Home Famiglia Ambiente

Come spiegare la biodiversità ai bambini

di Niccolò De Rosa - 22.05.2024 - Scrivici

come-spiegare-la-biodiversita-ai-bambini
Fonte: Shutterstock
Conoscere la ricchezza della vita sul nostro pianeta è importante quanto fare di tutto per proteggerla. Ecco come spiegare la biodiversità ai bambini

In questo articolo

Come spiegare la biodiversità?

Come spiegare la biodiversità a un bambino in poche parole? Sempre più spesso sentiamo parlare di biodiversità e delle necessità di proteggerla a tutti i costi per salvaguardare la vita del nostro pianeta. Tuttavia, benché ormai il termine sia entrato di prepotenza nel nostro linguaggio quotidiano, non sempre il concetto dietro tale parola risulta chiaro e d'immediata comprensione.

Cosa vuol dire dunque di biodiversità? Come si esprime? E come mai si stanno facendo tanti sforzi per tutelarla? Sono domande che sorgono spontanee ad un bambino e che noi adulti siamo chiamati a spiegare con semplicità e precisione. Ecco qualche consiglio per farlo a dovere.

La biodiversità spiegata in modo facile

La biodiversità è come un grande puzzle della natura, fatto di tanti pezzi diversi: piante, animali, insetti e altri organismi. Ogni pezzo è importante e unico e tutti insieme rendono il nostro mondo bellissimo e forte. Senza la biodiversità, il puzzle sarebbe incompleto e meno speciale.

Cos'è la biodiversità?

"Biodiversità" è un termine piuttosto recente  - è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward O. Wilson - definisce l'intero patrimonio naturale del mondo che ci ospita. Essa infatti comprende tutti gli organismi viventi della Terra, animali e vegetali, che popolano e compongono i vari ecosistema del pianeta.

Parlare di biodiversità dunque significa parlare della ricchezza delle forme di vita, nonché delle loro differenze e del ruolo che ciascuna di esse gioca all'interno del proprio ecosistema. Per un bambino è infatti fondamentale comprendere fin da subito come qualsiasi essere vivente, anche il più piccolo e apparentemente più insignificante, contribuisca al mantenimento dell'equilibrio naturale.

Un semplice esempio? Le odiatissime zanzare che tanto ci infastidiscono d'estate, sono le prede naturali di tanti animali, come i pipistrelli. Se le zanzare sparissero, i pipistrelli non avrebbero più cibo e scomparirebbero anche loro!

Come si esprime la biodiversità?

Ora che abbiamo capito che la biodiversità rappresenta la grande varietà degli organismi viventi, si può approfondire ulteriormente le varie sfumature dietro questo concetto così vasto.

Come riporta il sito dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) la Convenzione ONU sulla Diversità Biologica afferma che il termine biodiversità include differenti tipi di "diversità":

  • La diversità di ecosistema: ossia il numero degli habitat presenti sul pianeta (es: savane, foreste, oceani, ma anche le aree urbaane) nei quali gli umani, animali e piante vivono e si evolvono.
  • La diversità di specie: ossia la varietà delle specie presenti in una determinata zona, nonché la loro rarità o abbondanza in un certo territorio.
  • La diversità genetica: ossia la differenza dei geni all'interno di una determinata specie. Tale parametro serve dunque a definire l'intero patrimonio genetico di una determinata specie. Come gli umani infatti, anche piante e animali, per quanto molto simili tra loro, presentano delle differenze nel loro DNA.

Perché è importante tutelare la biodiversità?

In questi ultimi anni si parla tanto di biodiversità perché tanta abbondanza di vita è messa a repentaglio dai mutamenti climatici provocati dall'uomo. È importante dunque che tutti capiscano l'importanza di adottare stili di vita più sostenibili non solo per respirare aria migliore e non esaurire le risorse del pianeta, ma anche (o soprattutto) per evitare che centinaia di specie animali e vegetali scompaiano per sempre.

Anche perché la perdita di un'intera specie si ripercuote sempre, in un modo o nell'altro su noi esseri umani. Proviamo a pensare ad un mondo senza api, le quali se la stanno passando decisamente male in questi anni: non solo non avremmo più il miele, ma non ci sarebbero più nemmeno miliardi di insetti impollinatori indispensabili per la nascita di nuove piante e per l'agricoltura. Sarebbe un vero disastro!

Ma quali sono allora le grandi minacce alla biodiversità?

  • Inquinamento atmosferico
  • Innalzamento delle temperature, molto pericoloso per organismi delicati (es: i coralli) che non riescono a sopportare il caldo eccessivo.
  • Catastrofi naturali  come alluvioni o uragani, i quali sono sempre più frequenti a causa del clima impazzito (e che noi abbiamo contribuito a "far impazzire)
  • Riduzione degli habitat a causa della presenza sempre più ingombrante di insediamenti umani (città, paesi, strade ecc...)

Che cosa possiamo fare tutti i giorni

Ogni giorno, ognuno di noi nel suo piccolo può fare qualcosa per preservare la biodiversità.

Spieghiamolo ai nostri bimbi. I piccoli gesti che possono fare la differenza sono:

  • fare il compost: imparare a fare il compost con gli scarti di cibo per creare un fertilizzante naturale che aiuta le piante a crescere
  • usare meno prodotti chimici: scegliere prodotti di pulizia e per il giardino naturali invece di quelli chimici che possono danneggiare l'ambiente
  • camminare o andare in bici: preferire camminare o andare in bici invece di usare l'auto per ridurre smog e inquinamento.
  • partecipare a giornate ecologiche: unirsi a eventi locali per pulire parchi, spiagge e altri spazi naturali
  • proteggere gli insetti (che sembrano) utili: costruire piccoli rifugi per api, coccinelle e altri insetti nel giardino o sul balcone per aiutarli a trovare un posto sicuro dove ripararsi
  • comprare cibo locale e di stagione: scegliere frutta e verdura locale e di stagione per ridurre l'impatto ambientale del trasporto e della coltivazione intensiva
  • leggere e imparare sulla natura: leggere libri e guardare documentari sulla natura per capire meglio l'importanza della biodiversità
  • rispettare gli animali selvatici: osservare gli animali selvatici da una distanza sicura senza disturbarli o danneggiare i loro habitat

Perché la biodiversità è a rischio?

Difficile semplificare in poche parole perché la biodiversità è a rischio. Si corre il rischio di banalizzare. Possiamo però spiegare ai nostri bambini alcuni dei concetti chiave e perché molte attività degli esseri umani stanno cambiando e rovinando la nostra Terra. Per esempio:

  1. Tagliare troppi alberi: quando tagliamo molti alberi, gli animali e le piante che vivono lì non hanno più una casa. Pensiamo a quello che da anni sta succedendo alla Foresta Amazzonica.
  2. Inquinamento: quando sporchiamo l'acqua, l'aria e il suolo, non solo diventa difficile per noi vivere, ma anche per le piante e gli animali.
  3. Costruire troppo: quando costruiamo tante case, strade e città, occupiamo gli spazi dove vivevano gli animali e crescevano le piante.
  4. Caccia e pesca eccessiva e intensiva: se prendiamo troppi pesci o cacciamo troppi animali, non ne rimangono abbastanza per mantenere l'equilibrio della natura.

Tutte queste azioni fanno sì che la biodiversità, il nostro puzzle della natura, diventi più piccolo e meno forte.

Che attività fare per preservare la biodiversità?

Vi proponiamo alcune attività pratiche che si possono far fare insieme a bambini della scuola primaria per sensibilizzarli sulla biodiversità:

  1. Creare un giardino della biodiversità: piantare una varietà di piante e fiori nel cortile della scuola o in vaso, spiegando l'importanza di avere diverse specie vegetali per attrarre insetti e animali.
  2. Costruire casette per gli uccelli e rifugi per insetti: realizzare semplici casette per uccelli e rifugi per insetti utilizzando materiali riciclati, spiegando come queste strutture aiutano a proteggere gli animali.
  3. Laboratorio di compostaggio: insegnare ai bambini come fare il compost con gli avanzi di cibo, mostrando come il compost aiuta a nutrire il suolo e le piante.
  4. Seminare piante amiche delle api: far piantare ai bambini fiori che attraggono le api e spiegare l'importanza delle api nella impollinazione delle piante.
  5. Scambi di semi: organizzare uno scambio di semi tra i bambini, dove ciascuno porta semi di piante diverse da casa e li scambia con i compagni per promuovere la diversità delle piante.
  6. Progetto "Adotta una pianta": ogni bambino adotta una pianta da curare e osservare durante l'anno scolastico, registrando la crescita e i cambiamenti.

Queste attività non solo educano i bambini sulla biodiversità, ma li coinvolgono anche attivamente nella protezione dell'ambiente, rendendo l'apprendimento divertente e pratico.

Ogni hanno ricorre la giornata che ricorda a tutti l'importanza della biodiversità. E anche il 22 maggio 2024 si celebra la Giornata mondiale della Biodiversità. In questa data nel 1992 le Nazioni Unite hanno adottato la Convenzione per la Diversità Biologica.
Il tema di quest'anno è "Fai parte del Piano": un invito all'azione per incoraggiare i governi, le popolazioni indigene e le comunità locali, le organizzazioni non governative, i legislatori, le imprese e gli individui a rendere noto in che modo sostengono l'attuazione del Piano per la Biodiversità.

Libri per comprendere la biodiversità

Per aiutare i più piccoli a famigliarizzare con il concetto di biodiversità, libri e racconti rappresentano sempre un ottimo strumento d'insegnamento.

Conoscere la biodiversità. Alla ricerca della specie di Marco Lebboroni (LG Editore)

Foreste pluviali, fondali oceanici, sorgenti termali ... in ogni angolo del nostro pianeta vivono specie ancora sconosciute alla scienza. Sembra incredibile che con la tecnologia attuale qualche nuova forma possa restare nell'ombra, eppure il percorso di scoperta e classificazione della biodiversità è stato costellato di eccezionali sorprese, di previsioni confermate, di scherzi e di misteri. Raccogliere piante, catturare animali, dargli un nome: un'avventura continua per i ricercatori, ma non solo per loro, perché il desiderio del "nuovo" è sempre dentro ognuno di noi, così come la curiosità dell'esploratore.

Il giardiniere dei sogni di Claudio Gobbetti (Sassi Editore)

In una fiabesca terra senza nome, un vecchio omino scrive a macchina su di un foglio bianco che, annaffiato e coltivato amorevolmente, dà vita a uno, due, cento, mille volumi popolati da storie e creature fantastiche, capaci di raggiungere ogni lettore in grado di coglierne la magia. Il libro si presenta come una poetica dedica illustrata alle prime pagine della vita di ciascun amante dei libri e alle tante avventure scritte per aprire le porte della fantasia.

La biodiversità di Catherine Stern (Giunti)


Un libro dedicato al rispetto della natura e alla salvaguardia dell'ambiente, soffermandosi sulla varietà delle forme viventi, sulle minacce che incombono su di essa (dalla distruzione degli habitat all'inquinamento, dall'eccessivo sfruttamento delle risorse al mutamento climatico) e sulle strategie per combatterle.

Fonti

***Contenuto sponsorizzato: Nostrofiglio. it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Nostrofiglio. it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati.

Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati***

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli