Home Famiglia Costume

Creata una raccolta fondi per far studiare Rayane e tutti gli altri bambini bisognosi

di Sara De Giorgi - 01.08.2019 - Scrivici

libri.600
Fonte: Shutterstock
È stata realizzata, grazie all'iniziativa dell'associazione "Famiglie Accoglienti", una raccolta fondi per fare studiare il piccolo Rayane, il bambino sgomberato a Primavalle (Roma). Il fondo raccolto non servirà soltanto a lui, ma anche ad altri bambini che si trovano in situazioni di disagio e che sono nell'impossibilità di condurre una vita normale.  

Rayane, il ragazzino marocchino di 11 anni che era stato fotografato con i suoi libri in mano durante lo sgombro di una ex scuola nel quartiere di Primavalle a Roma, periferia a nord della Capitale, avrà i soldi necessari per continuare a studiare nei prossimi anni.

Ciò grazie anche al crowdfunding che è stato lanciato sulla piattaforma Gofundme dall'associazione "Famiglie Accoglienti", che ha voluto creare uno spazio virtuale per raccogliere i soldi per consentire al bambino di continuare ad andare a scuola.

Sulla pagina della piattaforma è scritto: «La foto del bambino vittima di uno sgombero di polizia a Roma, che se ne va con una pila di libri in mano, è lo specchio dell’Italia di oggi, che odia la cultura, se la prende coi più deboli e ha distrutto ogni speranza di miglioramento sociale. Rayane è marocchino, vuole studiare, ha promesso alla sua professoressa di matematica di laurearsi».

Il fondo raccolto non servirà soltanto a Rayane, ma anche ad altri bambini che, similmente a lui, si trovano in situazioni di disagio, magari senza un tetto sulla testa, e che sono nell'impossibilità di condurre una vita normale.

Fabrizio Tonello di "Famiglie Accoglienti", professore di scienze politiche all'università di Padova, ha affermato: «Il successo della nostra iniziativa dimostra che abbiamo toccato una corda sensibile, quella del diritto allo studio, che è strettamente connesso al diritto alla casa. Quando lo stato smette di occuparsi dei più deboli e si dimentica dei diritti fondamentali, allora deve intervenire la società civile».

Nella pagina realizzata su Gofundme è scritto anche, alla fine: «"Famiglie Accoglienti" userà i fondi raccolti esclusivamente per aiutare negli studi tutti bambini sgomberati a Primavalle e oggi dispersi in varie sistemazioni di fortuna a decine di chilometri da quella che era stata per vent'anni la loro casa». Finora si è arrivati a 8.438 euro e la raccolta va avanti.

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA:

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati

ultimi articoli