Home Famiglia Bonus

Che bonus ci sono per le famiglie nel 2024?

di Francesca Capriati - 26.06.2024 - Scrivici

bonus-e-aiuti-alla-famiglia
Fonte: shutterstock
Bonus e aiuti alla famiglia 2024: quali sono i bonus 2024 per le famiglie con reddito basso e senza ISEE? Cosa spetta ai neo genitori e alle famiglie con figli

In questo articolo

Per aiutare le famiglie con figli che si trovano in difficoltà e per fornire misure di sostegno alla maternità sono attivi diversi bonus e agevolazioni, alcuni ormai strutturali (come l'Assegno Unico), altri invece soggetti a rinnovo anno dopo anno. Per aiutarvi a capire bene quali sono i bonus e aiuti alla famiglia 2024, ecco una pratica guida, con i dettagli delle varie misure e i requisiti richiesti per poter accedere.

Che bonus ci sono per le famiglie?

Ecco quali sono i bonus 2024 per le famiglie ancora attivi per tutto il 2024 e che si possono ancora ricevere:

  • Carta Dedicata a Te;
  • Bonus Asilo Nido;
  • Bonus mamme lavoratrici;
  • Bonus sociale per le bollette;
  • Bonus Centri Estivi INPS;
  • Bonus Mamme disoccupate;
  • Bonus affitti e mutuo.

Resta attivo sempre l'Assegno Unico che consiste in una quota che viene data a ciascun figlio, dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età, mese dopo mese, maggiorato in alcuni casi.

Non è più possibile fare la domanda, perché sono scaduti i termini, per:

Cosa spetta ai neo genitori nel 2024?

Mandato in pensione il Bonus Bebè, oggi i neo genitori hanno immediatamente accesso all'Assegno Unico Universale, una misura di sostegno per le famiglie che ha accorpato molti dei bonus attivi negli anni scorsi. Più avanti vi spiegheremo di cosa si tratta e come riceverlo.

Quali sono i bonus 2024 senza ISEE

Senza presentare l'ISEE si ha comunque diritto a ricevere l'Assegno Unico (anche se di importo più basso) e il Bonus Asilo Nido, che prevede un contributo ad importo minimo anche per le famiglie con ISEE superiore a 40mila euro.

Come richiedere il bonus famiglia da 500 euro

In realtà non esiste alcun bonus da 500 euro a livello nazionale. Possono esistere delle agevolazioni (ad esempio  sottoforma di voucher) che vengono proposte dalle amministrazioni comunali, quindi vale sempre la pena di verificare con vostro comune se ci siano degli aiuti per famiglie.

Cos'è l'Assegno Unico?

L'Assegno Unico ha assorbito diversi bonus e aiuti alle famiglie con figli e rappresenta oggi la principale misura di sostegno.

A chi è destinato l'Assegno Unico?

L'assegno è destinato alle famiglie in questi casi:

  • per ogni figlio minorenne a carico e, per i nuovi nati, decorre dal settimo mese di gravidanza;
  • per ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni che frequenti un corso di formazione scolastica o professionale, ovvero un corso di laurea; svolga un tirocinio ovvero un'attività lavorativa e possieda un reddito complessivo inferiore a 8mila euro annui; sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l'impiego; svolga il servizio civile universale;
  • per ogni figlio con disabilità a carico, senza limiti di età.

Quanto ammonta l'assegno unico nel 2024?

L'importo dell'assegno e le relative soglie Isee sono adeguati annualmente alle variazioni dell'indice del costo della vita. Le tabelle relative al 2024 ci dicono che gli importi vanno da 199 euro mensili per gli Isee più bassi fino a 17mila euro a 57 euro mensili per gli Isee oltre i 45 mila euro.

Sono previste maggiorazioni per famiglie numerose, con figli con disabilità (anche se di età superiore ai 21 anni) o se entrambi i genitori lavorano.

Sul sito INPS è disponibile la tabella aggiornata al 2024 degli importi.

Come fare la domanda per l'Assegno Unico?

La domanda per l'Assegno unico e universale è annuale, comprendendo le mensilità che vanno da marzo a febbraio dell'anno successivo e può essere presentata a partire dal 1° gennaio da uno dei due genitori esercenti la responsabilità genitoriale a prescindere dalla convivenza con il figlio:

  • direttamente attraverso il sito INPS,
  • chiamando il contact center,
  • tramite enti di patronato.

Quali sono gli altri bonus 2024 per famiglie

Entriamo più nel dettaglio delle altre agevolazioni che possiamo richiedere.

Cos'è la Carta Acquisti?

Il Bonus spesa euro del 2024, noto anche come Carta Dedicata a te, è l'evoluzione della vecchia Carta Acquisti. Si tratta di una carta elettronica di pagamento destinata alle famiglie che rispettano determinati requisiti di reddito per l'acquisto di beni alimentari di prima necessità e abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblico o carburanti.

Si tratta di un contributo una tantum, ossia erogato una sola volta in via eccezionale che è stato rinnovato anche per il 2024. Le nuove carte saranno operative con l'accredito del contributo che verrà erogato a partire dal settembre 2024.

  • Hanno diritto alla Carta Dedicata a Te i cittadini appartenenti ai nuclei familiari - composti da almeno tre persone - residenti nel territorio italiano, residenti in Italia e con ISEE non superiore a 15.000 euro.
  • Non bisogna fare la domanda perché sarà l'INPS a individuare le famigie che hanno i requisiti e a inviare una email per comunciare la possibilità di ritirare la carta negli uffici postali.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito INPS

Cos'è il Bonus Asilo Nido?

Il Bonus asilo nido e per forme di assistenza domiciliare è il contributo economico che lo Stato offre alle famiglie che hanno un figlio, fra gli 0 e i 3 anni, che frequenta un asilo nido pubblico o privato oppure necessita di assistenza domiciliare perché affetto da gravi patologie croniche.

L'importo del bonus asilo nido varia in base all'ISEE minorenni e consiste in:

  • massimo € 3.000/anno per le famiglie con Isee inferiore a € 25.000;
  • massimo € 2.500/anno per le famiglie con Isee fra € 25.001 e € 40.000;
  • massimo € 1.500/anno per le famiglie con Isee superiore a € 40.000.

Nelle famiglie con un valore ISEE fino a 40.000 euro nelle quali sia già presente almeno un figlio di età inferiore ai dieci anni, l'importo massimo del bonus asilo nido è aumentato fino a € 3.600.

  • Il contributo è un rimborso per il pagamento delle rette e può essere richiesto all'INPS entro il 31 dicembre 2024.

Per maggior informazioni consultare la pagina del Dipartimento per le politiche della famiglia.

Cos'è il Bonus mamme lavoratrici?

Si tratta di un'agevolazione destinata solo alle mamme lavoratrici con contratto a tempo indeterminato del settore privato e della pubblica amministrazione. Il bonus è rivolto alle le mamme con due figli a carico (dall'anno prossimo si passa a 3 figli) che beneficeranno di un esonero dai contributi previdenziali, (9,19% della retribuzione), fino a un massimo di 3.000 euro annui da ripartire su base mensile, che consentirà loro di aumentare lo stipendio mensile.

  • Per richiedere lo sgravio bisogna comunicarlo al datore di lavoro.

Maggior informazioni le trovate nella pagina dedicata dell'INPS

Come si ottiene il Bonus sociale per le bollette?

L'incentivo sociale luce e gas consiste nella possibilità di usufruire di uno sconto automatico in bolletta per tutti gli utenti domestici e non domestici in condizioni economicamente svantaggiate.

  • Possono accedere a questa agevolazione solo i nuclei familiari con Isee fino a 9.530 euro o fino a 20mila euro per le famiglie numerose.

Maggiori informazioni sul sito ARERA.

Chi ha diritto al Bonus Centri Estivi?

Il contributo dei centri estivi INPS è finalizzato ad offrire a minori di età compresa tra i 3 e i 14 anni la possibilità di fruire di centri estivi diurni in Italia, durante la stagione estiva. Il contributo è destinato ai figli o orfani ed equiparati di dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali oppure pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici.

L'Inps mette a disposizione un importo massimo settimanale di 100 euro per un massimo di 20 giorni, anche non consecutivi. Il contributo è riconosciuto in base al valore ISEE.

Come richiedere il bonus 2024? La domanda può essere presentata finoal 26 giugno 2024 online utilizzando il servizio "Portale prestazioni welfare", accessibile a questa pagina, cliccando su "Utilizza il servizio" e selezionando la voce "Portale prestazioni welfare". Tutte le informazioni sulla pagina dedicata.

Cos'è il Bonus Mamme disoccupate?

Lo Stato aiuta le donne incinte e disoccupate con una sorta di Bonus mamme disoccupate, chiamato più precisamente Assegno di maternità dei Comuni: una misura di sostegno al reddito, concessa dai Comuni ma erogata dall'INPS.

Per richiedere il Bonus per mamme disoccupate bisogna avere la cittadinanza italiana, oppure comunitaria con residenza in Italia o extracomunitaria con regolare permesso di soggiorno, e un ISEE non superiore a 20.221,13 euro. Inoltre non devono essere beneficiarie di altri trattamenti per la maternità garantiti dallo Stato o dal datore di lavoro.

  • L'assegno maternità dei Comuni 2024 viene erogato dall'INPS in un'unica soluzione, è pari a 404,17 euro per cinque mensilità e, quindi, a complessivi 2.020,85 euro.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito INPS.

Come funziona il Bonus affitti e mutuo?

Tra le misure e gli aiuti alle famiglie in difficoltà 2024, ci sono anche quelle in favore di chi vive in affitto o ha stipulato un mutuo per l'acquisto della casa. Per l'anno d'imposta 2024, i datori di lavoro potranno decidere di riconoscere ai propri dipendenti un contributo in busta paga per il rimborso dell'affitto o degli interessi del mutuo dell'abitazione principale.

Per maggior informazioni potete leggere sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Quali sono i bonus per i figli

In sostituzione del Bonus Cultura 18 App, per il 2024 sono attive due carte: la "Carta della cultura Giovani" e la "Carta del merito". Valgono 500 euro ciascuna e sono cumulabili fra loro. Possono essere richieste fino al 30 giugno 2024 e gli acquisti possono essere effettuati fino al 31 dicembre 2024.

  • La Carta cultura è riconosciuta ai giovani nati nel 2005 e appartenenti a nuclei familiari con Isee non superiore a 35mila euro.
  • La Carta del merito è invece riconosciuta a tutti coloro che hanno conseguito, non oltre i 19 anni, il diploma finale con una votazione di 100 o 100 e lode.

Tutte le informazioni sul sito del Ministero della cultura.

Esiste un bonus pc e tablet?

Gli studenti possono richiedere il bonus computer se sono in possesso di un'Isee che non supera i 20 mila euro: l'agevolazione consiste in uno sconto è di 300 euro sull'acquisto di un nuovo computer.

Per richiederlo è necessario utilizzare l'app IO, ma ad oggi non sono stati resi noti altri dettagli.

Esistono bonus 2024 per disoccupati?

Innanzitutto c'è una forma di Sostegno al Reddito, chiamato anche bonus SaR 2024 o bonus disoccupati, che consiste in un'indennità fino a 1.000 € per i lavoratori che hanno avuto contratti a tempo determinato o indeterminato, anche in apprendistato, e che ora sono disoccupati.

  • La domanda va presentata utilizzando il sistema FTWeb. Lo si può fare in autonomia oppure ci si può rivolgere agli sportelli sindacali.

Cos'è l'Assegno di inclusione?

Si tratta di una misura nazionale di contrasto alla povertà, alla fragilità e all'esclusione sociale delle fasce deboli attraverso percorsi di inserimento sociale, nonché di formazione, di lavoro e di politica attiva del lavoro. 

Tutte le informazioni sulla pagina dedicata INPS.

Hanno diritto all'esenzione dei ticket sanitari:

  • Cittadini di età inferiore a sei anni e superiore a sessantacinque anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo complessivo non superiore a 36.151,98 euro.
  • Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Per approfondire ecco la pagina dedicata del Ministero della Salute.

Quali esenzioni si hanno in gravidanza

Le coppie hanno diritto a eseguire gratuitamente, senza partecipazione al costo (ticket), alcune prestazioni specialistiche e diagnostiche utili per tutelare la loro salute e quella del nascituro.

Per capire quali sono le prestazioni offerte gratuitamente vi rimandiamo al sito del Ministero della Salute.

Esistono dei bonus per la scuola?

Non a livello nazionale, ma in alcune regioni o comuni esiste il cosidetto Bonus Dote scuola: è il caso della Lombardia o del Friuli Venezia Giulia.

Cosa prevede Dote scuola in Lombardia

Dote Scuola è la politica di Regione Lombardia che prevede quattro tipologie di contributi per sostenere economicamente il percorso educativo di studenti e studentesse, dai 3 ai 21 anni, residenti in Lombardia e frequentanti corsi ordinari di istruzione o formazione professionale, per favorire la libera scelta dei percorsi educativi e contrastare l'abbandono scolastico.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dedicato.

Dote scuola in Friuli Venezia Giulia

Dote scuola è un contributo forfettario erogato da ARDIS ai nuclei familiari, residenti in regione, che comprendono al loro interno studenti iscritti alle scuole secondarie di primo e di secondo grado statali e paritarie, come disciplinato dall'articolo 9 della legge regionale 13/2018. 

Qui un approfondimento.

Domande e risposte

Come funziona il bonus animali domestici?

Per poter beneficiare del bonus, i proprietari degli animali devono avere più di 65 anni e un Isee inferiore a 16.215 euro. Sono ancora da definire le modalità di attribuzione e l'ammontare del bonus. Comunque non si tratterà di un importo in denaro, ma di una detrazione per le spese sostenute per le cure del proprio pet.

Quali sono i bonus che si possono richiedere?

Attualmente per le famiglie si può richiedere l'Assegno Unico, la Carta Dedicata a Te (in presenza di determinati requisiti), il Bonus asilo nido, il bonus per le bollette e quello per i centri estivi dei figli.

Cos'è il Bonus Figli disabili 2024?

Il Bonus figli disabili è un aiuto economico, con un importo minimo annuale di 1.500 euro che può variare in base all'ISEE, fino ad arrivare a circa 3.000 euro per i nuclei familiari con un ISEE più basso.

Cos'è il bonus 500 euro per i figli?

Il bonus figli da 500 euro era un'iniziativa, scaduta a febbraio 2024, portata avanti delle singole amministrazioni comunali e da verificare con il proprio comune. 

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli