della tiroide - possono influire negativamente sulla regolarità delle mestruazioni.

Che cosa fare se non viene il ciclo

In tutte le situazioni, il consiglio quando si finisce una confezione e non arriva la mestruazione è quello di eseguire un test di gravidanza. «Anche se al 99% il risultato sarà negativo, in questo modo si esclude la possibilità di una gravidanza e si evita di assumere una nuova confezione del farmaco che, in caso di gestazione, potrebbe provocare problemi alla donna e all'embrione».

Revisionato da Nicoletta Vuodi

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli