Home Famiglia

Quando è necessaria e a cosa serve un'assicurazione per i bambini

di Elena Berti - 24.03.2022 - Scrivici

assicurazione-bambino
Fonte: Shutterstock
Assicurazione bambini, cosa include e perché farla: da quella per la salute, a quella contro i danni causati, senza dimenticare il futuro economico

Assicurazione bambini, quale e perché farla

La nascita di un bambino è un momento importante per un nucleo familiare: cambiano molte cose, non solo il numero dei membri della famiglia stessa, ma anche le abitudini, l'organizzazione quotidiana, la ripartizione delle spese e previsioni per il futuro. Per tutti questi motivi, potrebbe essere utile sottoscrivere un'assicurazione bambini, che non solo permette di ovviare a problemi che possono capitare nella vita di tutti i giorni, ma che rappresenta anche un ottimo investimento per il domani. 

In questo articolo

Assicurazione bambini: salute

Le spese mediche rappresentano un'importante voce di uscita nei primi anni di vita di un bambino, ma non soltanto: anche crescendo, le visite specialistiche possono essere necessarie e spesso per ottenere un appuntamento in una struttura tramite il servizio sanitario nazionale può passare molto tempo. Per questo spesso si ricorre a soluzioni private, che però hanno un grosso difetto: il costo

Un'assicurazione sanitaria per i bambini, soprattutto se non si è stipulato già un'assicurazione privata di famiglia o non si ha diritto a fondi professionali come il Fasi, il fondo dei dirigenti, può essere davvero utile per non gravare troppo sul budget familiare. Pensate al pediatra privato a cui ricorrono molte famiglie, o ancora al dentista, all'oculista, all'endocrinologo... 

Praticamente tutte le assicurazioni permettono di stipulare contratti per i figli, generalmente diversi in base all'età e alle necessità. È ovvio che, se prevedete cure specifiche regolari o ancora se c'è bisogno di coprire le spese del dentista, per esempio per l'apparecchio, dovrete fare attenzione a stipulare un'assicurazione sanitaria che copra questo tipo di trattamenti. 

In alcuni casi le spese mediche sono rimborsate dopo il pagamento: fate la visita o l'esame, pagate, poi inviate la fattura per il rimborso alla vostra assicurazione. In altri casi, invece, l'assicurazione vi fornisce un elenco di centri abilitati in cui, recandovi col vostro numero di assicurazione, potrete ottenere la prestazione senza pagare. 

Assicurazione bambini: danni a terzi

I bambini sono sempre in movimento e non è da escludere che possano causare danni. Anche se i vicini potrebbero dirvi che non fa niente se il pallone ha rotto i vasi, altri potrebbero non essere così comprensivi e soprattutto il danno potrebbe essere più grave: finestre rotte, macchine danneggiate, o ancora danni a scuola. Come potreggersi dagli eventuali problemi alle cose causati dai figli?

La migliore soluzione è l'assicurazione cosiddetta capofamiglia, cioè l'RC Famiglia, dove RC sta per responsabilità civile, che permette di risarcire i danni provocati in maniera involontaria a terzi e che siano stati causati dall'assicurato oppure da uno dei familiari con lui conviventi. Questo tipo di assicurazione si estende solitamente all'abitazione, ma anche alle attività svolte fuori, nel tempo libero o a scuola. 

Con questo contratto, si è al riparo nel caso in cui, per esempio, vostro figlio danneggi proprietà altrui mentre sta giocando o svolgendo altre attività, che sia nel suo Comune di residenza oppure all'estero, in Europa e nei paesi del bacino Mediterraneo. In ogni caso, è necessario verificare le clausole della polizza che si intende stipulare, soprattutto per capire se è esattamente quello di cui si ha bisogno e che il massimale copra i danni che potrebbero arrecare i figli.

Assicurazione bambini: risparmio

Non sono pochi i genitori che si preoccupano per il futuro dei propri figli: soprattutto quando si arriva alla fine del mese tirati, non si hanno case in eredità e si deve contare solo su se stessi. Molti si chiedono come potranno offrire il meglio ai figli, per esempio studi prestigiosi, oppure un aiuto per la prima casa. La migliore soluzione in questi casi è stipulare una polizza risparmio, cioè un tipo di assicurazione che permette di mettere da parte gradualmente somme di denaro che saranno poi versate al bambino, ormai grande, a un determinato momento. 

Esistono diversi modi per garantire dei risparmi ai propri figli, sia attraverso la banca che le assicurazioni. Il modo più "banale" è ovviamente mettere da parte dei soldi, magari su un conto apposito, alimentandolo via via, ma non tutti sono capaci di darsi una regola e rispettarla. In alternativa, esistono: 

  • piani risparmio: si tratta di "accumuli" di denaro, per esempio aprite un conto corrente col mandato di bonifico mensile di una determinata somma, ma esistono anche altre modalità
  • investimenti: potete investire una cifra in fondi sicuri, che vi garantiscano una rendita in positivo per un tot di anni; solitamente gli investimenti hanno una durata fissa che non è possibile interrompere prima, salvo dietro pagamento di una penale
  • assicurazioni: il modo più semplice, variegato e forse anche comprensibile per chi non si intende di investimenti finanziari, perché permette di stipulare diverse opzioni, scegliere la durata e anche gli intestatari del contratto

Stipulare assicurazioni bambini può essere un modo utile per proteggere il presente e il futuro dei vostri figli, e trascorrere gli anni con più serenità!

Aggiornato il 15.02.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli