Home Famiglia Costume

Il Collegio 5, tutto sulla nuova edizione del docureality a tema scuola

di Elena Cioppi - 28.10.2020 - Scrivici

il-collegio-5-novita
Fonte: Courtesy
Il collegio 5, al via la nuova edizione del docu-reality in cui un gruppo di studenti deve vedersela con studio serrato e professori temibili.

Su Rai 2 è partito Il collegio 5, la nuova edizione del docureality ispirato al mondo della scuola che catapulta un gruppo di alunni in un istituto vintage. Per l'esattezza, il cast del collegio stagione 2020 vivrà nel 1992 tra telefoni analogici, zero tecnologia e professori temibili. Dal 27 ottobre e poi ogni martedì in prima serata questo show terrà incollati milioni di spettatori curiosi di capire come se la caveranno un gruppo di adolescenti senza TikTok, il social preferito dalla Generazione Z. Ragazzi su Instagram, incollati allo smartphone tutto il giorno? Non è questo il caso: i protagonisti de Il collegio 5 su Rai 2, proprio come quelli delle passate edizioni, dovranno uniformarsi alle abitudini dei ragazzi che vivevano nell'anno di ambientazione della stagione a cui prendono parte, senza eccezioni.

In questo articolo

Il collegio 5, cast e novità

Gli alunni de Il collegio 5 sono 21 e vivranno nel Convitto Regina Margherita di Anagni a Frosinone. Tra le novità di questa stagione il cambio di location è quella più d'impatto, visto che nelle scorse edizioni lo sfondo era il convitto San Carlo di Celana a Caprino Bergamasco. Tra le news più interessanti di questa edizione c'è anche l'introduzione dell'educazione sessuale come materia da accompagnare a quelle classiche, da italiano a matematica passando per inglese e informatica in una versione completamente analogica: il cuore di questo show di Rai 2 è infatti la completa immersione degli studenti in un'altra epoca, diversa da quella in cui questo gruppo di adolescenti sono abituati a vivere tra smartphone, social e challenge su TikTok

Gli studenti de Il collegio 5, ritorno al passato (nel 1992)

Il cast de Il collegio 5 è composto come sempre da un gruppo di ragazzi tra i 14 e i 17 anni in arrivo da tutta Italia. La prova maggiore, oltre a seguire le rigide regole dell'istituto, sarà quella di calarsi completamente nelle abitudini e nella routine dei loro coetanei nel 1992. Questo per quanto riguarda la "finzione" del docu-reality: in realtà il racconto quotidiano degli alunni avviene proprio su quei social come TikTok e Instagram che tra i banchi sono invece banditi. Ognuno degli studenti coinvolti in questa nuova stagione ha una personalità e un carattere particolare, che si differenzia dagli altri e ovviamente attira l'attenzione degli spettatori, che si dividono tra genitori e adulti curiosi e ovviamente ragazzi coetanei dei protagonisti dello show.

Tra gli alunni di quest'anno ci sono già alcuni personaggi che si sono fatti notare nella prima puntata andata in onda su Rai 2:

Alessandro Andreini

16 anni, detto Il catechista per la sua partecipazione alle attività dell'oratorio del suo paese. Possiamo considerarlo il personaggio anti-social di questa edizione, che di TikTok non saprebbe che farsene neanche nel 2020, figuriamoci nel 1992.

Linda Bertollo

Una delle protagoniste più giovani (14 anni), detta Il maschiaccio per via delle rispostacce che spesso dà agli adulti per imporre la sua opinione. Sarà uno degli ossi duri di questa edizione.

Luna Sconamiglio

La "popstar partenopea": così si definisce questa ragazza di 17 anni che al suo profilo, nella presentazione ufficiale su Instagram, ha aggiunto anche "sognatrice e smorfiosa". Ottime premesse.

Luca Lapolla

16 anni, farà il paio con Luna la popstar: si definisce narcisista e modaiolo e dovrà adeguarsi allo stile del 1992 e alle abitudini di quegli anni rinunciando ai suoi gusti attuali.

Gli altri alunni de Il Collegio 5 sono: Ylenia Grambone, "la hippie riflessiva"; Usha e Rahul Teoli, "gli inseparabili"; Sofia Cerio, "l'internazionale poliglotta"; Marco Crivellini, "il bello e ribelle"; Rebecca Mongelli, "l'aspirante influencer"; Luca Zigliana, "il pessimista leopardiano"; Mishel Gashi, "la miss irriverente"; Maria Teresa Cristini, "la smarrita"; Giordano Francati, "il redento"; Davide Vavalà, "il leader scapigliato"; Bonard Dago, "il Balotelli 2.0"; Andrea di Piero, "il senatore dannunziano"; Giulia Matera, "la paladina della giustizia"; Alessandro Guida, "il rocker surfista"; Giulia Maria Scarano, "la comica"; Aurora Morabito, "la rapper".

Le materie e i prof de Il Collegio 5

Come tutti i collegi, anche quello di Rai 2 ha un parterre di personale scolastico e professori importanti quasi come gli studenti. C'è un preside (il temibile Paolo Bosisio), il bidello e persino dei sorveglianti che devono tenere sotto controllo gli alunni. Alcuni degli insegnanti poi lo sono davvero nella realtà: è il caso di Andrea Maggi, che al Collegio è insegnante di italiano ed educazione civica. Tra tutti i prof Maria Rosa Petolicchio (matematica e scienze) è forse la più amata dagli alunni e dal pubblico, anche lei professoressa nella vita di tutti i giorni. Tra le conferme di questa edizione c'è Valentina Gottlieb, che insegnerà Educazione Motoria. Ma gli alunni dovranno imparare anche a cavarsela con la breakdance, l'arte, l'inglese, l'informatica (aggiornata al 1992, ovviamente), la recitazione e il canto. Con un bonus niente male: l'introduzione dell'Educazione Sessuale con la professoressa Roberta Sette.

Il successo di un docureality originale

Nell'anno in cui la scuola subisce gli scossoni più impattanti della sua storia, Il Collegio è un ritorno consolante: lo schema del docureality della Rai è sempre lo stesso dopo 5 edizioni ma la sua forza è il cast di alunni e professori, che aggiunge a tutte le stagioni quel quid televisivo che appassiona milioni di telespettatori.

La prima edizione, andata in onda nel 2017, ha portato gli alunni a spasso tra i decenni più importanti di questo secolo: la quarta edizione era ambientata nel 1982, ma ci sono state anche capatine negli anni Sessanta (la seconda e la terza edizione, ambientate rispettivamente nel 1961 e nel 1968, anno delle rivolte giovanili) e negli anni Ottanta. I protagonisti delle scorse edizioni oggi sono influencer che sfruttano il successo televisivo per lavorare con marchi e campagne pubblicitarie. Altri invece hanno semplicemente accantonato l'esperienza proseguendo con il corso degli studi (senza telecamere, però). Con una media di 2 milioni di spettatori a episodio, si conferma come uno dei reality più attesi e apprezzati della tv nostrana. E la nuova stagione in corso non è da meno.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli