Home Concepimento Rimanere incinta

Tube chiuse e gravidanza: si può rimanere incinta?

di Francesca Capriati - 22.07.2021 - Scrivici

tube-chiuse-e-gravidanza
Fonte: shutterstock
Tube chiuse e gravidanza: con le tube chiuse si ha l'ovulazione? Quali sono le cause e i sintomi delle tube chiuse. Si può rimanere incinta?

Tube chiuse e gravidanza

Rimanere incinta è sempre un evento dal sapore miracoloso e non è sempre facile, ma in alcune circostanze può essere davvero una sfida (si stima che una sterilità tubarica rappresenta il 16-40% di tutte le cause femminili di infertilità). Cosa accade se le tube di Falloppio sono chiuse? Cosa bisogna sapere sulle tube chiuse e gravidanza? E' possibile rimanere incinta?

In questo articolo

Cosa sono le tube di Falloppio

Le tube di Falloppio sono due strutture presenti nell'apparato riproduttivo femminile che ogni mese trasportano gli ovuli dall'ovaio all'utero. E' proprio nelle tube che avviene l'incontro tra lo spermatozoo e l'ovulo che è stato espulso dall'ovaio. In caso di fecondazione, l'ovulo poi si sposta lentamente verso l'utero dove si anniderà e si svilupperà fino a trasformarsi in un bambino. Se, invece, la fecondazione non dovesse avvenire, allora l'ovulo concluderà il suo percorso nell'utero dal quale verrà espulso, insieme ad altri tessuti, in occasione delle mestruazioni.

Per funzionare in modo corretto, quindi, le tube di Falloppio devono essere aperte, non devono essere gonfie e devono essere prive di tessuto cicatriziale.

Con almeno una tuba di Falloppio in buone condizioni, è certamente possibile avere una gravidanza naturale o assistita da inseminazione intrauterina, mentre se entrambe le tue dovessero risultare chiuse, completamente o parzialmente, il problema andrebbe affrontato con le diverse tecniche di procreazione medicalmente assistita.

Con le tube chiuse si ha l'ovulazione?

L'ovulazione avviene nelle ovaie, quindi, una chiusura delle tube non impedisce l'ovulazione.

Cause delle tube chiuse

La causa più frequente è la malattia infiammatoria pelvica, conseguenza spesso di una malattia a trasmissione sessuale, che si manifesta con un'infezione batterica degli organi riproduttivi, dall'utero alle tube di Falloppio (in questo caso si parla di salpingite ).

Altre possibili cause delle tube chiuse sono:

  • infezioni uterine;
  • aborti spontanei;
  • chirurgia addominale o pelvica;
  • malformazioni congenite;
  • endometriosi.

Tube chiuse: i sintomi

In molti casi non si manifesta alcun sintomo, ma se il problema è provocato da una malattia infiammatoria pelvica i sintomi potrebbero includere:

  • dolore pelvico,
  • ascessi,
  • cicatrici da aderenze,
  • gravidanza extrauterina.

Il primo "sintomo" della chiusura delle tube di Falloppio è spesso l'infertilità: se non rimani incinta dopo un anno di tentativi (o dopo sei mesi, se hai 35 anni o più), il medico prescriverà una serie di esame e test per la fertilità, compresa un'analisi delle tube.

Idrosalpinge

L'idrosalpinge si verifica quando un ostacolo o un blocco provoca la dilatazione della tuba e un conseguente aumento del suo diametro, con conseguente riempimento di liquido, In questo caso il liquido blocca sia l'ovulo che lo sperma impedendo, di fatto, la fecondazione.

In caso di idrosalpinge si possono manifestare dolore nella parte inferiore dell'addome e insolite perdite vaginali.

 

Come si fa la diagnosi per le tube chiuse?

I medici hanno a disposizione diverse procedure:

  • isterosonografia: un esame radiografico che è la tecnica più usata per la valutazione dell'infertilità. Viene iniettato un agente di contrasto radiopaco attraverso la cervice e poi si passa ad acquisire le radiografie;
  • sonoisterografia: si tratta di un'ecografia che prevede l'utilizzo di una soluzione salina;
  • laparoscopia con cromosalpingoscopia: una procedura ospedaliera eseguita in anestesia generale.

Si può rimanere incinta con le tube chiuse?

Per fare una valutazione delle probabilità di gravidanza naturale bisogna prima indagare su quale sia lo stato delle tube. Se una delle due è aperta e funzionante si proverà a favorire la gravidanza solo assumendo farmaci per la fertilità. Ma se entrambe le tube sono chiuse bisognerà intervenire chirurgicamente per provare ad aprirle.

Chirurgia laparoscopica per aprire le tube

In alcuni casi, la chirurgia laparoscopica può aprire le tube e rimuovere il tessuto cicatriziale Sfortunatamente, questo trattamento non sempre funziona: la possibilità di successo dipende dall'età della donna e dall'ubicazione del tipo di blocco. Inoltre aumenta il rischio di gravidanza ectopica.

Per questo la soluzione chirurgica non sempre è la migliore e il medico potrebbe consigliare di affidarsi alla fecondazione in vitro. L'uso della fecondazione in vitro rende possibile il concepimento.

Come funziona la fecondazione in vitro?

Il trattamento prevede innanzitutto l'assunzione di farmaci per la fertilità per stimolare le ovaie. Quindi, utilizzando un ago guidato da ultrasuoni attraverso la parete vaginale, il medico recupera gli ovuli direttamente dalle ovaie.

In laboratorio, gli ovuli vengono fatti "incontrare" con lo sperma del e, in caso di fecondazione, l'embrione verrà trasferito nell'utero materno.

Si può rimanere incinta dopo la legatura delle tube?

La chirurgia della legatura delle tube è una forma permanente di controllo delle nascite. L'obiettivo è quello di bloccare intenzionalmente le tube di Falloppio in modo che lo sperma non possa raggiungere l'ovulo.

Questo metodo ha un'efficacia pari al 98%, quindi è quasi impossibile rimanere incinta dopo la legatura delle tube, anche se c'è una piccola percentuale di probabilità di avere una gravidanza ectopica, quindi che si instaura al di fuori dell'utero.

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli