Home Famiglia Adozione

Tiziano Ferro e il marito valutano il fostering: cos'è e come funziona

di Sara Sirtori - 23.06.2020 - Scrivici

tiziano-ferro
Fonte: Alberto Terenghi / IPA
Il fostering prevede un affidamento temporaneo di un bambino, con l'obiettivo di garantirgli stabilità e amore. Tiziano Ferro e suo marito, che vivono in America, stanno valutando questa possibilità.

Cos'è il fostering

Un Paese come l'America, offre molte opportunità per chi vuole avere un figlio.

Tiziano Ferro e il marito Victor desiderano allargare la famiglia e pensano al "fostering": vediamo cos'è e come funziona.

Tiziano Ferro e il marito valutano il "fostering"

Il cantautore in un'intervista ha dichiarato:

"Qui in America la situazione è relativamente più facile, o meglio ci sono diverse soluzioni, come il cosiddetto fostering, ovvero la possibilità di occuparti per un certo tempo di un bimbo, anche senza una vera e propria adozione".

E prosegue:

"Non ho un figlio per quanto lo sogni, forse in questo momento è la cosa alla quale penso di più nella vita. Però tutti quanti, quelli che hanno dei figli, mi raccontano che non puoi neanche avvicinarti a capire cosa possa essere. Quindi io mi apro a questo dono e a questo ennesimo miracolo che sarà scritto da chi di dovere. Io potrò soltanto essere accogliente, desiderare e anche pregare senza negoziare. Direi: se vuoi sto qua".

Come funziona il fostering

Il fostering prevede un affidamento temporaneo con l'obiettivo di garantire stabilità, amore e sostegno ad un bambino per un periodo di tempo limitato. E' quindi la possibilità di occuparsi di un bimbo, senza una vera e propria adozione.

Il collocamento del minore è normalmente organizzato tramite il governo o un'agenzia di servizi sociali. La famiglia affidataria si impegna a garantire un percorso sereno al bambino: è una sorta di famiglia di stallo che prepara al meglio e con serenità il bambino all'affido definitivo. 

Negli Stati uniti, per il fostering vengono fornite sovvenzioni pubbliche per coprire una parte dei costi mensili effettuati dai genitori affidatari. 

Domande e risposte

Che differenza c'è tra affidamento e adozione?

Diversamente dall'adozione, l'affido non dura per sempre, ma per un determinato periodo di tempo.

Quanto tempo dura l'affido?

Dai 2 ai 17 anni compiuti, i bambini possono essere dati in affido fino a 24 mesi, con possibilità di rinnovo. Per i neonati, invece,  l'affido in questo caso si configura come una pre-adozione.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli