Home Concepimento Rimanere incinta

Sembrava ciclo invece era gravidanza: sono le false mestruazioni

di Viola Stellati - 21.12.2022 - Scrivici

ciclo-durante-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Sembrava ciclo invece era gravidanza non è il nome di un nuovo reality show, ma un fenomeno che può accadere davvero: in cosa consiste

In questo articolo

Sembrava ciclo invece era gravidanza

Sembrava ciclo invece era gravidanza. No, non è il nuovo titolo di una trasmissione televisiva, bensì un fenomeno di cui non si parla molto, ma che può capitare: le false mestruazioni. Scopriamo insieme in cosa consistono, da cosa dipendono e se c'è da preoccuparsi.

Tutti, donne e uomini compresi, sono consapevoli che per rimanere incinta è necessario monitorare il ciclo mestruale per individuare i giorni fertili. Tuttavia, può capitare che il test di gravidanza risulti positivo ma che, allo stesso tempo, si presentino delle perdite piuttosto simili a quelle del normale ciclo.

Quando questo succede si parla di false mestruazioni, ossia delle perdite ematiche poco abbondanti che possono comparire all'inizio della gravidanza, più o meno una decina di giorni dopo il concepimento.

Esse si distinguono dal classico ciclo mestruale non solo per la quantità, ma anche per il colore che di solito è più scuro, praticamente tendente al marrone. Anche se, è bene sapere, non si esclude che possano avere anche tonalità rosate o rossastre. Infine, la durata di queste perdite è più limitata rispetto alle classiche mestruazioni.

Nonostante tutte queste piccole differenze, però, quando capita è facile esclamare "sembrava ciclo invece era gravidanza", soprattutto in quei casi in cui non si desidera rimanere incinta.

Sembrava ciclo invece era gravidanza: le cause delle false mestruazioni

Le cause delle false mestruazioni indicano che è avvenuto l'annidamento dell'embrione nella parete uterina (endometrio). Un processo che in realtà è normalissimo, al punto che la loro presenza non segnala nulla di preoccupante: perdere alcune gocce di sangue è naturale e fisiologico all'inizio della gravidanza.

I motivi per cui può capire che fuoriesca un po' di sangue sono:

  • eventuali piccole rotture di alcuni vasi sanguigni dell'utero;
  • leggeri traumi dei tessuti del collo dell'utero che si stanno, come è giusto che sia, modificando per ospitare il feto.

Tutto questo può accadere perché il sangue che non penetra nelle lacune dell'endometrio, si riversa nella cavità uterina, sfociando per l'appunto in false mestruazioni.

Ciò vuol dire che anche se sembrava ciclo invece era gravidanza dobbiamo comunque stare tranquille: è semplicemente una reazione fisiologica del nostro corpo che non dipende dall'impianto dell'ovulo nell'utero.

A gestazione appena cominciata, potrebbe comunque capitare una perdita ematica - l'importante è che sia sempre di scarsa entità altrimenti potrebbe esserci un problema più grave - che si verifica a causa della rottura di capillari nel collo dell'utero dopo un rapporto sessuale.

False mestruazioni: quando bisogna preoccuparsi

A livello generale, se vi dovesse capitare la situazione "sembrava ciclo invece era gravidanza", non c'è bisogno di preoccuparsi in quanto, oltre al fastidio e al disagio, le false mestruazioni non sono un gran problema.

Un fenomeno che dura poche ore o al massimo un paio di giorni. Nei casi in cui la situazione non dovesse cambiare a distanza di tempo, è necessario rivolgersi al proprio medico in quanto questa piccola perdita potrebbe indicare una gravidanza extrauterina, un'infiammazione o un'infezione vaginale che è necessario tenere sotto controllo.

Per quanto riguarda la cura, non c'è bisogno di alcun trattamento perché le perdite da falso ciclo tendono a risolversi spontaneamente.

Ciò che però è sempre importante fare quando si è in dolce attesa, è cercare di assecondare le esigenze del proprio corpo per non sovraccaricarsi di stress e ansie inutili.

Vi ricordiamo, tuttavia, che nei casi in cui le perdite ematiche in gravidanza dovessero ripetersi con una certa frequenza, è fondamentale rivolgersi al proprio medico per escludere, o identificare, le eventuali condizioni patologiche che ne sono responsabili.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli