Home Famiglia Costume

Dress code estivo a scuola: polemica tra presidi e studenti

di Francesca Capriati - 07.06.2022 - Scrivici

dress-code-estivo-a-scuola
Fonte: shutterstock
Dress code estivo a scuola: in molte scuole divieto di indossare short e infradito, il dibattito si riapre ogni anno e non solo in Italia

Dress code estivo a scuola

Vietato l'abbigliamento da spiaggia in classe. La questione del "dress code" a scuola in estate si riapre puntuale come ogni anno e un sondaggio condotto da Skuola.net dimostra che nel nostro Paese uno studente su 2 è soggetto a qualche forma di divieto riguardo l'abbigliamento estivo in classe. Stavolta ad accendere il dibattito la circolare firmata dalla preside di una scuola di Chivasso, nel torinese. Ma il problema non riguarda solo l'Italia.

L'utima circolare su dress code estivo a scuola

«La scuola merita rispetto», così si legge nella circolare per studenti e docenti all'Istituto comprensivo «Cosola». La preside ha più volte richiamato studenti e personale scolastico ad avere un abbigliamento consono al contesto scolastico, ma è stato alla fine necessario mettere questa regola nero su bianco, dopo che alcuni studenti si sono presentati in classe con infradito e bermuda. Quindi per entrare a scuola studenti, personale scolastico e anche i genitori devono avere un abbigliamento decoroso.

Nella circolare si legge: «Si ricorda al personale, agli studenti e ai genitori che la scuola è un ambiente educativo, nonché un luogo istituzionale che merita adeguato rispetto e ciò implica che ciascuno lo frequenti con un abbigliamento sobrio e decoroso, consono all'ambiente scolastico - si legge nella nota. Pertanto, tutti gli adulti, tutti gli alunni e tutte le alunne sono invitati a non indossare abiti inopportuni, che evochino tenute estive, o anche balneari del tutto fuori posto in un contesto scolastico: shorts, canotte, top scollati, hot pants, gonne troppo succinte, vestiario da spiaggia. Per motivi di sicurezza si raccomanda di non indossare ciabatte, infradito o sandali che non garantiscono la stabilità al fine di prevenire cadute accidentali o di scivolamento. Per infrazioni che riguardano l'adozione di abbigliamento ritenuto incompatibile si procederà con richiami, seguiti, in caso di recidiva, da provvedimenti disciplinari. Questo vale sempre e comunque per adulti e alunni a qualsiasi titolo siano a scuola: frequenza di corsi, esami, assistenza ad esami, colloqui tra genitori e docenti».

Naturalmente la circolare non è stata accolta senza polemiche: il fronte dei genitori, e anche degli studenti e del personale scolastico, resta comunque diviso in due, tra chi si dice d'accordo con la dirigente e chi, invece, non vede nulla di male nel vestirsi più leggeri se fa molto caldo.

Un problema non solo italiano

C'è da dire che la questione non è limitata ai nostro confini. Ad Ottawa c'è stata qualche tempo fa, una vera e propria protesta messa in campo dagli studenti di una scuola superiore. I docenti e i dirigenti sono accusati di aver fatto una sorta di blitz sul dress code scolastico. Alcuni ragazzi vestiti in modo considerato inappropriato sono stati invitati ad uscire nei corridoi, a cambiarsi oppure ad andare via. Le proteste vedono in prima linea anche i genitori che accusano la scuola di aver colpevolizzato soprattutto le ragazze per il loro guardaroba.

Una questione di genere?

In effetti non si può non riflettere sul fatto che queste regole finiscono per colpire soprattutto le ragazze. Secondo alcuni, shorts e canottiere non solo non sono consoni al contesto scolastico, ma distraggono facilmente compagni di classe e persino docenti.

Quindi si rischia di passare da quella che può essere una decisione giusta – stabilire un dress code, in modo anche da insegnare ai ragazzi che per ogni ambiente e situazione ci vuole l'abbigliamento adatto – alla colpevolizzazione diretta esclusivamente alle ragazze. E in questo modo si perdono di vista le giuste motivazioni che sono alla base di una regola sul dress code adeguato alla scuola.

Dress code a scuola, giusto o no?

Sin dalla scuola primaria, dove in molti casi è d'obbligo la divisa, in estate le maestre raccomandato magliette in cotone di colore bianco, pantaloncini blu e scarpe comunque chiuse e senza lacci. Un look semplice e pratico, insomma. Indicazioni che, se vogliamo, dovrebbero restare valide anche negli anni successivi. La scuola non è una spiaggia, una discoteca, un parco.

E' un luogo dove non necessariamente si devono sfoggiare outfit ricercati ma nemmeno troppo basic. Se ci pensiamo bene infradito, shorts e canottiere non sono decisamente un abbigliamento consono alla scuola. Chi di noi si presentirebbe vestito così in ufficio?

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli