Parità di genere

Come introdurre i bambini al tema dell’uguaglianza di genere

Di Sara De Giorgi
bambina
10 Maggio 2019
L'amore è universale e riguarda tutti allo stesso modo. Mel Elliot, illustratrice inglese e autrice del libro La bambina con due papà, ha voluto raccontare, con ironia e delicatezza, la storia di una famiglia omogenitoriale per affrontare con i piccoli il tema della diversità e della parità di genere nella famiglia.
Facebook Twitter Google Plus More

L'amore è universale e nulla dovrebbe mettere questo concetto fondamentale in discussione. Lo sa bene Mel Elliot, scrittrice e illustratrice inglese e autrice del libro La bambina con due papà, edito in Italia da De Agostini, che racconta, con delicatezza e semplicità, la storia di una famiglia omogenitoriale.

 

In particolare, Mel Elliot, per affrontare con i piccoli il tema della diversità e della parità di genere nella famiglia, ha creato una trama, tenera e ironica, che ha come protagonista Matilda, una bambina con una famiglia particolare e bellissima, composta da due papà.

 

Co-protagonista della storia è Pearl, compagna di scuola di Matilda e curiosissima di scoprire la vita della coetanea con due padri... finché si accorge che la vita dell’amica è esattamente come quella che fa lei: piena di regole e di raccomandazioni. Insomma, avere due papà è… noioso quanto avere una mamma e un papà!

 

Abbiamo intervistato Mel Elliot, che in questi giorni si trova al Salone del Libro di Torino e che proprio nel capoluogo piemontese presenterà il 12 maggio il suo libro alle ore 11.30 (con Enrico Galiano e Matteo Bussola presso l'Arena Bookstock), chiedendole di parlarci meglio del suo libro e di darci alcuni suggerimenti utili a  introdurre i bambini al tema dell’uguaglianza di genere.

 

LEGGI ANCHE: Parità e uguaglianza? Spiegatele ogni giorno ai vostri figli

 

 “La bambina con due papà”: l'idea del libro

 

Il libro "La bambina con due papà" fa parte di una serie di tre libri che hanno come protagonista "Pearl Power", personaggio ispirato a sua figlia. Tutti e tre i testi sono incentrati sul tema dell'uguaglianza di genere.

 

«Un giorno mia figlia è tornata da scuola dicendo che una delle sue compagne aveva due papà: da ciò mi è venuta l'idea di scrivere un libro che parla di una famiglia omogenitoriale, argomento che fa parte del più vasto campo della "gender equality" (uguaglianza di genere)».

 

TI PUO' INTERESSARE:  Come educare i bimbi alla diversità

 

Diversità di genere nella famiglia, la situazione attuale

 

Secondo Mel attualmente l'Inghilterra è abbastanza aperta a questo genere di tematiche e le coppie gay hanno la possibilità di sposarsi e di adottare figli.

 

«Ho dunque pensato che questo fosse il momento giusto di far capire ai bambini che avere due papà è una condizione di normalità. Inoltre, recentemente, nelle scuole elementari hanno introdotto lezioni e laboratori incentrati sulle questioni e sui diritti Lgbtq. Purtroppo molti genitori, come risposta, hanno iniziato a ritirare i bambini da scuola e si è verificata una situazione di chiusura riguardo questi argomenti. Ciò mi ha spinto a farmi portavoce dei diritti di tutti».

 

LEGGI PURE: Come educare un bambino al rispetto delle donne, 15 consigli

 

Come pensa che debbano essere spiegati questi temi ai più piccoli?

 

«Questo genere di questioni sono problematiche solo perché gli adulti le fanno sembrare straordinarie. I bambini ereditano il concetto di "straordinarietà" da genitori, insegnanti, nonni»

 

«Il modo migliore per far fronte ai pregiudizi è quello di parlare non solo ai bambini, ma in primis, agli adulti, a chi giudica ancora queste situazioni come un fatto fuori dalla norma».

 

Siamo ancora molto lontani dal raggiungimento dall’accettazione e di queste dinamiche contemporanee?  

 

«A mio parere stiamo andando abbastanza bene, in Europa ci sono molte iniziative che favoriscono l'uguaglianza di genere. Nonostante ciò, al momento, ci sono anche alcuni contesti in cui si fanno passi indietro: esiste una regressione in atto soprattutto per quanto riguarda il rispetto e l'uguaglianza di tutti».

 

Consigli per introdurre i bambini al tema dell’uguaglianza di genere

 

Ecco alcuni suggerimenti di Mel Elliot per far percepire, già dal contesto domestico, ai bimbi ordinarie anche le situazioni straordinarie e introdurli così al tema dell'uguaglianza di genere:

 

  1. Faccende domestiche. «Fate in modo che anche il papà (e non solo la mamma) si occupi delle faccende domestiche, in modo tale da fare percepire ai bambini l'intercambiabilità tra i ruoli».
  2. Cura dei figli. «Fate sì che anche il padre (e non solo la madre) si occupi della cura dei bambini e che li aiuti a lavarsi, a vestirsi, a lavarsi i denti, ecc. Così, eviterete l'abbinamento di queste attività esclusivamente con il ruolo della mamma. Inoltre, fate anche attenzione a non far associare al bambino la figura del papà con colui che è presente soltanto in momenti di svago come le gite, le passeggiate in bici, ecc.».
  3. Televisione, libri, film. «Prestate attenzione ai contenuti presenti in film, cartoni, libri, ecc. e ai messaggi che vengono veicolati, affinché non siano inquinati da stereotipi nocivi».
  4. Cercate di non far sembrare ai bambini "straordinarie" attività normali: non sottolineate al bambino, ad esempio, il fatto che papà sta lavando i piatti, evitando di esclamare "Che bravo papà"! Questa non deve essere una cosa fuori dal comune, ma deve essere percepita invece come un'attività normale. Solo così i bambini non legheranno determinate competenze a un solo genere.
| M. Elliot, "La bambina con due papà", De Agostini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: