Home Concepimento Rimanere incinta

Infertilità maschile: perché e quando fare la spermiocoltura

di Elena Berti - 13.12.2021 - Scrivici

spermiocoltura
Fonte: Shutterstock
Spermiocoltura: perché e quando si fa, come prepararsi, come interpretare i risultati e come curare le infezioni per evitare infertilità.

Spermiocoltura: quando si fa, come funziona e a cosa serve

Quando si hanno difficoltà a concepire, è normale indagare sulla causa, ipotizzando un'infertilità maschile, femminile o di entrambi. Ma non sempre problemi che impediscono il concepimento sono irreversibili. Per questo è fondamentale svolgere una serie di esami, tra cui uno dei più importanti per l'uomo è sicuramente la spermiocoltura

In questo articolo

Che cos'è la spermiocoltura

La spermiocoltura è un esame a cui, appunto, si sottopongono gli uomini. Può essere fatta qualora lamentassero dei disturbi come bruciore, presenza di sangue nel sperma o dolore, ma più spesso viene prescritta alle coppie che faticano a concepire nonostante qualche periodo di rapporti mirati. Si tratta di un esame che verifica la presenza di microrganismi patogeni nello sperma, proprio come avviene quando si fa un'urinocoltura: lo scopo è individuare eventuali infezioni a carico degli organi genitali maschili e in particolare prostata, vescicole seminali, epididimo e uretra. 

Quando è richiesta la spermiocoltura

Molto spesso i medici prescrivono una spermiocoltura agli uomini che, in coppia, non riescono a concepire. Mentre la donna si sottopone ad altri esami, l'uomo deve verificare che non ci siano problemi a carico del suo apparato genitale e in particolare dello sperma, che come sappiamo è fondamentale per fecondare un ovocita. Solitamente viene richiesto insieme ad altri esami, come lo spermiogramma, il test di frammentazione e quello di capacitazione, che però valutano aspetti diversi come la quantità e la qualità degli spermatozoi capaci o meno di fecondare. 

Come si svolge la spermiocoltura

Sono due le fasi che caratterizzano la spermiocoltura: una è la raccolta, l'altra l'analisi.

Per la raccolta di un campione di sperma valgono le stesse regole applicate per lo spermiogramma

  • utilizzare un contenitore ampio e sterile
  • lavarsi bene le mani ed evitare qualsiasi contatto coi bordi del contenitore
  • astenersi dai rapporti per 3-5 giorni prima dell'esame 
  • non fare pipì per 2-3 ore prima della raccolta
  • evitare l'uso di antibiotici, che potrebbero inficiare i risultati 

Una volta raccolto lo sperma, questo dovrà essere consegnato immediatamente o conservato correttamente fino alla consegna (in genere in frigo). A questo punto, il liquido viene inoculato in diversi terreni di coltura, a seconda di quali batteri si stanno cercando. 

E se la spermiocoltura è positiva?

Si parla di positività quando la spermiocoltura rileva la presenza di uno o più microbi patogeni. In questo caso, si procede effettuando altri test mettendo a confronto i microrganismi con alcuni antibiotici per capire se rispondono o meno. Questo test si chiama antibiogramma e permette di valutare la terapia antibiotica più adatta al trattamento dei batteri. 

Qualora infatti si trovassero dei microrganismi patogeni nello sperma non bisogna preoccuparsi: si tratta di un'infezione che, come tale, deve essere quindi curata con un trattamento antibiotico. 

Quali infezioni si rilevano con la spermiocoltura

Come abbiamo detto, la spermiocoltura serve a individuare infezioni a carico delle vie uro-genitali, in particolare prostata e vescichette seminali. Viene eseguita come esame per capire eventuali cause di infertilità negli uomini che faticano a concepire nonostante rapporti mirati. Sono anche altri i motivi per cui un uomo può aver bisogno della spermiocoltura: nel caso in cui si lamentino dolori o bruciori o altri problemi urologici, le tecniche avanzate sono in grado di ricercare e individuare anche malattie come la Chlamidya, la Gonorrea o ancora il Papilloma Virus. 

La spermiocoltura è un esame non invasivo che consiste nel mettere a coltura un campione di sperma col fine di rilevare microrganismi patogeni che abbiano causato un'infezione. È utilizzato per diagnosticare diverse malattie ma in particolare nei casi di infertilità maschile.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli