Italia

Lavori domestici: le donne in Italia dedicano 3 ore più degli uomini

puliziedicasa
08 Settembre 2016
Le donne italiane vincono. Vincono 3 a zero sui maschietti del Bel Paese. Ebbene sì, ogni donna italiana spende 3 ore in più rispetto ai maschietti nelle faccende di casa. Lo stesso vale per la Spagna. Nel Nord Europa e America però, la situazione è diversa...
Facebook Twitter More

La cucina da sistemare dopo aver cucinato, i panni da lavare, stendere e... sì, a volte anche stirare.

I pavimenti, i tappeti, le finestre: in casa sembra non essere mai finita, ci sarebbe sempre da pulire. Eh si sa che quando si parla di faccende domestiche, le donne italiane vincono. Vincono 3 a zero sui maschietti del Bel Paese. Ebbene sì, ogni donna italiana spende 3 ore in più rispetto ai maschietti nelle faccende di casa.

 

Questo il risultato di uno studio pubblicato dalla rivista Demographic Research e realizzato in 19 Paesi. E da noi, il triste primato del mondo occidentale. La differenza di ore "lavorate" (perché di lavoro comunque si tratta) è più grande. Qualche esempio? In Canada la differenza è appena di un'ora.

 

Lo studio dell'Università di Oxford ha analizzato le ricerche fatte sul tema negli ultimi 50 anni. Italia e Spagna, spiegano gli autori, sono i paesi con la maggiore differenza, nonostante questa si sta riducendo. 

 

Nel 1980 c'era una differenza più grande...

 

Nel 1980 il gap in Italia era di quattro ore, in quarant'anni c'e' stata una riduzione del 25%. Lo stesso vale per la Spagna. In Italia nel 1980 l'uomo passava appena 17 minuti nelle faccende domestiche, mentre nel 2008, ultimo anno disponibile, erano cresciuti a 38, mentre per la donna erano 221.

 

Passiamo ora al nord (Europa e America). La differenza è poco sopra i 60 minuti a settimana. "La ricerca ha trovato che i paesi esaminati si muovono nella direzione della parità tra i generi - riporta l'Ansa  -. Ma ci sono dei limiti a quello che si può raggiungere senza cambiare le politiche sociali, l'atteggiamento di datori di lavoro e manager e le convinzioni culturali su quali siano i ruoli maschili e femminili nella società'".