Home Concepimento Rimanere incinta

Stimolazione ovarica: quando si fa e a cosa serve

di Francesca Capriati - 11.01.2023 - Scrivici

stimolazione-ovarica
Fonte: shutterstock
Stimolazione ovarica: come funziona e perché si fa la stimolazione ovarica naturale e controllata. Quanto dura e cosa fare e non fare

In questo articolo

Stimolazione ovarica

La stimolazione ovarica viene spesso portata avanti nelle donne che hanno difficoltà a rimanere incinte e stanno affrontando un percorso per l'infertilità o per la fecondazione assistita. Vediamo in cosa consiste e come funziona.

Stimolazione ovarica, come funziona

L'obiettivo della stimolazione ovarica è cercare di far maturare invece che degradare tutti i follicoli impegnati in un ciclo naturale. Il trattamento viene effettuato con gli stessi ormoni che la donna produce, ma realizzati sinteticamente. 

Quando viene fatta?

Una delle più comuni cause di infertilità è rappresentata da alterazioni dei fenomeni fisiologici dell'ovulazione. In questo caso può essere foremente raccomandato un trattamento ormonale nelle donne con cicli anovulatori ma anche in quelle che hanno ovulazione normale.

Come avviene l'ovulazione

Ogni donna nasce con una riserva ovarica limitata, cioè un numero preciso di cellule che diventeranno ovuli.

Con l'arrivo della pubertà inizia la produzione di FSH, che induce la crescita dei follicoli ovarici. In condizioni normali, sebbene in ogni ciclo mestruale vengano reclutati diversi follicoli, solo uno di essi riuscirà a raggiungere l'ovulazione. Questo follicolo dominante rilascerà il suo ovocita mentre gli altri follicoli degraderanno.

L'ovulazione è accompagnata dalla produzione di estrogeni e progesterone. L'alto livello di estrogeni nel sangue è un chiaro segnale per l'ipofisi affinchè interrompa la produzione di FSH perché l'ovulazione è già avvenuta.

Allo stesso tempo, gli estrogeni aiutano l'endometrio (rivestimento interno dell'utero dove si impianta l'embrione) ad ispessirsi e a prepararsi per acogliere un eventuale embrione.

La stimolazione ovarica viene fatta con dei farmaci appositi che mimano l'azione degli ormoni naturali.

Come si fa la stimolazione ovarica?

Attraverso le iniezioni giornaliere, si continua a a fornire FSH al corpo in modo che il resto dei follicoli (salvo quello dominante) continui a maturare invece di degradarsi. Non c'è la selezione di un singolo follicolo e questo consente di avere a disposizione a un numero maggiore di ovociti durante un singolo ciclo.

Solitamente alle iniezioni di ormoni si associano anche altri farmaci che servono ad impedire che i follicoli, una volta che sono sviluppati nell'ovaio, vengano rilasciati spontaneamente e possano, invece, essere prelevati durante il prelievo ovocitario ai fini della fecondazione assistita.

Quanto tempo dura la stimolazione ovarica?

Nelle donne con cicli regolari, il trattamento inizia il secondo o il terzo giorno delle mestruazioni e termina intorno al 14esimo giorno.

Stimolazione ovarica naturale

E' possibile stimolare le ovaie e l'ovulazione in modo naturale? Sicuramente è positivo apportare al proprio stile di vita piccoli cambiamenti che possono migliorare la fertilità.

  • Seguire una dieta corretta ed equilibrata, ricca vitamine B12, D, ferro ed acidi grassi essenziali;
  • Fare regolare esercizio fisico, combattere sedentarietà e sovrappeso che giocano un ruolo importante nell'aumentare le probabilità di concepimento perché hanno benefici effetti sui livelli di insulina e sull'equilibrio ormonale;
  • Ridurre lo stress, che è risaputo avere effetti negativi sulla fertilità.

Stimolazione ovarica, i costi

I farmaci per trattare l'infertilità maschile e femminile costano molto ma l'AIFA stabilisce che sono a carico del SSN, cioè gratuiti, a patto che siano inseriti in un piano terapeutico.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli