Salute

Latte alla spina, via dalle mense scolastiche e obbligo di bollitura

latte
05 Dicembre 2008
Il ministero del welfare detta misure urgenti sul latte crudo erogato dai distributori automatici, sotto accusa per i casi di infezioni renali riscontrate nelle scorse settimane in alcuni bambini che avevano bevuto il latte non pastorizzato. Sequestrata la carne alla diossina.
Facebook Twitter Google Plus More

Il latte crudo è salvo: un'ordinanza del ministero del Welfare lo ha però vietato nelle mense scolastiche e ha fissato tre giorni per la scadenza. Ma, soprattutto, da ora i 1.111 distributori automatici che erogano 6 milioni di litri l'anno, dovranno obbligatoriamente riportare una indicazione igienica indispensabile per consumare questo tipo di latte in sicurezza: "Prodotto da consumarsi solo dopo bollitura".

L'obiettivo è quello di evitare le infezioni dovute al batterio Escherichia coli, riscontrate in alcuni bambini (i casi sono una decina) che avevano bevuto latte non pastorizzato erogato dalle macchine.

"Con l'ordinanza firmata oggi (10 dicembre, ndr) - ha spiegato il sottosegretario al Welfare, Francesca Martini - si è voluta tutelare la salute dei consumatori ma anche gli allevatori". Il latte italiano, ha aggiunto Martini che ha incontrato il ministro dell'Agricoltura Luca Zaia, "è di grande qualità " e, hanno confermato Silvio Borrello, direttore della sanità animale del ministero e Romano Marabelli capo dipartimento della sanità animale dello stesso dicastero, i controlli veterinari sono costanti e attenti. "In tutto ci sono in Italia 1.111 distributori e l'obiettivo dell'ordinanza è quella di fare in modo che i consumatori possano utilizzare questo prodotto in sicurezza, risparmiando e utilizzando un alimento che arriva dal proprio territorio".

Leggi anche l'articolo sulla carne alla diossina