BATTESIMO E CRESIMA

Come scegliere il padrino e la madrina

Di Alice Dutto
comesceglierepadrinomadrina.600
14 marzo 2017 | Aggiornato il 9 aprile 2018
Madrina e padrino non devono solo soddisfare i requisiti del diritto canonico, ma è bene che siano scelti sulla base anche di altri requisiti, come ci ha spiegato don Marco Galli di Genova

 

Spesso il momento della scelta del padrino e della madrina per il battesimo o per la cresima del proprio figlio rappresenta un momento critico, che può minare gli equilibri familiari. Abbiamo chiesto a don Marco Galli della Basilica di Santa Maria Immacolata a Genova qualche consiglio per una decisione consapevole.

 

 

1. Il ruolo del padrino e della madrina

 

battesimo

 

cresima

 

 

LEGGI ANCHE: 6 consigli per organizzare un battesimo

 

padrino

 

madrina

 

 

 

2. I requisiti previsti dal codice del diritto canonico

 

  • di avere più di 16 anni;
  • di essere stati battezzati e cresimati;
  • di fornire testimonianza di vita cristiana coerente.

 

«In più, alcune parrocchie, prima della cerimonia, prevedono due o tre incontri di preparazione al ruolo e al momento del sacramento».

 

 

3. I requisiti spirituali

 

adolescenza

 

 

4. Il momento della Cresima

 

cresime

 


«Qui sarà decisiva la partecipazione del ragazzo. Ecco che, in questo momento, la scelta del padrino o della madrina di cresima dovrà essere compiuta da lui insieme alla famiglia: sarà importante che scelga sempre una persona vicina, che diventi un punto di riferimento, soprattutto nel percorso di fede».

 

 

SFOGLIA LA GALLERY: 30 idee per la torta della Cresima