Home Famiglia Costume

A Trieste i rifugiati saranno ospitati in famiglie

di Sara De Giorgi - 11.11.2015 - Scrivici

migrants.600
Fonte: Alamy.com
A Trieste sta per partire il progetto di integrazione "A Trieste l'ospitalità è di casa". Saranno donati 400 euro al mese ad ogni famiglia che sceglie di accogliere i rifugiati, per un massimo di sei mensilità e di due richiedenti asilo per nucleo familiare.  Lo ha dichiarato il sindaco Cosolini, sottolineando come il Friuli sia una delle porte della rotta balcanica.

A Trieste saranno donati 400 euro al mese ad ogni famiglia che sceglie di accogliere i rifugiati, per un massimo di sei mensilità e di due richiedenti asilo per nucleo familiare. Secondo quanto riporta Il Piccolo è questo l'obiettivo del progetto di integrazione "A Trieste l'ospitalità è di casa", prevalentemente dedicato ai rifugiati, che Comune, Prefettura, Caritas e Ics - Consorzio italiano solidarietà stanno per varare.

Il sindaco di Trieste Roberto Cosolini ha detto a proposito del Friuli Venezia Giulia: "Siamo una delle porte della rotta balcanica. Tutta la regione sta subendo un impatto dai flussi che arrivano via terra, basti pensare che la media giornaliera è di 700 persone che stazionano in città".

L'assessore alle Politiche Sociali Laura Famulari ha spiegato come il progetto possa portare anche dei vantaggi economici alla regione: "Spenderemo meno dei 30 euro pro-capite dei fondi europei previsti per ogni persona accolta".

Saranno ospitati migranti ambientati in Italia e che conoscono la lingua. Il progetto non è ancora partito ed è già oggetto di molte critiche, soprattutto da parte della fazione politica opposta a quella del sindaco.

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli