Home Concepimento Rimanere incinta

Spermiogramma: quando farlo e a cosa serve

di Elena Berti - 02.11.2021 - Scrivici

spermiogramma
Fonte: Shutterstock
Lo spermiogramma è un esame a cui sono sottoposti gli uomini quando la coppia non riesce a concepire. Ecco come funziona e a cosa serve.

Spermiogramma: quando farlo e a cosa serve

Un tempo, quando una coppia non riusciva ad avere figli, si dava per scontato che il problema venisse dalla donna. Per fortuna la scienza ha dimostrato che a volte le difficoltà a concepire sono imputabili all'uomo, e per questo quando si inizia un percorso per verificare perché un bambino non arriva si sottopone anche l'uomo a degli esami, tra cui lo spermiogramma. Ecco come funziona e a cosa serve.

In questo articolo

Difficoltà a concepire: un problema di coppia

Come dicevamo, le difficoltà a concepire possono trovare causa nella donna, nell'uomo o in entrambi. Per questo, nel momento in cui dopo diversi mesi di tentativi mirati (a volte anche due anni) il bambino non arriva, i futuri genitori vengono sottoposti a una serie di esami per capire quale sia il problema e come risolverlo, in modo da affrontarlo medicalmente. 

L’infertilità maschile

Per infertilità maschile si intende quindi una ridotta capacità di fecondare un ovocita, e quindi di riprodursi, a causa di un deficit degli spermatozoi. Questo deficit può essere ricondotto a un'insufficiente produzione di spermatozoi, ma anche ad anomalie presenti negli spermatozoi stessi. Per questo, quando si indagano i motivi del mancato concepimento, l'uomo viene sottoposto a spermiogramma.

Che cos’è lo spermiogramma

Lo spermiogramma è quindi l'esame del liquido seminale, che non conta soltanto il volume degli spermatozoi, ma anche la loro qualità. Un uomo può produrre infatti un numero considerevole di spermatozoi, ma questi possono avere problemi di motilità o ancora essere portatori di anomalie genetiche. Con lo spermiogramma si analizzano quindi qualità chimico-fisiche come:  

  • il volume, per verificare se i valori sono nella norma e se non si è di fronte a ipoposia (basso volume, sotto gli 1,5ml) o al contrario a iperposia (alto volume, sopra i 5ml);
  • il ph, che solitamente è basico, tra 7,5 e 8
  • il colore, trasparente, lattescente o grigiastro
  • la fluidificazione, per verificare la presenza di coaguli dopo l'eiaculazione, fondamentali per poter attraversare il muco cervicale
  • la viscosità, cioè la capacità dello sperma di cadere "a goccia"

Lo spermiogramma permette però di analizzare lo sperma anche da un punto di vista microscopico, consentendo così di esaminare: 

  • la concentrazione degli spermatozoi
  • la loro motilità
  • la morfologia, cioè se sono formati da testa, collo e coda nella norma
  • l'eventuale presenza di infezioni

Come si fa lo spermiogramma

Lo spermiogramma è un esame semplice e non invasivo, al contrario purtroppo di molti altri esami che coinvolgono la donna. L'esito dipende ovviamente dalla raccolta, che deve essere fatta correttamente, seguendo delle regole. Si dovrebbe praticare l'astinenza nei giorni precedenti (per 2-6 giorni) e sospendere l'eventuale assunzione di farmaci. Il campione va raccolto di preferenza in laboratorio, tramite masturbazione e in contenitori sterili, da consegnare subito per l'analisi.

Perché fare lo spermiogramma

Come abbiamo detto, lo spermiogramma è un esame fondamentale per indagare il perché di un mancato concepimento della coppia. Tra i risultati che possono scaturire da questo tipo di indagine, ci sono: 

  • oligozoospermia: gli spermatozoi sono pochi rispetto al liquido seminale
  • azoospermia: gli spermatozoi sono del tutto assenti
  • oligoastenozoospermia: sia la concentrazione che la motilità non sono sufficienti
  • astenoospermia: ridotta motilità degli spermatozoi
  • teratozoospermia: la maggior parte degli spermatozoi ha una morfologia anomala
  • oligoastenoteratoospermia: tutti i parametri sono alterati, quindi volume, motilità e morfologia
  • criptozoospermia: gli spermatozoi sono assenti nell'eiaculato ma sono presenti nel centrifugato
  • ipoposia: liquido seminale scarso

Lo spermiogramma è quindi fondamentale per capire se l'uomo produce abbastanza spermatozoi, se questi sono capaci di raggiungere le ovaie e se la loro forma è regolare. Tutte variabili che possono aiutare a comprendere perché non si riesce a concepire

L'esame del liquido seminale è utile per capire anche se ci sono altre patologie in corso, infezioni o infiammazioni che potrebbero compromettere il concepimento. A volte basta una cura farmacologica per risolvere il problema, altre volte bisogna fare ricorso alle tecniche di fecondazione assistita

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli