Home Concepimento

Ritardo del ciclo

di Angela Bisceglia - 05.03.2014 - Scrivici

ritardo-del-ciclo-mestruale
Fonte: shutterstock
È il primo segnale che fa pensare ad una gravidanza, in realtà vi possono essere altri motivi per cui un ciclo non arriva.

A che cosa potrebbe essere dovuto il ciclo mestruale in ritardo? Può essere il segnale di una gravidanza?

Scopriamo insieme le cause più comuni.

In questo articolo

Un'ovulazione tardiva

Un ritardo del ciclo può essere dovuto semplicemente ad un'ovulazione più tardiva, che avviene ad esempio al 16-17° giorno anziché al 14° e quindi fa slittare di 2-3 giorni l'inizio delle mestruazioni.

C'è da sottolineare infatti che difficilmente le donne hanno tutti i mesi un ciclo regolare di 28 giorni e sono tante le variabili che possono incidere sulle fluttuazioni.

Una persistenza del corpo luteo

"A volte può esserci una persistenza del corpo luteo (il follicolo ovulato che ha il compito di produrre progesterone per nutrire l'endometrio e prepararlo ad accogliere un'eventuale embrione), poiché alti livelli di progesterone inibiscono l'arrivo delle mestruazioni" fa notare la ginecologa Rossana Sarli.

Un periodo di stress

Anche lo stress può influire sulla regolarità del ciclo."In condizioni di stress, il nostro sistema nervoso secerne oppioidi naturali, ossia sostanze morfinosimili che hanno un effetto calmante ma che, al tempo stesso, bloccano a livello dell'ipotalamo la sintesi di LH e FSH, i due ormoni che inducono l'ovaio a produrre l'ovocita e consentono l'ovulazione" spiega la ginecologa. Ecco perché quando si è molto stressate il ciclo può ritardare o addirittura saltare per un mese.

Un dimagrimento eccessivo

Un dimagrimento spinto può far ritardare il ciclo perché fa diminuire il tessuto adiposo che regola il metabolismo di estrogeni. È come se l'organismo inviasse all'ipofisi il segnale che non è il momento buono per una gravidanza perché non ci sono abbastanza riserve di grasso, ed ecco che il ciclo salta.

Non per niente quando si ritorna ad un peso adeguato e ad una quantità sufficiente di tessuto adiposo, il ciclo ritorna. In ogni caso, se dopo una settimana-dieci giorni il ciclo non arriva… forse è meglio fare un test di gravidanza!

Dopo due mesi di assenza del ciclo si parla di amenorrea, secondaria, per distinguerla da quella primaria che si riferisce a donne che non hanno mai avuto il ciclo.

Che cosa fare se il ciclo non arriva?

In caso di ritardo si procede a un test di gravidanza e si interviene su un ciclo lungo o irregolare se la paziente ha problemi di sterilità.

Spesso l'oligomenorrea (l'alternazione della durata del ciclo mestruale) sfocia nell'amenorrea ed è espressione di una disfunzione endocrina: vanno eseguiti una serie di esami ormonali, il trattamento è specifico a seconda della diagnosi.

Ti potrebbero interessare anche:

Leggi gli approfondimenti sul ciclo mestruale

Aggiornato il 17.05.2020

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli