News

Tra Natale e Capodanno aumenta il numero di concepimenti

natalecoppia
29 Dicembre 2014 | Aggiornato il 31 Dicembre 2015
Il maggior numero di concepimenti durante l'anno? Si ha tra Natale e Capodanno. Il minore?  Nei mesi estivi. Lo dice l'Office for National Statistics in Gran Bretagna. La maggior parte delle donne infatti rimane incinta durante i mesi invernali, proprio nel mezzo delle festività natalizie. In particolare aumentano le gravidanza non cercate.
Facebook Twitter Google Plus More

Tra Natale e Capodanno. Proprio nel momento in cui si corre di più alla ricerca di regali, a preparare pranzi e cene, a organizzare il Capodanno e a visitare parenti e amici. Sarebbe questo il momento in cui aumentano i concepimenti.

 

Il picco di nascite sarebbe infatti tra luglio e ottobre, esattamente nove mesi dopo le vacanze invernali. Perché quando fa freddo si concepisce di più. 

 

Lo sostiene il magazine britannico Dailymail online riportando i dati forniti dall'Office for National Statistics in Gran Bretagna.

 

Attenzione però: aumenta anche il numero di gravidanza non cercate, soprattutto da parte di madri che hanno già figli. Sempre come riporta il Dailymail "la frenesia dietro le vacanze natalizie fa dimenticare di prendere precauzioni, facendo aumentare quindi il numero di gravidanza non pianificate". Per esempio si rischia di più di saltare qualche pillola.

 

 

In Italia? Picco di nascite a luglio

 

Ma non è una realtà solo brittannica. Come riportano i dati Istat dei nati nel 2013, il picco assoluto di nascite qui da noi si ha proprio nei mesi estivi. Luglio, agosto, settembre e ottobre sono i mesi che la fanno da padrone. E riportando la lancetta dell'orologio indietro di 9 mesi, risulta quindi che anche in Italia i concepimenti aumentano nei mesi invernali.

 

I mesi nei quali invece si verificano meno nascite? Febbraio, marzo e aprile. Facendo risultare quindi i mesi estivi quelli nei quali in Italia si concepisce di meno. (Leggi anche: il calcolo del concepimento, come si fa)